Alighiero Boetti. Perfiloepersegno

Alighiero Boetti, Mappa, 1979-83, ricamo su tessuto, cm. 103x155

 

Dal 16 Marzo 2018 al 15 Luglio 2018

Asti

Luogo: Museo Civico Palazzo Mazzetti

Indirizzo: corso Vittorio Alfieri 357

Orari: da martedì a domenica: 10.00 – 19.00 (ultimo ingresso ore 18.00). Giorno di chiusura: lunedì.

Curatori: Laura Cherubini

Enti promotori:

  • Fondazione Palazzo Mazzetti
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Asti
  • Città di Asti

Telefono per informazioni: +39 0141 530403

E-Mail info: info@palazzomazzetti.it

Sito ufficiale: http://www.palazzomazzetti.eu/


Comunicato Stampa:
La Fondazione Palazzo Mazzetti e la Fondazione Cassa di Risparmio di Astipresentano, da sabato 17 marzo a domenica 15 luglioPERFILOEPERSEGNO, personale di Alighiero Boetti (Torino, 1940-1994), presso Palazzo Mazzetti.

La mostra, interamente prodotta dalla Fondazione Palazzo Mazzetti e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, nasce da un’idea di Maria Federica Chiola ed è curata dalla storica dell’arte Laura Cherubini in collaborazione con Maria Federica Chiola. L’esposizione si inserisce in un percorso intrapreso nel 2015 con il progetto “Asti Contemporanea, collezioni private”, con l’obbiettivo di approfondire la cultura del contemporaneo nella città di Asti, attraverso il dialogo con i collezionisti privati, le fondazioni e i musei.

La Fondazione Palazzo Mazzetti, da sempre attenta alla promozione e allo sviluppo della cultura artistica locale a livello internazionale, con questa grande esposizione vuole offrire un nuovo punto di vista sulla produzione di un grande artista, attraverso la lente del profondo legame che unisce Alighiero Boetti (torinese di nascita) e la sua produzione all’importante tradizione storico-artistica del territorio che gli ha dato i natali.

Il percorso si compone di 65 opere che comprendono arazzi, mappe, arazzetti, ricami e cartoncini a biro, che si integrano alla perfezione nella splendida cornice offerta dal palazzo settecentesco (restaurato a partire dal 2005), con i suoi tesori e arredi.  
Il tema della mostra trae origine da una profonda riflessione di Alighiero Boetti ripresa da Jean C. Amman nel saggio "Dare tempo al tempo"Quel che la biro rappresenta per un occidentale, per un Afgano è il ricamo che come una memoria sovraindividuale reca in sé parti della biografia collettiva.” Diventa così possibile riscoprire la lunga indagine che ha condotto l’artista ad analizzare l’eterno e conflittuale rapporto tra la cultura occidentale e quella orientale. L’esposizione pone in dialogo le opere a penna biro, cartoncini realizzati in Italia sotto precise indicazioni dell’artista con l’utilizzo di penne colorate, e i ricami, una raccolta di frasi e pensieri riferite al tempo, ricamati all’interno di quadrati come formule matematiche.
La città di Asti vanta un immenso patrimonio legato alla tradizione dell’Arazzeria Scassa, fondata nel 1957 da Ugo Scassa, maestro della lavorazione e produzione di arazzi e in particolare all’usanza di tradurre in tessuto le opere di famosi pittori del 900 come Capogrossi, Corpora e Santomaso.
Dal solido legame con questa tradizione la scelta di proporre la grande produzione di arazzi e ricami dell’artista piemontese Alighiero Boetti, un vero e proprio diario in cui vengono rappresentate storie, concetti di vita, pensieri e la memoria stessa di un artista girovago, un esploratore di mondi e di culture.

Il percorso espositivo sarà corredato da una speciale pubblicazione con testo critico redatto dalla curatrice. Il volume sarà edito da Sagep Editori.  
Alighiero Boetti (1940-1994) nasce a Torino dove esordisce nell’ambito dell’Arte Povera nel gennaio del 1967. Artista concettuale, versatile e caleidoscopico, moltiplica le tipologie di opere la cui esecuzione – in certi casi – viene delegata con regole ben precise ad altri soggetti e altre mani. É più volte presente alla Biennale di Venezia, con sala personale nell’edizione del 1990 nella quale ottenne la menzione d’onore della Giuria. Tra le mostre più significative degli ultimi anni è stata realizzata la grande retrospettiva Game Plan in tre prestigiose sedi (il MOMA di New York, la Tate di Londra, il Reina Sofia di Madrid). Dell’ampio corpus di opere molte sono conservate in diverse sedi museali italiane ed internazionali, tra cui il Centre Pompidou di Parigi, Stedelijk Museum, il MOCA di Los Angeles.
Opening: venerdì 16 marzo 2018 ore 18.30 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI