The Blank ArtDate - Frequenze / Frequencies

The Blank ArtDate - Frequenze / Frequencies

 

Dal 25 Maggio 2018 al 27 Maggio 2018

Bergamo

Luogo: The Blank Contemporary Art

Indirizzo: via G. Quarenghi 50

Enti promotori:

  • Regione Lombardia
  • Comune di Bergamo

Telefono per informazioni: +39 035 19903477

E-Mail info: associazione@theblank.it

Sito ufficiale: http://www.theblank.it


Comunicato Stampa:
Venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 maggio, Bergamo ospita l’ottava edizione di The Blank ArtDate.

Con oltre 30 appuntamenti, 45 artisti e 5 istituzioni coinvolte, la manifestazione si conferma un punto di riferimento e un appuntamento imperdibile non solo per gli appassionati d’arte contemporanea ma per tutti coloro che, in una dimensione partecipativa e collaborativa, prendono parte ai numerosi eventi proposti.

The Blank ArtDate è un festival d’arte contemporanea riconosciuto dalla piattaforma europea EFFE - Europe for Festivals, Festivals for Europe per la sua qualità artistica, il coinvolgimento della comunità locale e al contempo il respiro europeo e globale.

The Blank ArtDate propone un rinnovato appuntamento concentrandosi principalmente su artisti che utilizzano nella loro pratica forme artistiche e mezzi espressivi quali audio, video, performance e talk.

La predilezione per interventi immateriali e effimeri, che si consumano nel momento stesso in cui si attuano, come può essere una visione, un ascolto, una conversazione o un evento performativo scandisce la manifestazione sotto il titolo di FREQUENZE che allude al numero di volte in cui un evento si ripete nella sua dimensione temporale, al ritmo di un evento, alla percezione del suo movimento, alla partecipazione ad un’attività.

Tutte le accezioni secondo cui può essere declinata questa parola concorrono a rappresentare la nuova edizione di The Blank ArtDate.

Nell’epoca dello streaming, dell’on-demand e della condivisione per immagini, la cifra che caratterizza The Blank ArtDate 2018 è l’imprescindibilità della partecipazione del fruitore in un preciso luogo e in un preciso momento. La non-ripetitività delle performance e la non-materialità delle opere sonore e video impongono la presenza fisica del corpo di chi assiste affinché esse possano essere intercettate, codificate, decodificate e quindi ritrasmesse e raccontate.

Una novità di grande importanza è la partecipazione dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, luogo operativo e simbolico di grande rilievo per l’intera comunità. Al suo interno, proseguendo un percorso che intreccia arte e sanità, sono calendarizzati due cicli di proiezioni realizzati da importanti artisti nazionali e internazionali come Yuri Ancarani, Oscar Giaconia, Hanne Lippard e Driant Zeneli. Il palinsesto proposto affronta temi riconducibili alla vita che si conduce in una struttura sanitaria e agli stati emotivi che interessano chi vi transita.

Sempre all’interno dell’Ospedale, Bergamo Film Meeting propone la visione di “Cartoni Animati in Corsia” e un focus sull’artista e animatore olandese Maik Hagens.

• Venerdì 25 maggio
La prima giornata di The Blank ArtDate si apre con l’inaugurazione di INV., il corridoio dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII dedicato al lascito della storica Galleria Fumagalli e Art Up, progetto di UBI Banca, partner storico dell’associazione:
presso la Sede di Piazza Vittorio Veneto sarà visibile la serie Cicade in het uur blauw (2014) di Jan Fabre, mentre alle 15.00 la Banca propone, condotta da Enrico De Pascale, la visita guidata alle opere esposte nel Salone della Sede, tra cui lavori di Peter Halley, Richard Sympson, Yan Zhi, John Armleder.
La performance di Emilio Fantin, Comune a tutti è sognare, improntata sull’esperienza dell’ascolto tra sogno e immagine interiore, è ospitata dalle ore 16.00 presso l’Accademia di belle arti G. Carrara e prevede la collaborazione di Paolo Ferrario per la parte sonora.
Alle ore 17.00 lo Studio Vanna Casati propone la performance di Rosita Mariani, coreografa il cui lavoro di ricerca mette al centro l’universalità del corpo e l’unicità della persona.
Luogo_e, il nuovo spazio espositivo di via Pignolo, inaugura alle 19.00 con una mostra collettiva ispirata al testo Sotto il Beauborg, mentre lo Studio Balini propone l’esposizione di fermo immagine e la proiezione del cortometraggio Festa di Franco Piavoli, alla presenza del regista. All’Auditorium Lucio Parenzan dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII alle ore 19.30 THE BLANK DECODER con la proiezione del video Da Vinci di Yuri Ancarani, opera conclusiva della trilogia dedicata al tema del lavoro e incentrata sulle operazioni di microchirurgia robotica. La serata si conclude con l’opening di ROOM 237: l’ambiente parallelo dello studio di Oscar Giaconia inaugura con una mostra personale e un’installazione sonora di Steve Piccolo The end of the Audience / The Audience of the End.  
• Sabato 26 maggio
La seconda giornata di The Blank ArtDate si apre alle 11.00 con la performance di Matteo Nasini Sparkling Matter, organizzata nell’eccezionale cornice settecentesca di Palazzo Terzi e resa possibile grazie alla collaborazione di Clima Gallery (Milano).
Alle ore 15.00 inaugura RESET, la mostra del Club GAMeC Prize 2018 allestita all’interno dell’Ex Carcere di S. Agata in Città Alta e curata da Manuela Valentini cui partecipano Pamela Diamante, Ornaghi&Prestinari, Alice Ronchi, Davide Mancini Zanchi.
Alle ore 16.00 la visita guidata dei curatori Corrado Benigni e Mauro Zanchi alla mostra Dietro l’invisibile di Franco Fontana organizzata all’interno dell’Ex Monastero di Astino.
La fascia pomeridiana è interessata dal GALLERIES TIME, inaugurazioni ed eventi delle gallerie membri del network di
The Blank: Thomas Brambilla (David Novros); Galleria Elleni (Mario Cresci, Aldo Tagliaferro); Galleria Marelia (Claudio Centimeri); Quarenghicinquanta (Nicoletta Prandi); Squareworld + MiDi motori digitali; Studio d’Arte Marco Fioretti (Dorothy Bhawl, Niki Cooper); Studio Vanna Casati (Rosita Mariani); Traffic Gallery (Cosimo Terlizzi) con visita guidata speciale alle ore 16.30; Triangoloarte (Guido Airoldi, Paolo D’Angelo, Jacopo Ghislanzoni, Lorenzo Manenti, Gaetano Orazio); Vaku Project Space (Nicola Fornoni); viamoronisedici/ spazioarte (Pina Inferrera).
Alle ore 17.30 l’opening della mostra Coppers di David Novros presso l’Ex oratorio di San Lupo.
Il pre serata è interessato da ANIMATED FREQUENCIES, il ciclo di proiezioni ospitato all’Auditorium Lucio Parenzan dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII e organizzato da Bergamo Film Meeting che propone la visione di una serie di film in animazione.
Il primo focus è dedicato all’artista e animatore olandese Maik Hagens, con la proiezione di tutti i suoi lavori, in particolare lo straordinario To Lose One’s Way, che affronta il difficile tema dell’Alzheimer.
La proposta cinematografica si completa con la visione di una selezione di film nati all’interno del progetto Cartoni animati in corsia, che l’associazione AVISCO realizza dal 2012 all’interno dell’Ospedale dei Bambini – Spedali Civili di Brescia.   Dalle ore 21.00, sempre all’Auditorium Lucio Parenzan, il secondo ciclo di proiezioni di THE BLANK DECODER con
i video di Hanne Lippard (Beige, 2012), artista norvegese il cui lavoro viene presentato per la prima volta in Italia, Oscar Giaconia (Sexual Clumsiness of an Amphibious Machine, 2017); Driant Zeneli (It would not be possible to leave planet earth unless gravity existed, 2017).

• Domenica 27 maggio
Il terzo e ultimo giorno di The Blank ArtDate comincia alle 11.00 con la performance di Tea Andreoletti Abbiate fede, crederete, una visita guidata d’artista che dipana dal Chiostro di Palazzo della Misericordia in Città Alta per concludersi con l’apertura straordinaria della Chiesa di Santa Grata.
Alle 13.00 studio visit e brunch presso lo studio di Diego Gualandris.
Il pomeriggio continua a Treviglio con la performance di Filippo Berta Happens Everyday (17.00 Collegio degli Angeli), l’open project di Street Art Pianura Urbana a cura di Paolo Baraldi e Good Bacteria, video proiezione a cura di Marisol Malatesta allo Spazio Tilde, mentre a Bergamo viamoronisedici/spazioarte propone alle ore 17.30 la conferenza Phoresta e la visita guidata alla mostra di Pina Inferrera a cura di Roberto Borghi.
Alle 18.00 lo spazio espositivo dell’Accademia di belle arti G. Carrara, GIACOMO, inaugura la mostra Stracci a parte di Hermann Bergamelli e ospita Maelle Cornut e Marta Margnetti, protagoniste dell’Open Studio di The Blank Residency.
Il Festival si conclude con il The Blank Kitchen di Sissi, Onnivora Palette, organizzato nel cortile della storica Residenza di The Blank in via Quarenghi: per l’occasione l’artista ideerà un menù che verrà preparato da uno chef e servito secondo un allestimento pensato dall’artista.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI