Waone - Intersni Kazki. Weird Tales

Waone - Intersni Kazki, To the end of the time, 2017, ink and acrylic on linen, cm. 150x180

 

Dal 13 Ottobre 2017 al 18 Novembre 2017

Milano

Luogo: Antonio Colombo Arte Contemporanea

Indirizzo: via Solferino 44

Orari: da martedì a venerdì dalla ore 10.00 alle 13.00 e dalle15.00 alle 19.00; sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00

Curatori: Ivan Quaroni

Telefono per informazioni: +39 02.29060171

E-Mail info: info@colomboarte.com

Sito ufficiale: http://colomboarte.com


Comunicato Stampa:
Antonio Colombo Arte Contemporanea è lieta di presentare Weird Tales, prima personale dello street artista ucraino Waone (aka Vladimir Manzhos), ex membro di Ingenious Kids, una crew di writers di Kiev, e poi fondatore, insieme ad Aec, del duo di muralisti denominato Intersni Kazki.

Il titolo della mostra, Weird Tales, come il nome del celebre pulp magazine americano fondato nel 1923 che pubblicò le storie di autori come H.P. Lovecraft, Clark Ashton Smith, Ray Bradbury e Richard Matheson, ci introduce all’universo universo fantastico di Waone, dove le fiabe e il folclore dell’est Europa si fondono con la tradizione della pittura surrealista e del muralismo sudamericano.

Autodidatta, ma cresciuto in una famiglia di appassionati d’arte – il padre era collezionista d’icone ortodosse – Waone dimostra fin dalla tenera età un’autentica passione per il disegno. Esordisce a Kiev nel 1999 come writer, ma già nel 2003 abbandona il bombing sui treni e lo stile hip hop del lettering per eseguire murali caratterizzati da una forte impronta visionaria e narrativa.

Nel 2005 fonda il duo Intersni Kazki (che in ucraino significa “Fiabe interessanti”) insieme all’amico Aec (Aleksei Bordusov), con cui condivide l’interesse per la narrazione visiva e la simbologia esoterica. In dieci anni di collaborazione, i due realizzano grandi murali non solo in Europa e Russia, ma anche in India, Messico e Stati Uniti. La loro pittura, influenzata dalla “linea chiara” del fumetto franco-belga e caratterizzata da colori brillanti, traduce le immagini dell’inconscio in racconti magici pieni di riferimenti alla fantascienza e alla numerologia, alla cosmologia tradizionale e al folclore, al mito e all’attualità.

Quando nel 2016 il duo si scioglie, Waone inizia a elaborare un linguaggio contrassegnato dall’uso di un elegante e dettagliatissimo linearismo. Da Matter: Changing States, un murale eseguito a Kerala, in India, il bianco e nero diventa uno dei tratti inconfondibili del suo stile, insieme all’attitudine narrativa e alle implicazioni spirituali ed esoteriche che spesso permeano i suoi lavori.

Weird Tales è un ciclo di opere che mostrano vari aspetti del bizzarro universo visivo di Waone, immaginate come se fossero una raccolta di racconti fantastici. Per l’artista ucraino, infatti, l’arte non è solo il riflesso del proprio mondo interiore, ma anche un modo per comunicare al pubblico una serie di valori spirituali e simbolici.
Oltre ad esporre i dipinti e i disegni della serie Weird Tales, Waone realizzerà per l’occasione un dipinto murale sulla parete d’ingresso della galleria.

WAONE, aka Vladimir Manzhos è nato nel 1981 vicino a Kiev, in Ucraina, dove attualmente vive e lavora. Ha iniziato nel 1999 a dipingere graffiti. Dal 2005 al 2016 ha fatto parte del duo di muralisti Interesni Kazki per poi continuare la sua attività da solo. Ha realizzato murales in tutto il mondo ed ha tenuto mostre personali e collettive in diverse gallerie europee e americane, tra cui Jonathan LeVine, New York; Carmichael Gallery, Los-Angeles; Allouche Soho Art Gallery New York; Avantgarden, Milano; Go-Gallery, Amsterdam.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI