L'ombra del soffio. Opere in vetro Paolo Marcolongo

Anello di Paolo Marcolongo

 

Dal 15 Dicembre 2017 al 28 Gennaio 2018

Padova

Luogo: Galleria Cavour

Indirizzo: piazza Camillo Benso Conte di Cavour 1

Orari: 10-13 / 15-19, chiuso i lunedì non festivi, il 25 dicembre 2017 e l'1 gennaio 2018. Aperto il 26 dicembre

Curatori: Mirella Cisotto Nalon

Enti promotori:

  • Comune di Padova - Assessorato alla Cultura

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 049 8204563

E-Mail info: serviziomostre@comune.padova.it

Sito ufficiale: http://padovacultura.padovanet.it


Comunicato Stampa:
L’esposizione, curata da Mirella Cisotto Nalon, presenta gli esiti più recenti del lavoro di Paolo Marcolongo, artista padovano noto oltre i confini nazionali.

Scultore, orafo, prosecutore della linea di ricerca inaugurata dallaScuola Orafa Padovana, Marcolongo si è accostato negli ultimi anni alla grande tradizione vetraria veneziana, studiandone le tecniche e penetrandone i segreti. Da questa affascinante esperienza nascono nuove creazioni orafe e oggettuali, protagoniste della mostra L'ombra del soffio, dove la trasparenza del vetro viene sorprendentemente condotta verso una sensuale opacità, in virtù della ‘contaminazione’ con  pigmenti e materiali di diversa natura.

Fragilità e vigore convivono in queste opere dove la delicatezza della materia vitrea si incontra con gli effetti di forza e gravità data in particolare dall’elemento ferroso, condotto dall’artista a contaminare colori e superfici.

Le raffinate strutturazioni di ordine geometrico, che hanno storicamente connotato il ricercare dell’artista, in questi lavori cedono la scena a sensuali forme di ascendenza organica e naturale. Marcolongo sembra qui abbandonare il consueto approccio formalista e neo costruttivista per schiudere alle sue opere una nuova dimensione simbolica: l’atto stesso del soffiare, da cui scaturisce la foggia dell’elemento in vetro, recupera così i suoi ancestrali valori filosofici.

Inaugurazione: 15 dicembre ore 18

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI