Lezioni sulla fine del mondo | La ri-costruzione della città #1

Lezioni sulla fine del mondo | La ri-costruzione della città #1, Macro Asilo, Roma

 

Dal 18 Gennaio 2019 al 18 Gennaio 2019

Roma

Luogo: MACRO - Museo di Arte Contemporanea

Indirizzo: via Nizza 138

Orari: h 15

Curatori: Marta Francocci

Enti promotori:

  • Rai Cultura

Costo del biglietto: ingresso gratuito


Comunicato Stampa:
Un progetto per capire la città, aprire il confronto sui processi in atto, aggiornare le conoscenze e sperimentare nuove forme di vita urbana.

"Rigenerazione, ricostruzione, manutenzione, qualità architettonica"
Dagli anni ’70 Londra ha ospitato, l’una accanto all’altra, la comunità più ricca e la più povera della Gran Bretagna: sette delle aree più neglette del paese si trovavano nella capitale mondiale della finanza che, con New York, Hong Kong e Pechino copre oltre l‘80% del mercato miliardario dell’arte. 
Negli ultimi dieci anni, grazie a investimenti che hanno permesso di riqualificare la città, questi quartieri sono progressivamente scomparsi dalla lista dell’emergenza nazionale. È migliorata la condizione dei vecchi abitanti o questi sono stati allontanati in conseguenza delle trasformazioni e sostituiti da una nuova comunità? 
Rigenerare significa rivedere i piani per il futuro considerando i nuovi bisogni e ciò che non ha funzionato. Le conseguenze dello sviluppo delle città sull’ambiente e sulla salute degli esseri umani sono ormai evidenti. La forestazione urbana può davvero essere un primo passo verso un nuovo equilibrio fra natura e luoghi abitati?

Con la partecipazione di:
Stefano Boeri, architetto e Presidente Triennale di Milano;
Claudia Clemente, architetto, Studio Labics;
Con loro dialogheranno su rigenerazione, ricostruzione, manutenzione qualità architettonica;
Giuseppe Cappochin Atelier, Presidente Consiglio Nazionale Architetti;
Regina De Albertis, Presidente Nazionale Giovani Imprenditori Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili).

La registrazione delle puntate è aperta al pubblico

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI