LPM - Live Performers Meeting

LPM - Live Performers Meeting, Installation

 

Dal 07 Giugno 2018 al 10 Giugno 2018

Roma

Luogo: Mattatoio Testaccio

Indirizzo: piazza Orazio Giustiniani 4

Telefono per informazioni: +39 06 78147301

E-Mail info: info@liveperformersmeeting.net

Sito ufficiale: http://https://liveperformersmeeting.net/


Comunicato Stampa:
LPM, Live Performers Meeting è il primo e più importante ​incontro internazionale di Audio Visuals Performing Artists, interaction designers e vjs, nato per soddisfare un importante ​desiderio di dialogo e confronto. Così si configura come luogo di incoraggiamento per la ricerca, la sperimentazione, l’incontro fra diverse forme di espressione artistica in un luogo fisico dedicato.

La ​XIX edizione di LPM Live Performers Meeting si svolge dal 7 al 10 giugno negli spazi del Mattatoio a Roma, e offre l'opportunità unica di vivere 4 giorni di spettacoli audiovisivi, VJing, workshop, live mapping, occasioni di confronto, showcase con oltre 400 artisti, professionisti, esperti e appassionati di video provenienti da oltre 40 paesi che presentano più di 150 progetti. ​L'iniziativa è parte del programma dell'Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale.

LPM è uno spettacolo imperdibile anche per il pubblico, che entra a far parte del mondo della cultura del live video grazie alla possibilità di incontrare la più vasta selezione al mondo di artisti attivi nel campo delle esibizioni video dal vivo, favorendo così l’interazione non solo tra gli artisti e gli esperti del settore, ma divulgando e promuovendo nel territorio un’arte e una cultura affascinante e in grande sviluppo.

Grazie al contributo della Comunità Europea, dal 2004 sono state realizzate 18 edizioni del Meeting: 12 a Roma, nel 2008 a Xalapa (MX), nel 2011 a Minsk, nel 2012 a Città del Messico, nel 2013 a Cape Town, nel 2014 a Eindhoven e nel 2016 e 2017 ad Amsterdam, durante le quali sono stati ospitati 3.612 artisti provenienti da 72 paesi, presentando oltre 2.803 tra AV performance, installazioni, video mapping, workshop, lecture and showcase ad un pubblico di più di 250.000 spettatori, e producendo in totale 8.464 ore di video.

Questa XIX edizione mira a ​diffondere la pratica delle esibizioni video dal vivo​, grazie ad un programma ricco e imprevedibile volto ad esplorare diversi temi attraverso nuovi linguaggi audiovisivi, tecniche e tecnologie. Numerose e differenziate le attività, dal learning ai workshop su live coding, LED Mapping e progettazione scenica per eventi, musica generata da un controllo gestuale per la produzione di performance musicali corpore; presentazioni di piattaforme, strumenti, community con vjs locali e internazionali che discutono in una conferenza del tema dello sviluppo di un AV; video installazioni che trattano temi legati alla politica e alla cultura, camere interattive che catturano corpi e volti in Gif animate, tracciamento di dati personali e data, e molto altro.

Attraverso i nostri 14 anni di esperienza, siamo stati in grado di disegnare una mappa concettuale delle tendenze che hanno maggiormente influenzato la creazione di spettacoli di video dal vivo, e il programma di questa edizione riflette e indaga:
Live Cinema: progetti eseguiti esclusivamente dal vivo, in grado di dimostrare un approccio narrativo e sperimentale; in tensione continua tra esperienza percettiva e atto performativo.

Live Video Mapping: una tecnica di videoproiezione in grado di animare volumi architettonici dando vita ad un effetto è spettacolare ed eccitante, che confonde e seduce le nostre percezioni attraverso il dialogo tra immagini e superfici tridimensionali. In questa edizione a questa sezione verrà dedicato un contest che si svolgerà per tutta la durata di LPM 2018 dalle 21:00 a 00:00 nel quale verranno decretate le migliori 3 performances di Live Video Mapping. Il contest è in collaborazione con: Video Mapping Mexico
Libertà digitali: attivismo e bellezza, database estetico, visualizzazione di dati pubblici o privati: queste forme di espressione artistica sono state capaci nel tempo di informare e attivare le coscienze delle persone in tutto il mondo.

Visual Gender: grazie alle tensioni critiche a proposito degli studi sul genere, teorie queer e arte contemporanea, la visione del corpo, l’identità sessuale si distacca dallo stereotipo del linguaggio LGBT e il linguaggio visivo diventa così uno strumento di emancipazione del genere.

Generative Visual: grazie ad una codifica del mondo attivo e reattivo che ci circonda, le nuove biosfere digitali offrono al pubblico l’esperienza di network complessi composte da semplici codici binari e sensoriali.

Live coding: ​ricerca e sperimentazione per offrire possibilità di un punto di incontro tra pratiche compositive opposte che vedono da una parte l’​indeterminazione, la casualità o la probabilità e dall’altra parte pianificazione, controllo totale e ripetizione.
Vj sets: ​Le esibizioni di VJ rappresentano uno dei momenti storici di LPM. Dalla prima edizione del 2004 migliaia di VJ provenienti da tutto il mondo hanno affollato i nostri schermi con colori, storie e ritmi visivi. Anche quest'anno i migliori Vj internazionali sono ospitati a Roma per mostrare tutto il loro talento e la loro creatività.

Video installazioni: ​Abbandonando il palcoscenico, l'arte digitale può avvicinarsi al pubblico producendo modalità di fruizione intime e inaspettate. Video, audio e movimento diventano il nuovo vocabolario di un linguaggio dedicato alla creazione di giochi interattivi e esperienze percettive di significato e immagine. L'interattività è la chiave per leggere queste opere, opere che indagano ben oltre i confini della comunicazione visiva, per consentire allo spettatore di interagire con esse, spingendo i sensi e le percezioni confuse della realtà e della fantasia.

Lo scopo del Meeting è promuovere il movimento transnazionale e lo scambio di idee, di opere d'arte e soprattutto la circolazione di artisti. Tutti i fondi recuperati da LPM vengono investiti per supportare la ricerca e la sperimentazione innovative nel campo del video dal vivo e delle ultime tecnologie.

Realizzato in collaborazione con partner e co-organizzatori internazionali, il progetto include una serie di anteprime e eventi promozionali incentrati su video live che si sono tenute in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna , Turchia e Regno Unito, durante i più importanti festival ed eventi culturali europei.
Circa ​400 artisti da Repubblica Ceca, Italia, United Kingdom, United States, Portogallo, Germania, Messico, Brasile, Slovacchia, Polonia, Colombia, Israele, Chile, Argentina, Estonia, Finlandia, Olanda, Spagna, Uruguay, Bosnia e Herzegovina, Irlanda, Taiwan, Giappone, Islanda, Francia, Federazione Russa, Costa Rica, Romania, Ucraina, Bulgaria, Slovenia, Australia, Austria, Vietnam, Ungheria, United Arab Emirates, Bielorussia, Grecia, Turchia, Belgio, Lettonia, Serbia realizzano circa 180 performances, workshops e showcases.
WORKSHOPS
I workshop e gli showcase sono ​momenti di apprendimento e condivisione nella quale il tema principale è quello della video performance dal vivo. Vengono approfondite e esplorate le teorie sui contenuti e su elaborazioni di immagini, vengono studiate e sperimentate nuove tecnologie, si sviluppano dibattiti culturali sul free e open source e si imparano le ultime novità negli sviluppi di software e hardware. Verranno presentati e introdotti nuovi programmi così come pratiche già affermate, sempre con l’intento di portare il pubblico ad essere in grado di gestire il processo creativo e tecnico. Tra gli insegnanti nomi di spicco come Mark Coniglio creatore di Isadora, uno dei più importanti software che va oltre ai normali software per VJ. Ogni workshop ha quindi un obiettivo chiaro ovvero la traduzione in una performance, mapping, progetto audiovisivo, sia per adulti che per bambini.
LECTURES Le lectures sono al centro del dibattito culturale, concepite come un momento di confronto e di approfondimento tra artisti, esperti del settore e pubblico. Vengono aperti dibattiti in grado di fornire consapevolezza e conoscenza sulle più recenti in ambito di tecnologie, open data, oltre a spunti sul complesso rapporto tra l’uomo e la macchina. Inoltre sono momenti di apprendimento di strumenti, pattern e applicazioni per video live. Interverranno il team di AVnode che introdurrà il nuovo network che racchiude al suo interno artisti, esperti del settore e professionisti nell’organizzazione di eventi nell’ambito delle arti audiovisive provenienti da tutto il mondo; inoltre sarà presente Matt Black (membro di Coldcut) che illustrerà l’importanza artistica dell’arte audiovisiva.
Durante le lectures si affronteranno temi di natura teorica e teoretica per analizzare ed instaurare dibattiti riguardo lo stato delle arti visive, delle realtà digitali, della community e dei suoi futuri sviluppi.

VIDEO INSTALLAZIONI
Abbandonando il palcoscenico, l'arte digitale può avvicinarsi al pubblico producendo modalità di fruizione intime e inaspettate. Video, audio, tatto e movimento diventano il nuovo vocabolario di un linguaggio dedicato alla creazione di giochi interattivi e esperienze percettive di significato e immagine. L'interattività è la chiave per leggere queste opere, che indagano ben oltre i confini della comunicazione visiva, per consentire allo spettatore di interagire con esse, spingendo i sensi e le percezioni oltre la realtà e la fantasia.  
​LIVE MAPPING CONTEST ​
In questa edizione di LPM 2018 è stato inserito, tra le tante attività, un contest di video mapping. In collaborazione con ​Video Mapping Mexico,​ oltre ​40 artisti provenienti da ​21 nazioni si esibiranno e si confronteranno davanti al pubblico e ad una giuria chiamata a decretare le migliori 3 esibizioni avvenute durante LPM. Un momento importante nel quale il pubblico può apprezzare la spettacolarità di questa tipologia d’arte che ridisegna e reinterpreta le architetture urbane con creatività, è inoltre un momento fondamentale per gli artisti per esprimersi, esibirsi e confrontarsi tra loro e con una giuria di esperti.  
PERFORMANCE AV
Le AV performance sono il cuore del meeting. Gli artisti diventano gli unici protagonisti e possono esprimersi liberamente. Il programma offre progetti che utilizzano tecniche molto diverse, ma allo stesso tempo seguono un filo conduttore che si evolve nel corso della giornata. Dal video teatro alla video dance, dalle performance di live cinema alla cultura queer, dalla musica generativa di immagini fino alla codifica dal vivo. Si esibiranno ​103 Artisti, 31 Gruppi, con 73 Performances tra cui possiamo segnalare ​Ricardo Cancado aka Eletroiman (Brazil), Pixel Bitch (Portugal), sinsynplus (Germany), Gábor Szucs (Slovakia), atnr (Giappone), Interferencia (Argentina), Metamind - Abraham (Costa Rica), ARI DYKIER (Polonia), Poliforma (Bulgaria), Eric Medine (USA), MalVecino (Emirati arabi - Colombia), Kippi Kaninus (Islanda), testvvave (Bielorussia), Niño Árbol (Messico), Alina Fedotova (Russia), Artur Samofalov (Ucraina), lulu play (Israele), Mezibranska Kolektiv (Rep. Ceca), Saxelectro (Grecia), Daydreamers (Estonia), DR. KONTRA (Messico).

DJ-VJ SETS
Le esibizioni di VJ rappresentano uno dei momenti storici di LPM. Dalla prima edizione del 2004 migliaia di VJ provenienti da tutto il mondo hanno affollato i nostri schermi con colori, storie e ritmi visivi. Anche quest'anno i migliori VJ internazionali sono ospitati a Roma per mostrare tutto il loro talento e la loro creatività. Sono i momenti più dinamici del meeting che fondono suoni a video per esperienze uniche e coinvolgenti. Tra i momenti più importanti possiamo segnalare “​Algorave:beta​” nella serata del venerdì, in cui suoni ed immagini sono creati dal vivo esclusivamente attraverso algoritmi, e il sabato il live di ​Coldcutband inglese fondatrice della Ninja Tune, fra i primi ad unire il video all’audio, considerato uno dei più importanti artisti nell’ambito della dance elettronica con il suo stile unico e all’avanguardia che unisce musica di vari generi tra cui hip-hop, soul, funky alle immagini e video multimediali; a seguire la serata sarà animata dal set della ​Illusion Crew, ​con l’alternarsi di tre dj in consolle.

WORKSHOPS 4 KIDS
Uno spazio e un momento interamente dedicato ai più piccoli nel quale possono dare libero sfogo alla loro creatività e fantasia, creando nuove forme con colori che diventeranno poi installazioni interattive. I bambini così avranno la possibilità di avvicinarsi con fascino e curiosità a questo tipo di rappresentazione artistica creando direttamente loro forme e colori nuovi e inaspettati.
I workshop pensati apposta per i più piccoli sono due, ​LPM Video Mapping for kids e ​Accendi i LED della tua fantasia​ che si svolgeranno entrambi nelle giornate di sabato e domenica dalle 16:00 alle 19:00.                

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI