Mare Nostrum. Il nuovo volto del Mar Mediterraneo

Mare Nostrum, Biblioteca Aldo Fabrizi, Roma

 

Dal 23 Marzo 2019 al 06 Aprile 2019

Roma

Luogo: Biblioteca Aldo Fabrizi

Indirizzo: via Treia 14

Orari: lunedì-venerdì 9-19; sabato 9-13

Enti promotori:

  • Biblioteche di Roma
  • Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale

Telefono per informazioni: +39 06 45460730


Comunicato Stampa:
Il 23 Marzo, nella biblioteca Aldo Fabrizi del quartiere San Basilio di Roma, si terrà l’inaugurazione di Mare Nostrum, l’evento che, attraverso la street art, ricorda la missione Italiana del 2013 di salvataggio dei migranti attraverso il Mar Mediterraneo e celebra l’importanza di quest’ultimo concepito come la culla della nostra storia.

Mare Nostrum vuole ricordarci quel mare che in passato era considerato un bene di tutti, le cui risorse e correnti potevano essere sfruttate liberamente purché non venissero lesi diritti altrui. Rievoca quel mare dove sono sbocciate, fiorite e si sono battute tutte le grandi civiltà dell’antichità classica paragonandolo allo stesso mare che ha ucciso migliaia di uomini, donne e bambini che nelle sue acque cercavano semplicemente la libertà.

Durante l’inaugurazione verranno effettuati due murales live per decorare in modo stabile la reception della Biblioteca con una opera realizzata da Giovanni Cesi Mr. Ent e da Lus57 che invece dipingerà un soggetto che rappresenta la biblioteca ed i suoi libri.

Le sorprese però non finiscono qui, infatti durante l’inaugurazione Leonor Solange Alexandre Proença reciterà le sue emozionanti poesie su episodi di vita dei migranti.

Infine con la Regia di MARTINA LIOI e la supervisione artistica di GIULIANO BRAGA verrà proiettato un Video Arte che raccoglie immagini montati in maniera autonoma in cui il protagonista è il MAR MEDITERRANEO.
Il mare è inteso come un flusso vitale che non si ferma mai, un eterno corso all’interno del quale giace una una storia in continua evoluzione che ha portato il mare ad essere protagonista di sventure.
Il mar Mediterraneo, da teatro della storia e della cultura occidentale, a “teatro degli orrori”.
Un “Cimitero” di presenze estranee e innaturali come la plastica, i corpi umani dispersi durante le missioni di salvataggio o tutti gli altri oggetti che sono depositati in fondo al mare o che il mare riporta sulle rive delle spiagge.

Parteciperanno gli artisti: Maria Laura Balestra, Zaire Torrealba, Giusy Guerriero, Maurizio Marchiani (Nero Opaco), Lus 57, Giovanni Cesi (mr. Ent), Leonor Solange, Alexandre Proença

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI