Roma: mostre, eventi e appuntamenti per il weekend

Circo Maximo Experience, Circo Massimo, Roma

 

Dal 24 Maggio 2019 al 26 Maggio 2019

Roma

Luogo: Sedi varie

Indirizzo: sedi varie

Enti promotori:

  • Roma Capitale
  • Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Telefono per informazioni: +39 060608

Sito ufficiale: http://www.museiincomuneroma.it


Comunicato Stampa:
Roma capitale della cultura. La città, viva e attiva, raccoglie ogni giorno un fitto calendario di incontri, eventi, mostre, attività. Eccone alcuni per il fine settimana di venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 maggio.
 
Apre al pubblico da oggi, 23 maggio, il progetto innovativo di valorizzazione in realtà aumentata e in realtà virtuale di uno dei luoghi più significativi della storia della città, il Circo Massimo, il più grande edificio per lo spettacolo dell’antichità e uno dei più grandi di tutti i tempi (600 m di lunghezza per 140 m di larghezza). Si tratta di un progetto all’avanguardia che implementa tecnologie interattive di visualizzazione mai realizzate prima in un’area all’aperto di così ampie dimensioni. Attraverso un percorso di visita immersiva, indossando gli appositi visori, si vedrà per la prima volta il Circo Massimo in tutte le sue fasi storiche: dalla semplice e prima costruzione in legno, ai fasti dell’età imperiale, dal medioevo fino ai primi decenni del ’900. Il progetto Circo Maximo Experience è promosso da Roma CapitaleAssessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, organizzato da Zètema Progetto Cultura e realizzato da GS NET Italia e Inglobe Technologies, aggiudicatarie del relativo bando di gara. La direzione scientifica è a cura della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. La narrazione in lingua italiana è affidata alle voci degli attori Claudio Santamaria e Iaia Forte. Il percorso itinerante, della durata di circa 40 minuti, è disponibile anche in inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo.
 
Dal 2 maggio all’1 settembre 2019, dal lunedì alla domenica dalle 20.45 alle 23.30 (ultimo ingresso alle 22.30), è possibile conoscere L’Ara com’era attraverso un progetto multimediale che utilizza particolari visori in cui elementi virtuali ed elementi reali si fondono al Museo dell'Ara Pacis. I visitatori sono trasportati in una visita immersiva e multisensoriale all’altare voluto da Augusto per celebrare la pace da lui imposta su uno dei più vasti imperi mai esistiti. L’esperienza, tra ricostruzioni in 3D e computer grafica, realtà virtuale e aumentata, della durata di circa 45 minuti, è disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco. I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni. 
 
Tutte le sere, fino al 3 novembre 2019, lo straordinario progetto Viaggi nell’antica Roma che, attraverso due appassionanti spettacoli multimediali, racconta e fa rivivere la storia del Foro di Cesare e del Foro di Augusto. Grazie ad appositi sistemi audio con cuffie e accompagnati dalla voce di Piero Angela e dalla visione di filmati e proiezioni che ricostruiscono i due luoghi così come si presentavano nell’antica Roma, gli spettatori potranno godere di una rappresentazione emozionante e allo stesso tempo ricca di informazioni dal grande rigore storico e scientifico. I due spettacoli possono essere ascoltati in 8 lingue (italiano, inglese, francese, russo, spagnolo, tedesco, cinese e giapponese). Le modalità di fruizione dei due spettacoli sono differenti. Per il “Foro di Augusto” sono previste tre repliche ogni sera (durata 40 minuti) mentre per il “Foro di Cesare” è possibile accedervi ogni 20 minuti secondo il calendario pubblicato (percorso itinerante in quattro tappe, per la durata complessiva di circa 50 minuti, inclusi i tempi di spostamento). 
 
Nel fine settimana sono in programma visite guidate condotte da personale specializzato nell’ambito del progetto di accessibilità Musei da toccare, ideato con l’obiettivo di realizzare musei ‘senza frontiere’, a misura di tutti, e offrire all’intero pubblico la possibilità di accedere alle strutture museali e alle aree archeologiche, facilitando l’accesso al patrimonio culturale e valorizzando le buone pratiche rivolte all’inclusione.
Al Museo della Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina – dalle 11.00 alle 13.30 di venerdì 24 maggio – il visitatore potrà fare un emozionante viaggio nel Tempo, davvero indimenticabile, lungo le sale del museo con l’iniziativa “Toccare la storia. Viaggio sensoriale nella Repubblica Romana del 1849”.
Al Museo di Casal de’ Pazzi, sabato 25 maggio (ore 10.30 - 13.00) la visita Il Pleistocene da toccareconsentirà, tra le altre esperienze, di toccare alcuni resti faunistici fossili: una grande zanna di elefante, alcuni denti di proboscidati e altri resti di faune presenti nell’esposizione.
Domenica 26, dalle 15.30 alle 18.00, Esplorazioni tattili all’Ara Pacis al Museo dell’Ara Pacis offre un articolato percorso tattile che, attraverso una significativa selezione di opere dalla propria collezione permanente, consentirà un’esperienza inclusiva e ‘diversa’ del monumento e della sua architettura, della sua ricca e significativa decorazione vegetale, ma anche dei protagonisti della storia e della sua realizzazione.
Le visite tattili-sensoriali sono visite speciali rivolte al pubblico dei visitatori con disabilitàPrenotazione obbligatoria al numero 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 19.00).
 
Sabato 25 maggio alle 11.00 la visita guidata tematica Collezioni e Musei al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco racconterà come cambia tra Settecento e Novecento il concetto di raccolta ed esposizione dei reperti archeologici. L’incontro fornirà indicazioni sulla nascita e lo sviluppo della collezione, sulla storia del collezionismo moderno e sullo sviluppo dei musei. Brevi note sulle origini antiche del collezionismo (già praticato da greci e romani) completeranno la visita.
 
Ancora sabato 25 maggio alle 11.00 la visita insieme a Caterina Toso – storica del vetro ed erede dell’Archivio della Fratelli Toso – della mostra La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980, in corso allaCasina delle Civette di Villa Torlonia, approfondirà la storia della manifattura e del vetro muranese.
 
Tornando nel verde della splendida Villa Torlonia anche domenica 26 maggio alle 11.00, l’appuntamentoNaturalezze artistiche, con la guida di uno storico dell’arte e di un botanico, rintraccerà le due anime del parco: la prima, concentrata intorno al Casino Nobile, fissata dal Valadier sul canone regolare del giardino all’italiana; l’altra, assegnabile all’intervento di Giuseppe Jappelli, visibilmente influenzata dal paesaggismo inglese. Entra nel percorso l’osservazione del fantasioso insieme delle architetture, parte integrante del sistema formale del giardino paesaggistico. Gli aspetti storico-formali sono affiancati e arricchiti dall’osservazione delle specie botaniche, quali le varietà di pini, lecci, tigli.
Finalità didattica dell’attività è di analizzare e comprendere le differenze sostanziali, anche di natura semantica, che separano la tradizione del giardino all’italiana dai principi del parco romantico. Guidare alla comprensione della flora del parco e dei motivi della selezione delle piante in relazione all’effetto ricercato e al gusto del tempo.
 
Molti e vari gli incontri del weekend al Museo di Zoologia. A cominciare da Open Stars che comprende gli appuntamenti Dalla Terra all’Universo (venerdì 24 maggio alle 16.30; sabato 25 maggio alle 11.00 e alle 17.30; domenica 26 maggio alle 11.00, 12.00 e 17.30) che si svolgono con proiezione nel planetario mobile per giovani e adulti; un percorso attraverso la storia delle osservazioni astronomiche, dagli antichi calendari ai potenti telescopi spaziali fino alle conoscenze attuali sulla vita delle stelle, sulla natura dei pianeti e sull’espansione dell’universo.
Ancora Open Stars sabato 25 maggio (12.00 e 16.30) presenta lo spettacolo per bambini Vita da Stella con il Dottor Stellarium in cui tutte le stelle che si vedono in una notte stellata raccontano la loro storia. Sarà possibile misurare le loro dimensioni e le loro distanze, anche grazie a uno strano strumento inventato dal Dottor Stellarium in persona, l’annolucimetro.
Infine, sempre per la serie Open Stars, domenica 26 maggio alle 16.30 Mondi Lontani - Vita aliena? è un film che indaga sulle condizioni richieste per la vita, a cominciare da corpi celesti e lune nel nostro Sistema Solare e avventurandosi verso alcuni dei pianeti extrasolari appena scoperti in orbita attorno ad altre stelle.
Venerdì 24 maggio alle 21.00 nell’ambito di Eureka! – Roma 2019 è in programma un incontro di Astri narranti. Un percorso di storytelling celeste (un ciclo dedicato al rapporto tra il Cielo e la Letteratura) dal titolo Moon! Una sessione di scrittura collettiva improvvisata nella Sala Conferenze Biblioteche di Romain via Ulisse Aldrovandi 18 (Museo di Zoologia). Per il 50° anniversario dell’allunaggio, il regista teatrale Luigi Saravo & The Writing Room propongono un laboratorio di scrittura collettiva per realizzare dal vivo una performance di creative writing e reading, condiviso e improvvisato, sul tema del nostro satellite naturale.
 
Donne in campo: scrivere, curare, combattere è il titolo dell’incontro a cura di Anna Maria Isastia alMuseo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina sabato 25 maggio alle 16.00, una conferenza dedicata all’esperienza storica della Repubblica Romana del 1849, promossa, nella ricorrenza del 170° anniversario, dall’Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, per l’ideazione e la cura di Mara Minasi. L’accento è posto sull’importante contributo che le donne hanno apportato al processo unitario, partecipandovi in vario modo, ad esempio come donne-soldato, donne-guerriere, donne-brigantesse, donne-patriote.
 
Programma di musica latino-americana nei Concerti del Portico di domenica 26 maggio alle 11.00 all’esterno della Casina delle Civette con il duo “Latin Americando”, Roberto Cilona-flauto traverso, Massimo Aureli-chitarra a 7 corde.
Domenica 26 maggio, nell’ambito delle iniziative a corollario della mostra Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, in corso alla Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi, l’appuntamento Rosa Foschi, il corpo indiscreto del cinema d’animazione prevede la proiezione dei film della film-maker, fotografa e pittrice Rosa Foschi: L’amour du cinema, 1969 (12’); Ma femme, 1970 (12’); L’amore di Don Perlimplino con Belisa nel giardino, 1971 (12’); Amore e Psiche, 1978 (12’); in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, dal martedì alla domenica ore 10.00-18.00 nella Biblioteca/Sala video. Inoltre, alle 11.00 di domenica 26 maggio è in programma Performance-07 dolori di Nordine Sajot. L’artista francese, servendosi di tecniche e strumenti diversi, indaga la permanenza nel presente di archetipi legati alla figura della donna, con una sua ricerca incentrata su aspetti socioculturali e antropologici che mettono in relazione corpo, consumo, cibo, identità ed evoluzione. In collaborazione con Studio Arte 15 e Inmagina Progetto Arte.
 
Due i laboratori previsti nel fine settimana: venerdì 24 maggio, dalle 14.00 alle 16.00, un workshop di tecnica pittorica con gli artisti Vincenzo Scolamiero e Guido D’Angelo dal titolo Workshop con l’artista. Uno stadio del respiro. Con moto leggero tra la luce e l’assoluto, al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese.
 
Mosaicisti all’opera è invece il titolo della visita didattica con laboratorio, per famiglie con bambini dai 5 agli 11 anni, alla Centrale Montemartini domenica 26 maggio alle 11.00. L’incontro è incentrato sull’osservazione dei mosaici della Sala Caldaie della Centrale, con successiva attività manuale per imparare le tecniche dell’arte del mosaico.
Per Archeologia in Comune due iniziative: sabato 25 maggio alle 11.00 Parco degli Acquedotti e Villa delle Vignacce, a cura di Paola Chini, con appuntamento in via Lemonia, angolo via dei Publici. Domenica 26 maggio Ponte Nomentano e Mausoleo di Menenio Agrippa, a cura di Carlo Persiani, con appuntamento in via Nomentana 414, davanti alla Trattoria Ponte Vecchio.
Ingresso gratuito; visita guidata gratuita. Prenotazione allo 060608 a partire da sette giorni prima la data dell’evento.
 
Oltre al grande patrimonio di collezioni permanenti, nei Musei della capitale sono sempre numerose, varie e interessanti le mostre da visitare durante il fine settimana. Ai Musei Capitolini ancora in corso La Roma dei Re. Il racconto dell’archeologia, che narra la fase più antica della storia di Roma, gli aspetti salienti della formazione della città, costumi, ideologie, capacità tecniche, contatti con ambiti culturali diversi, trasformazioni sociali e culturali.
Al Museo di Roma in Trastevere tre mostre: Unseen/Non visti, un viaggio fotografico in un’Europa sconosciuta, tagliata fuori dallo sviluppo economico, dall’attenzione della politica e dei media; Memoria del Perù, fotografie con storie di conquista e migrazione che coinvolgono la società, la cultura e la geografia di un intero paese. Inoltre Péter Korniss: Transizione, dedicata al motivo centrale dell’opera di Korniss, ovvero la scomparsa della cultura contadina tradizionale nell’Europa orientale.
Al Museo dell’Ara PacisClaudio Imperatore conduce alla scoperta di vita e regno del discusso imperatore romano, dalla nascita a Lione nel 10 a.C. fino alla morte a Roma nel 54 d.C., mettendone in luce la personalità, l’operato politico e amministrativo, il legame con la figura di Augusto e con il celebre fratello Germanico, il tragico rapporto con le mogli Messalina e Agrippina, sullo sfondo della corte imperiale romana e delle controverse vicende della dinastia giulio-claudia.
Ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali prosegue Mortali Immortali, tesori del Sichuan nell’antica Cina con reperti in bronzo, oro, giada e terracotta, databili dall’età del bronzo (II millennio a.C.) fino all’epoca Han (II secolo d.C.) provenienti da importanti istituzioni cinesi.
Al Museo di Roma sono due le mostre in corso: Roma nella camera oscura. Fotografie della città dall’ottocento a oggi, che illustra l’arte fotografica nella Capitale dalla nascita della fotografia ai giorni nostri. Fotografi a Roma è invece un’acquisizione straordinaria alle collezioni di Roma Capitale: 100 opere dall’intero progetto Commissione Roma, ideato e curato da Marco Delogu e sviluppatosi nell’arco delle quindici edizioni di “Fotografia. Festival internazionale di Roma”.
Due le mostre in corso anche al Museo Carlo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese: quadri e carte diVincenzo Scolamiero della personale intitolata Della declinante ombra, curata da Gabriele Simongini, e La ferita della bellezza. Alberto Burri e il Grande Cretto di Gibellina, sull’opera di Land Art più grande al mondo dedicata al paese di Gibellina, distrutto dal terremoto nella Valle del Belice del 1968.
Al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, l’esposizione dedicata all’archeologo e mercante d’arte Ludwig Pollak (Praga 1868 – Auschwitz 1943) racconta la storia professionale e personale del grande collezionista, le sue origini nel ghetto di Praga, gli anni d’oro del collezionismo internazionale fino alla tragica fine nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.
Volti di Roma alla Centrale MontemartiniFotografie di Luigi Spina presenta immagini fotografiche che ritraggono 37 volti antichi in marmo o travertino, significativi esempi delle collezioni capitoline allaCentrale Montemartini.
Da non perdere, alla Galleria d’Arte ModernaDonne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, una riflessione sulla figura femminile attraverso artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri.
Al Museo Pietro Canonica di Villa Borghese Verdi Armonie. I giardini di Roma all’acquerello: circa 60 acquerelli di vario formato con i giardini di Roma realizzati da sette artisti contemporanei, Raffaele Arringoli, Emanuela Chiavoni, Fausta D’Ubaldo, Sergio Macchioli, Gabriella Morbin, Luisa Saraceni (Luz) e Silvano Tacus.
Alla Casina delle Civette di Villa Torlonia La fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980, la storia della vetreria artistica della Fratelli Toso a partire dal 1930, l’anno più importante per la ricerca della manifattura, fino al 1980, anno in cui ha cessato la propria attività. Esposte più di 50 opere in vetro, tutti pezzi unici e rari provenienti direttamente dalla loro collezione.
 
Per i possessori della MIC card è gratuito l’accesso ai Musei Civici e ai siti archeologici e artistici della Sovrintendenza Capitolina. Sono inoltre gratuite le visite e le attività didattiche effettuate dai funzionari della Sovrintendenza Capitolina che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo, mentre non sono comprese le mostre al Museo di Roma a Palazzo Braschi e al Museo dell’Ara Pacis e l'esperienza di realtà aumentata al Circo Massimo. La MIC card, al costo di 5 euro, permette l’ingresso illimitato negli spazi indicati per 12 mesi. Per informazioni www.museiincomuneroma.it.
 
Alla Casa della Memoria e della Storia, venerdì 24 maggio alle 17.00 presentazione del libro Gramsci, gli intellettuali e la cultura proletaria di Cesare Bermani (Colibrì ed. 2007). Il volume, corredato da due CD, raccoglie la pluridecennale ricerca gramsciana dell’autore, lavoro che per originalità d’approccio e ricchezza di contenuti si rivela di grande attualità. Sarà presente l’autore. Partecipano Noemi Ghetti-storica e saggista e Alessandro Portelli-storico e critico musicale. Introduzione a cura di Sonia Marzetti-Gruppo Storia dell’Associazione Culturale Amore e Psiche. Iniziativa a cura di Biblioteche di Roma, Circolo Gianni Bosio, FIAP, Associazione Culturale Amore e Psiche. Venerdì 24 maggio è inoltre visitabile la mostra StudiAmo il territorio. I pannelli in esposizione sono il risultato di ricerche di storia urbana e storia della Resistenza svolte dagli studenti di alcuni licei romani durante l’esperienza di alternanza scuola-lavoro con Irsifar.
 
Alla Casa del Cinema L’Omaggio a Franco Gasparri, stella degli anni ’70 si apre venerdì 24 maggio con l’inaugurazione della mostra alle 18.00 (in programma fino al 3 luglio) e la proiezione alle 19.00 del documentario Un volto tra la folla della figlia Stella, infaticabile promotrice del lavoro del padre, l’attore Franco Gasparri, interprete di fotoromanzi e film italiani degli anni ’70. L’omaggio continua con le proiezioni di Mark il poliziotto di Stelvio Massi (Italia, 1975, 90’) sabato 25 maggio alle 18.00 e di Mark il poliziotto spara per primo di Stelvio Massi, (Italia, 1975, 100’) domenica 26 maggio alle 18.00.
Domenica 26 maggio, nel weekend di piazza di Siena, il tema sportivo è declinato in termini cinematografici grazie alla rassegna Si gira! Il grande cinema e lo sport, appositamente pensata per accompagnare per mano bambini e giovani adolescenti nei diversi mondi sportivi: domenica alle 10.30 nella Sala Gian Maria Volonté proiezione di Spirit cavallo selvaggio

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI