IN/ACTION. Contro lo scacciatempo, la noia

Opera di Aideen Doran

 

Dal 08 Novembre 2018 al 09 Dicembre 2018

Siena

Luogo: Santa Maria della Scala

Curatori: Lisa Andreani, Matteo Binci, Gloria Nossa, Milena Zanetti

Costo del biglietto: intero € 9, ridotto € 7 (da 12 a 19 anni, over 65, studenti universitari non iscritti ad istituzioni universitarie senesi, militari, categorie convenzionate), famiglia € 20 (2 adulti + 2 minori superiori ad anni 11), gruppi e istituzioni formative € 5 (gruppi di minimo 10 persone). Gratuito bambini fino a 11 anni, residenti, scuole pubbliche ed universitarie senesi, docenti accompagnatori, accompagnatori gruppi, portatori di handicap e accompagnatore, giornalisti

Telefono per informazioni: +39 0577 286300

E-Mail info: infoscala@comune.siena.it

Sito ufficiale: http://www.santamariadellascala.com


Comunicato Stampa:
IN/ACTION.Contro lo scacciatempo, la noia è il titolo della mostra collettiva di artisti curata da Lisa Andreani, Matteo Binci, Gloria Nossa e Milena Zanetti il cui progetto è stato selezionato a seguito della call Just Image e ai due workshop (con Elio Grazioli e Maurizio Guerri) dedicati a collettivi, artisti e curatori, curati da Michela Eremita. La mostra è l’attuazione della selezione del 2017 e rientra nel programma Toscanaincontemporanea2018 della Regione Toscana.
 
IN/ACTION.Contro lo scacciatempo, la noia è stata la risposta critica e curatoriale al tema Usiamo ancora i microscopi come clave. I media tra esaurimento e chance estetica,proposto nel workshoptenuto nel mese di novembre 2017 da Maurizio Guerri, docente di Storia Contemporanea e Comunicazione Sociale presso l’Accademia di Belle Arti di Brera - Milano. 
 
Gli incontri di Just Imagesono stati finalizzati alla creazione di pratiche espositive originali da presentare nella Project Room(al momento lo spazio espositivo ex refettorio del Santa Maria della Scala) per l’autunno 2018 (ottobre-dicembre). La giuria che ha selezionato il progetto come migliore tra quelli presentati è stata composta da Michela Eremita, Elio Grazioli, Maurizio Guerri e Daniele Pitteri.
 
Il titolo del workshop Perché utilizziamo i microscopi come clave riprende una citazione dal film Sacrificio di Tarkovskij, nella quale il personaggio allude a un nostro utilizzo costrittivo e distruttivo dei media e, più in generale, dei dispositivi tecnici a nostra disposizione. 
Dalle parole scritte da Maurizio Guerri come traccia da seguire durante l’incontro:“Ma è proprio vero che non c’è alternativa al processo simulatorio in cui siamo immersi, è proprio vero che per dirla con Baudrillard siamo usciti dalla tragedia della storia per entrare definitivamente nell’estasi della comunicazione? È possibile che ancora parole come immaginazione, utopia e libertà diventino parole guida della prassi artistica? […] Quali sono i modi in cui le arti mostrano oggi di imparare a usare i microscopi come microscopi – o come altro ancora – invece che come clave?”
 
 
IN/ACTION. Contro lo scacciatempo, la noia è lo straripamento di un flusso immaginativo senza tempo che si travasa ininterrottamente tra pratiche artistiche Fluxuse le opere di sei artisti viventi, producendo una piattaforma visiva di indagine critica sulla noia e le sue relazioni con la tecnologia.
 
L’artistaAideen Doran nel video Oblomov’s dream presenta la noia come forma di resistenza attiva alla continua richiesta odierna di performatività e prestazione lavorativa.Ricostruita parzialmente l’installazione ambientale Gli imbambolatidi Benni Bosetto, composta da bassorilievi di figure umane intente ad osservare il cielo e le nuvole, metafora di una condizione di contemplazione in cui tempo e spazio vengono sospesi a favore di una riscoperta dell’immaginazione. Il bollettino periodico No.9 delle Something Else Newsletters di Dick Higgins presenta una riflessione su “Noia e Pericolo” a partire dalla musica di Erik Satie e considerando le opere di artisti Fluxus. Lo spartito dell’opera musicale4’33” di John Cage invita il musicista a sospendere l’esecuzione per quattro minuti e trentatré secondi, facendo tuttavia riconfigurare il silenzio nel suo esatto opposto: il suono. L’opera viene celebrata nel video di Nam June Paik A tribute to John Cageattraverso la rimessa in scena di 4’33”in diversi luoghi di Manhattan.
 
Il percorso continua nel dittico di Matteo Cremonesi Untitled, parte della sua ricerca fotografica dedita a provocare una sorta di esaurimento o noia dello sguardo, attraverso la richiesta di attenzione su qualcosa di molto semplice e conosciuto come, ad esempio, una fotocopiatrice. Dario Maglionicoregistra nei suoi dipinti Reificationsituazioni domestiche in cui l’intimità dei protagonisti sembra confrontarsi continuamente con dispositivi tecnologici in una temporalità sospesa. Rustan Söderling presenta nel video Fire Gazing la dimensione mitica e spirituale della tecnologia. Il libro d’artista An Anthology of Chance Operations, edito da La Monte Young e co-pubblicato da Jackson Mac Low, raccoglie al suo interno una serie di opere tra le quali la Compositions 1960 #7del suo stesso editore, pensata per essere suonata simultaneamente da più strumenti possibili e con la minima variazione. Nel video Noiadi Mauro Folci la tensione della scena è determinata dalla sospensione della distinzione tra uomo e animale (leone). La noia è il luogo dove l’umano sospende il rapporto con il suo disinibitore e avviene il passaggio dall’ambiente distratto dell’animale al mondo umano.
 
La mostra In/Action rappresenta la prima esperienza di confronto collettivo per i giovani curatori, pur avendo alcuni dei quali hanno già intrapreso il percorso critico. Matteo Binci, Gloria Nossa, e Milena Zanetti hanno collaborato in un progetto curatoriale all’interno dell’Accademia di Brera, mentre Lisa Andreani ha già diverse esperienze di curatela sia individuale che collettiva, come ad esempio CAMPO Corso per Curatori della Fondazione Sandretto di Torino.
I protagonisti raccontano: “ Questo gruppo è nato grazie al workshop e alla possibilità di parteciparvi. Ci siamo uniti per l’interesse comune verso la tecnologia e le sue relazioni con l’uomo contemporaneo e, fino ad ora, nel progettare e creare la mostra, continuano a interrogarci e approfondire i temi, mantenendo aperta la possibilità di continuare la ricerca a chiusura della mostra. 

Opening 8 novembre ore 19
Orari:
 lunedì / mercoledì / venerdì: 10.00-17.00; giovedì: 10.00-20.00; sabato e domenica: 10.00-19.00. Martedì chiuso. Ultimo ingresso un’ora prima l’orario di chiusura del museo
 


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: