Mario Vespasiani. Il tempo dei trentasei giusti

Opera di Mario Vespasiani

 

Dal 31 Agosto 2019 al 03 Novembre 2019

Caldogno | Vicenza

Luogo: Villa Caldogno

Indirizzo: via Zanella 3

Orari: giovedi e venerdi ore 9 - 12; sabato ore 9 - 12 e 15 - 18; domenica ore 9 - 12

Enti promotori:

  • Comune di Caldogno

E-Mail info: cultura@comune.caldogno.vi.it

Sito ufficiale: http://www.villacaldogno.it


Comunicato Stampa:

"Coloro i quali agiscono per salvare una vita umana possono essere considerati tra i Giusti
ed anche se mettono a rischio la propria esistenza, lo fanno comunque perché si sentono chiamati a farlo.
Questi uomini, come gli uccelli sono vigili e percepiscono lo svolgersi degli eventi da lontano, nell'oscurità.
Si muovono leggeri e decisi si staccano da terra, perché quella è la loro intima natura".
Mario Vespasiani

L'Amministrazione comunale di Caldogno ha il piacere di invitare alla mostra di Mario Vespasiani, uno dei più autorevoli talenti dell'arte italiana, dal titolo Il tempo dei trentasei giusti, un progetto site-specific realizzato appositamente per Villa Caldogno, tra le più celebri ville venete, opera dell'architetto Andrea Palladio, già patrimonio UNESCO.

La personale che si apre sabato 31 agosto si svolgerà nelle sale del piano nobile, nelle quali le inedite opere di Vespasiani si pongono in dialogo con gli affreschi cinque-seicenteschi presenti nelle tre stanze scelte, che illustrano gli svaghi e i divertimenti quotidiani della vita dell'epoca, tra giocatori di carte e suonatori. Mario Vespasiani ha concepito questi recenti dipinti in relazione alle immagini presenti sulle pareti affrescate, sia nel tema che con le tonalità, interpretando questi episodi come racconto di un'umanità distratta dalla urgenze del quotidiano, presa dai vizi e dal passatempo. Ha associato in ciascuna sala tre quadri che descrivono un particolare mondo notturno dove appaiono uccelli di varie specie, che silenziosi osservano lo spettatore, attenti ad ogni segnale, al punto di svanire un un battito d'ali. Nella ricerca dell'artista, sono fondamentali i simboli e le metafore, infatti i volatili più che una fedele descrizione ornitologica, rappresentano il ruolo che ciascun individuo ha sulla terra e le sue responsabilità, in base al talento ricevuto e alla missione da svolgere.

Sia il titolo che la mostra si rifanno all'interesse di Vespasiani per la spiritualità che lega Oriente ed Occidente. In questo caso l'autore attinge alla sapienza ebraica, infatti secondo quanto sta scritto nel Talmud - monumentale opera della letteratura ebraica post-biblica - in qualsiasi momento della storia, ci sono sempre trentasei giusti al mondo che vivono senza essere consapevoli della loro natura “speciale”. Nessuno li conosce nel momento del loro operato – sono in un certo senso “nascosti” – ma la loro presenza assicura l’esistenza del mondo stesso perché, per amor loro, Dio non distrugge il pianeta terra. La tradizione ritiene che le loro identità siano sconosciute anche tra di loro e che, se uno di loro giungesse a comprendere il vero scopo della propria esistenza, allora verrebbe immediatamente sostituito da un altro giusto.
Nell’anonimato ritengono di compiere solo il proprio dovere di uomo e donna, nulla più. Neppure loro stessi sanno di essere tanto importanti, ma riconoscendo il male e le sofferenze e se ne fanno carico perché non possono tollerare simili ingiustizie proprio per il proprio "innato status di Giusti".

Nelle grandi tele il fondo scuro del blu notte, richiama il contesto nascosto e riservato in cui operano queste figure, non protagoniste alla ribalta, ma attente e silenziose, non generiche ma precise, inoltre ogni uccello è anche la rappresentazione di un simbolo, caro alle varie culture, sia nella specie come nel colore.

Mario Vespasiani in un quotidiano che si svela nelle spaventose disparità tra gli esseri umani, nelle distanze tecnologiche che separano perfino tra le pareti di casa o che atterrisce di fronte agli abissi insondabili di ogni anima, vuole sensibilizzare l'orientamento individuale a percepire l'aspetto più profondo che ci fa sentire esseri uniti tra noi, alla madre terra e all'opera della creazione. Confida l'autore che la mostra deriva anche dall'incoraggiamento a fare il bene, che ricevette quando era giovanissimo studente da parte del leggendario ciclista Gino Bartali, che circa venti anni dopo sarebbe stato dichiarato dallo Yad Vashem, per i suoi gesti di assoluto coraggio e umanità, Giusto tra le nazioni.

Mario Vespasiani (1978) è un artista visivo italiano.

Inaugura la prima mostra non ancora ventenne e ad oggi ha esposto su tutto il territorio nazionale, in gallerie, musei, luoghi di culto e in contesti inusuali. Nel corso del tempo la sua ricerca ha interessato anche studiosi di discipline che vanno dalla teologia all'astrofisica, dall'antropologia alla filosofia. Si esprime attraverso un alfabeto simbolico che si fonda sulle rivelazioni della mistica cristiana e sulla pratica alchemica della pittura. Attento osservatore delle leggi naturali e degli insegnamenti della sapienza orientale, il suo lavoro va inteso come continuazione dell'opera creativa universale, da cui cogliere il sentimento spirituale.

Espone giovanissimo ai Musei Capitolini di Roma con la mostra Gemine Muse, a 27 anni vince il primo Premio Pagine Bianche d’Autore, figura nel libro Fragili eroi di Roberto Gramiccia, sugli artisti italiani del futurismo ad oggi e sul Dizionario dell’Arte Italiana edito da Giancarlo Politi. Per essere stato tra i primissimi artisti ad aver impiegato la sua impronta pittorica ai nuovi materiali e alle recenti tecnologie, viene inviato nel 2012 dall’Accademia di Belle Belle Arti di Macerata a tenere una conferenza dal titolo: L’essenza e il dono. Arte, relazione e condivisione, dalla tela all’iPad. Nello stesso anno con le opere realizzate mediante l’iPad ed applicate su alluminio partecipa al Premio Termoli e di seguito alle storiche rassegne d'arte nazionali: nel 2014 al Premio Sulmona, nel 2015 al Premio Vasto, nel 2018 al Premio Marche.

Durante la sua carriera le sue opere sono state poste in dialogo diretto con alcuni maestri dall'arte italiana, quali Mario Schifano, Osvaldo Licini, Lorenzo Lotto e Mario Giacomelli, in mostre intitolate La quarta dimensione. Ha esposto nel 2011 al Padiglione Italia della Biennale di Venezia curato da Vittorio Sgarbi nella sede di Torino e qui con Imago Mundi alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Dal 2013 lavora a Mara as Muse, un progetto composto da dipinti, disegni, fotografie, libri e oggetti d'arte, che tratta del rapporto della presenza femminile nell'ispirazione artistica, la cui trilogia è stata presentata a fine 2017 alla Galleria d'Arte Moderna di Roma.
Nel 2015 realizza delle opere in pura seta intitolate Storie di viaggiatori, territori e bandiere che espone come fossero vessilli, la cui performance si tiene nella Pinacoteca civica di Ascoli Piceno e in un happening sulla cima di un’antica torre.

Nel mese di maggio esce Planet Aurum il suo primo libro interamente dedicato agli scritti e nello stesso anno la città di Fermo lo invita a dipingere il Palio dell’Assunta collegato alla personale Empireo. Nel 2016 è l'ideatore del festival sul pensiero contemporaneo La Sibilla e i Nuovi Visionari. Nel 2017 è stato in mostra a Venezia e Monaco di Baviera nella collettiva Our place in space promossa da NASA ed Esa che prosegue nel 2018 in un tour mondiale. Nello stesso anno organizza Indipendenti, Ribelli e Mistici, una rassegna di incontri interculturali che ha coinvolto numerosi studiosi provenienti da vari ambiti. Sempre nel 2017 il Museo Storico dell'Aeronautica Militare di Vigna di Valle ha celebrato il quarantennale con la sua mostra personale dal titolo Fly Sky and Air. Nel 2018 inaugura la mostra Lepanto dedicata alla famosa battaglia, nel Museo Diocesano di Gaeta dove è conservato lo stendardo della flotta. Nel maggio 2019 è stato presentato al Museo d'Arte Contemporanea di Roma (MACRO) il quarantesimo libro dedicato al suo lavoro.

La sua indagine artistica non ha riferimenti analoghi nel panorama contemporaneo per tematiche, scelte espositive e collaborazioni. Contemporaneamente alla pittura, ha frequentato un workshop di fotografia con Ferdinando Scianna e di cinema con Lech Majewski. Quarantuno sono ad oggi le pubblicazioni personali, che dall'esordio, hanno documentato in maniera metodica la sua ricerca.

Inaugurazione sabato 31 agosto 2019 alle ore 18,30


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI