Just another woman. Elia Fiumicelli, Michela Gioachin, Catherina Gynt

© Catherina Gynt

 

Dal 26 Agosto 2017 al 21 Settembre 2017

Bibbiena | Arezzo

Luogo: ExpArt studio&gallery

Indirizzo: via Borghi 80

Curatori: Silvia Rossi

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Sito ufficiale: http://www.expartgallery.com


Comunicato Stampa:
Dal 26 agosto al 21 settembre 2017 ExpArt studio&gallery, in via Borghi 80 a Bibbiena (AR), presenta “Just another woman”, tripla mostra di Elia Fiumicelli, Michela Gioachin e Catherina Gynt a cura di Silvia Rossi.
L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile dal martedì al mercoledì con orario 15/19, dal giovedì al sabato con orari 9,30/12 e 15/19, o su appuntamento.
Sabato 26 agosto, dalle ore 17, l’inaugurazione in galleria con l’aperitivo offerto da Bar Le Logge.

Dopo la pausa ferragostana ExpArt studio&gallery riapre con artisti già noti ai frequentatori dello spazio espositivo bibbienese. Si tratta di Elia Fiumicelli, Michela Gioachin e Catherina Gynt, che dialogano per la prima volta a tre intorno al principale soggetto di ciascuna delle loro ricerche: la figura femminile.
 
La mostra non fa altro che presentare just another woman, solo un'altra donna. I tratti dei tre artisti si mescolano per creare una narrazione intorno agli elementi caratteriali usati come punto di forza e di studio dei loro ritratti.
Gli stili scelti – ma più che scelti si può tranquillamente dire creati – accompagnano agilmente lo sguardo oltre la superficie dei lineamenti, oltre la guancia e le palpebre, dentro agli occhi e alle bocche di queste novelle madame, fino a raggiungerne il cuore, fino a capire la reale potenza sprigionata da una solo apparente delicatezza.
In una società in cui il ruolo della donna non riesce ad apparire ancora ben definito e libero da schemi ripetitivi, la libertà di queste singole protagoniste – ciascuna rappresentata nella propria essenza più pura, ora forte e decisa, ora romantica e trasognata, libera, sensuale, naturale e artificiosa – ci narra quanto sia e possa essere solo l'autodeterminazione a definire la vera e unica natura di una donna, di ciascuna donna, di ogni altra donna.

Elia Fiumicelli è nato nel 1994 a Montevarchi (AR) ma vive a Stia, in Casentino. Frequenta l’Istituto d’Arte di Arezzo e mostra già tutto il suo talento in età scolastica. Opera come stagista a La Mantero, dove prosegue a lavorare con l’inserimento nella factory aziendale, confrontandosi con artisti e designer provenienti da Olanda e Russia. In questi anni in cui i suoi studi di designer ottengono crescenti riconoscimenti e collaborazioni, intraprende un percorso artistico parallelo e più personale dedicandosi alla pittura, in cui sviluppa una cifra stilistica personale e riconoscibile apprezzata da pubblico e critica.

Michela Gioachin
è nata nel 1978 a Montecchio Maggiore (VI), ma vive e lavora a Vicenza. Si laurea con lode all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Da allora il suo percorso è scandito da una serie di mostre collettive e personali di successo in Italia e all'estero. Da anni si dedica all'insegnamento del disegno e collabora stabilmente con varie gallerie sul suolo nazionale. Il suo lavoro si annovera tra i più interessanti nel contesto dell'arte emergente figurativa italiana. Nel 2007 ha realizzato, in veste di responsabile della decorazione pittorica, la ricostruzione de “La Rua”, giostra storica vicentina compiuta con il patrocinio di AMCPS.

Catherina Gynt
è nata nel 1987 ad Arezzo. Pittrice, illustratrice, scultrice, attrice, danzatrice e tatuatrice, ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Firenze, il Teatro Piccolo Re di Roma e l’Accademia del Teatro di Torino. La sua ricerca sfrutta il decorativismo dell’Art Déco e l’immagine di collaborazione tra Natura e Uomo che vive nel Liberty per dar vita a una cifra stilista peculiare. Geometrie e flessuosità si intrecciano in composizioni evocanti, per creare calma e confusione, pace e rabbia, continenza ed erotismo. Catherina scivola tra danza, teatro, murales, quadri e sperimentazioni, sempre alla ricerca dello stimolo giusto.


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI