do ut do 2014. Design per Hospice / Massimo Iosa Ghini. Works

do ut do 2014. Design per Hospice / Massimo Iosa Ghini. Works

 

Dal 23 Settembre 2014 al 19 Ottobre 2014

Bologna

Luogo: MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna

Indirizzo: via Don Minzoni 14

Orari: martedì, mercoledì e venerdì 12-18; giovedì, sabato, domenica e festivi 12-20

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 051 6496611

E-Mail info: info@mambo-bologna.org

Sito ufficiale: http://www.mambo-bologna.org/


Comunicato Stampa: Il MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna è lieto di ospitare dal 23 settembre al 19 ottobre 2014 due esposizioni che offrono un'importate prospettiva sul design e che, non casualmente, aprono al pubblico in concomitanza con il Cersaie: la personale dell'architetto e designer Massimo Iosa Ghini - che ne riassume il lavoro dagli esordi a oggi - e l'appuntamento conclusivo di do ut do, mostra che raccoglie le produzioni di una cinquantina di maestri del design e dell'architettura: da Daniel Libeskind ad Alessandro Mendini, da Richard Meier a Odile Decq. Le rassegne si articolano, con i rispettivi percorsi, negli spazi al piano terra del MAMbo dedicati alle mostre temporanee e sono visitabili gratuitamente.
La monografica dedicata a Massimo Iosa Ghini, un progetto di Iosa Ghini Associati, ricostruisce la sua attività a partire dagli anni ‘80, fino ai lavori più recenti, rendendo visibili una ricca collezione di disegni, progetti di interni e di architettura, oggetti di design, illustrazioni e contributi audiovisivi. Il percorso espositivo, diviso per aree tematiche, si apre con la sezione Disegnare, che si sofferma sul vivace fermento culturale bolognese dei primi anni Ottanta durante i quali Iosa Ghini partecipa attivamente alla creazione di una nuova visione dell’immagine che integra illustrazione, moda, comunicazione e fumetto. In mostra qui alcuni disegni realizzati per Frigidaire, Alter Linus, Vanity Fashion Magazine con modelli per Ferré e Krizia e illustrazioni per WP Lavori in Corso.
La seconda sezione, Innovare, si focalizza sulle avanguardie del design, con la fondazione del gruppo Bolidismo e la collaborazione con il gruppo Memphis, attraverso l’esposizione degli alcuni oggetti-manifesto quali la poltrona Numero Uno, fino ad arrivare ad alcuni prodotti di design più recenti.
Spazio all’evoluzione internazionale viene dato nella terza sezione Parlare con il mondo, in cui si presentano oggetti concepiti per committenti stranieri quali IBM International Business Machines Corporation, BMW e Duravit in Germania, Silhouette Modellbrillen in Austria, Yamagiwa in Giappone, compresi alcuni progetti di interior design.
Nell’area Interpretare la quintessenza italiana è rappresentata l’italianità e la collaborazione con importanti gruppi internazionali quali Ferrari, Alitalia, Kiko e Iris Ceramica, main sponsor della mostra.L’esposizione si chiude con la sezione Sostenibile ma bello, oggi in cui il tema della sostenibilità diventa preminente e si coniuga alla capacità di innovazione tecnico stilistica del sistema produttivo italiano. Quest’area è dedicata in particolare a prodotti di illuminazione con tecnologia a LED a risparmio energetico. Inoltre sono illustrati recenti progetti di cui la sostenibilità ambientale è principio cardine.
do ut do, un progetto dell'Associazione Amici della Fondazione Hospice Seràgnoli, dopo il successo dell'edizione 2012 dedicata all’arte contemporanea, nel 2014 si rivolge alle eccellenze del design internazionale con diversi appuntamenti in cui viene proposta l’ampia e articolata esposizione che, dopo il MAXXI di Roma e il MADRE di Napoli, dal 23 settembre arriva al MAMbo.
do ut do, nome coniato da Alessandro Bergonzoni, è legato ad un progetto benefico biennale ideato a sostegno della Fondazione Hospice Seràgnoli Onlus, organizzazione non-profit che dal 2002 opera nel campo dell’assistenza, formazione, ricerca e divulgazione della cultura delle cure palliative.
La prima edizione, Arte per Hospice, ha permesso di raccogliere 240.000 euro grazie alle donazioni e alla compartecipazione di prestigiose gallerie, istituzioni e imprese insieme a 38 tra i più illustri personaggi del mondo dell’arte. Nel 2014, padrini d’eccezione, dopo Yoko Ono, che nel 2012 ha donato il suo Wish Tree, sono i MASBEDO, duo di video artisti che ha contribuito con la realizzazione di un video inedito dal titolo Look Beyond.

Partecipano a do ut do designer, architetti, artisti e aziende produttrici che si cimentano nella creazione di oggetti con valore d’uso: Emilio Ambasz, Archea, Christian Balzano, Claudio Bellini, Mario Botta, Michel Boucquillon, Sergio Calatroni, Centro Stile Leucos / Marcello Jori, Sandro Chia, Painè Cuadrelli e Francesca Rho, Riccardo Dalisi, Michele De Lucchi, Odile Decq, Flavio Favelli, Leo Fender / John “Crash” Matos, Jacopo Foggini, Doriana e Massimiliano Fuksas, Massimo Giacon, Anna Gili, Stefano Giovannoni, Alessandro Guerriero, Maria Christina Hamel, Daniele Innamorato, Massimo Iosa Ghini, Daniel Libeskind, Donia Maaoui, Antonio Marras, Emiliana Martinelli, Richard Meier, Franco Mello, Alessandro Mendini, Angelo Micheli, Mario Nanni, Jean Nouvel, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Luca Pancrazzi, Francesco Patriarca, Fabio Rotella, Andrea Salvetti, William Sawaya, Luca Scacchetti, Claudio Silvestrin, Ettore Sottsass, Philippe Starck, Tarshito, Axel Vervoordt. I produttori: Adamantx, Alessi, Archimede Falegnameria, Astor Mobili, Bisazza, Casale Bauer, Co.Modo, Danese / Artemide, Genesia, GoriLab, GVM, Kollmar 1921, Italcementi, Leucos, Margraf, Martinelli Luce, Mascagni, Memphis,Pampaloni, Riva 1920, Sawaya & Moroni, S.E.C., Superego Editions, TE Collection, Tendentse.

I designer hanno espresso la loro adesione donando un'opera che, secondo il tradizionale schema dell’estrazione a sorte, verrà assegnata a chi avrà sostenuto le attività della Fondazione con un contributo a partire da € 5.000. Conclusa la mostra al MAMbo, do ut do 2014 si chiuderà con l'estrazione e conseguente assegnazione delle opere in palio, prevista per il 24 ottobre al il MAST, Manifattura di arti, sperimentazione e tecnologia (Bologna).

Massimo Iosa Ghini. Works

Il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna accoglierà dal 23 settembre al 19 ottobre 2014 una mostra monografica dedicata a Massimo Iosa Ghini, in un percorso che racconta il suo iter creativo. 
L’esposizione ripercorrerà l’attività dell’architetto a partire dagli anni ‘80, anni degli esordi, fino ai lavori più recenti esponendo una ricca collezione di disegni, progetti di interni e di architettura, oggetti di design, illustrazioni e contributi audiovisivi: dai fumetti al Bolidismo, dall’adesione al gruppo Memphis alla conquista del mercato europeo e internazionale, fino alla consacrazione come uno dei più importanti architetti e designer del panorama internazionale.
Il percorso espositivo, diviso per aree tematiche, si apre con la sezione Disegnare, che analizza i suoi esordi quando, nel vivace fermento culturale bolognese dei primi anni Ottanta, caratterizzato, tra gli altri, dalla nascita dell’università delle arti e comunicazione di Umberto Eco, partecipa attivamente alla creazione di una nuova visione dell’integrazione dell’immagine, tra illustrazione, moda, comunicazione e fumetto. In mostra saranno esposti alcuni dei suoi disegni realizzati per Frigidaire, Alter Linus, Vanity Fashion Magazine con modelli per Ferré e Krizia ed illustrazioni per WP Lavori in Corso.
La seconda sezione, Innovare, si focalizza sulle avanguardie del design con la fondazione del gruppo Bolidismo e la collaborazione con il gruppo Memphis attraverso l’esposizione degli oggetti-manifesto: la poltrona Numero Uno, vero simbolo di questa tendenza, la poltroncina Otello disegnata per Memphis, il divano Newtone e la collezione Dinamic per Moroso fino ad arrivare ad alcuni prodotti di design più recenti come quelli realizzati per Teuco e Snaidero, frutto della continua ricerca creativa. 
Si potrà ammirare l’evoluzione internazionale nella terza sezione Parlare con il mondo, in cui si presentano oggetti concepiti per importanti aziende estere come IBM International Business Machines Corporation, BMW e Duravit in Germania, Silhouette Modellbrillen in Austria, Yamagiwa in Giappone, compresi alcuni progetti di interior per gli uffici di Capital Group a Mosca, la metropolitana di Hannover in Germania e CMC Group a Miami.
Nell’area Interpretare la quintessenza italiana è rappresentata l’italianità e la collaborazione con importanti gruppi internazionali quali Ferrari, Alitalia, Kiko, Iris Ceramica, main sponsor dell’evento, e tanti altri per i quali Iosa Ghini ha progettato spazi per il lavoro, l’intrattenimento, oltre al design di catene di negozi realizzate in tutto il mondo a partire dalla corporate identity per garantire alle aziende un’immediata riconoscibilità.
L’esposizione si chiude con la sezione Sostenibile ma bello, oggi in cui il tema della sostenibilità diventa preminente e coniugata alla capacità di innovazione tecnico stilistica del sistema produttivo italiano. Quest’area è dedicata in particolare a prodotti di illuminazione con tecnologia a LED a risparmio energetico. Inoltre sono illustrati recenti progetti di cui la sostenibilità ambientale è principio cardine quali le opere infrastrutturali del People Mover a Bologna, la sede del circolo del Ministero degli Affari Esteri, Museo Maserati, WP Lavori in Corso, Oikos che interpreta le esigenze progettuali dell’architetto con i suoi colori materici, ed alcuni prodotti di design come l’installazione South Face.
I contributi audiovisivi saranno di supporto a tutto il percorso della mostra con filmati d’epoca ma anche attraverso interviste a vari personaggi e artisti nel mondo del design. 

Massimo Iosa Ghini (Bologna, 1959) è architetto, laureato al Politecnico di Milano. Dal 1985 partecipa alle avanguardie del design italiano, per il gruppo Bolidismo di cui è fondatore, e fa parte del gruppo Memphis con Ettore Sottsass. 
La propria evoluzione professionale si svolge nel design, nella progettazione di architetture commerciali e museali, progettazioni di aree e strutture dedicate al trasporto pubblico, nonché nel design di catene di negozi realizzate in tutto il mondo, sviluppando progetti per importanti gruppi internazionali come Ferrari, Capital Group, IBM Italia, CMC Group Miami, Seat Pagine Gialle, Alitalia e tanti altri. 
I suoi progetti di design e architettura hanno ricevuto importanti menzioni quali quella per il Premio Compasso D’Oro ADI, e numerosi riconoscimenti tra cui il Good Design Award dal Chicago Athenaeum, il Red Dot Award e l’iF Product Design Award, Germania, il Roscoe Award negli U.S.A., il premio IAI AWARD Green Design Global Award e l’IAI Awards, Shanghai, China.
Nel 2013 la Triennale di Milano gli ha dedicato un’intera antologica ai suoi 30 anni di carriera professionale.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI