Festival Cristallino 2018. VI Edizione

Opere di Paolo Buzi

 

Dal 02 Settembre 2018 al 16 Dicembre 2018

Cesena | Forlì-Cesena

Luogo: Sedi varie

Enti promotori:

  • Con il patrocinio di MiBAC _ Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018
  • Regione Emilia Romagna
  • Comune di Ravenna
  • Comune di Cesena
  • Comune di Bagnacavallo
  • Comune di Longiano

Telefono per informazioni: +39 339 4741059

E-Mail info: calligraphie@calligraphie.it

Sito ufficiale: http://www.cristallino.org/


Comunicato Stampa:
Anche per l'edizione 2018 il Festival Cristallino si dirama in una serie di percorsi diffusi, sempre nel solco di una rotta artistica tesa a rimarcare come all’interno di un territorio, nel suo complesso ecosistema storico, ambientale e antropico, siano proprio le realtà liminali, di confine o borderline, a svolgere una funzione determinante circa lo sviluppo e la precisazione della sua stessa identità.
Tre studi d'artista, due grandi mostre, alle quali si innesteranno workshop, incontri e laboratori, insieme a due progetti speciali dedicati al fiume Savio, nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018; e ancora performance, incontri, live painting. Ogni occasione del Festival sarà intesa a dare corpo a ciò che si muove per vie periferiche, ciò che, per natura e configurazione, appare minoritario e dunque utopico o atopico – ciò che in forza della sua qualità interstiziale non si lascia ricomporre in un quadro prestabilito, innescando per vie sotterranee, passo dopo passo, un mutamento della fisionomia degli spazi e delle comunità che li abitano e li attraversano.
Questo sconfinamento della geografia nella biografia parla, in qualche misura, anche della nostra azione di resilienza, come festival indipendente e come centro artistico, in una periferia urbana. Con una fondamentale scoperta, che si è precisata nell’arco di questi anni: che ogni situazione di marginalità, estranea ai circuiti mainstream, può attestarsi, al di là di ogni suo possibile, futuro sviluppo, soltanto come “desiderio di essere”, di esserci, in questo tempo e nei luoghi che ci sono dati.
Il filosofo Didi-Huberman, partendo da una immagine di Pier Paolo Pasolini sulla progressiva scomparsa delle lucciole, ha scritto che “l’animata danza delle lucciole non ha altro luogo che nel cuore delle tenebre”: solo in quelle nicchie scampate alla feroce luce panottica della pseudo-modernità, in aree interstiziali e periferiche. E che “le lucciole non si illuminano per illuminare” ma unicamente per un gesto mimico di presenza – non assecondando altra logica, altra finalità, che quella, appunto, del desiderio di essere.
In una metaforica situazione “tenebra” è questo che ci preme testimoniare, attraverso l’opera degli artisti che ci accompagneranno in questa edizione così come di tanti altri che negli anni abbiamo incontrato.
Con l’impressione che queste piccole e intermittenti luminescenze che infrangono lo specifico buio dell’epoca, ossia quella brutale e ostinata “luce al neon” dell’industria politica, sociale, culturale, siano alla fine le uniche a restare per davvero stampate sulla nostra retina.
 
​Roberta Bertozzi
Direttrice Artistica

Location

CORTE ZAVATTINI 31_Cesena 
Lungofiume Savio_Cesena
Ex-Zuccherificio_Cesena
Via Fornazzo 16_Bagnacavallo
Via Fiumicino 760_Longiano
Via Salara 33_Ravenna

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: