Goldschmied & Chiari. Artificial Landscapes

Goldschmied & Chiari, Paesaggio artificiale, 2019, 140x140 cm.

 

Dal 31 Agosto 2019 al 06 Ottobre 2019

Pietrasanta | Lucca

Luogo: Galleria Poggiali / Ex Fonderia d’Arte Luigi Tommasi

Indirizzo: via Garibaldi 8

Orari: tutti i giorni 10.30-12.30 / 18-24

Curatori: Luigi Marcone

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39.055287748

E-Mail info: info@galleriapoggiali.com

Sito ufficiale: http://www.galleriapoggiali.com


Comunicato Stampa:
La Galleria Poggiali è lieta di presentare Artificial Landscapes, mostra personale di Goldschmied & Chiari (Sara Goldschmied, Arzignano 1975 – Eleonora Chiari, Roma 1971), curata da Gaspare Luigi Marcone e allestita nei due spazi di Pietrasanta.

L’inaugurazione è prevista sabato 31 agosto alle ore 18.30 nella Project Room di via Garibaldi 8 dove saranno presentati lavori inediti di Untitled Views.

Appositamente per la mostra Artificial Landscapes, sono stati realizzati nuovi lavori che concentrano maggiormente lo sguardo sulla natura. Dopo la recente esposizione Eclisse al Museo Novecento di Firenze (marzo – maggio 2019), le artiste presentano per la prima volta in galleria i nuovi formati circolari che riflettono su fenomeni naturali come eclissi, albe o tramonti.
Parallelamente, nell’altra sede della galleria nell’Ex-Fonderia d’arte Luigi Tommasi, in via Marconi 48, altri esemplari di questi lavori saranno in dialogo con grandi superfici specchianti dalle tonalità verdi.
Arte e tecnica Nel ciclo Untitled Views (iniziato nel 2014) le artiste sparano in studio fumogeni colorati catturando con la fotografia alcune sinfonie di fumi e colori (selezionate per armonia, cromia, struttura) poi stampate e inglobate – con una tecnica segreta, quasi alchemica – su vetro e specchio. La superficie riflettente invade lo spazio e l’osservatore. L’osservatore, anzi, è parte attiva di queste “visioni/vedute” senza titolo che tra policromia e polisemia si aprono a molteplici interpretazioni. In alcuni casi emerge la superficie specchiante, diretta e luminosa, in altri casi invece – cambiando il punto di osservazione – le superfici diventano simili a pastelli o dipinti densi e colorati (evocando alcuni lavori di J.M.W. Turner).
In queste opere emergono alcuni punti nodali della ricerca delle artiste come, per esempio, il rapporto critico con la storia e la natura o la polarità tra realtà e finzione.
Per l’occasione sarà pubblicata una conversazione inedita tra le artiste e il curatore Gaspare Luigi Marcone.
“Goldschmied & Chiari”: Mostre e riconoscimenti Goldschmied & Chiari (Sara Goldschmied, Arzignano 1975 – Eleonora Chiari, Roma 1971) fondano il duo goldiechiari nel 2001. Dal 2014 lavorano con il nome Goldschmied & Chiari a Milano.
Recenti mostre personali (selezione): Eclisse, Museo Novecento, Firenze (2019); Gioielli di famiglia, The Open Box, Milano (2018); Fumo negli occhi, Ex-chiesetta, Polignano a Mare (2018); Untitled Views, Renata Fabbri arte contemporanea, Milano (2017); Vice Versa, Kristen Lorello, New York (2017); Dove andiamo a ballare questa sera?, Atelier House, Museion – Museo d’arte moderna e contemporanea, Bolzano (2015); La démocratie est illusion, Centre d’Art Contemporaine Passerelle, Brest e Villa Croce Museo di Arte Contemporanea, Genova (2014).
Recenti mostre collettive (selezione): Powder and Light, nm>contemporary, Montecarlo (2019); Foresta urbana, Palazzo Belmonte Riso e sedi varie, Museo Riso – Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Palermo (2018-2019); Dancing is what we make of falling, OGR – Officine Grandi Riparazioni, Torino (2018); Corpo a Corpo, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma (2017); Organic Matters – Women to Watch 2015, National Museum of Women in the Arts, Washington D.C. (2015); La storia che non ho vissuto (testimone indiretto), Castello di Rivoli, Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli (2012).
Hanno raggiunto riconoscimento nazionale e internazionale collaborando con istituzioni e musei tra i quali si ricordano: Museo Novecento, Firenze (2019), OGR – Officine Grandi Riparazioni, Torino (2018), Visual Arts Center of New Jersey, Summit (2018); Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma (2017), Museo San Telmo, San Sebastián (2016); Museion – Museo d’arte moderna e contemporanea, Bolzano (2015); MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma (2015); Fundació Joan Miró, Barcellona (2015); Fábrica de Arte Cubano, L’Avana (2014); Passerelle – Centre d’art contemporain, Brest (2014); Museo d’arte contemporanea Villa Croce, Genova (2014); MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Bologna (2013); Goethe Institut, Bruxelles (2013); Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli (2012); La Galerie – Centre d’art contemporain, Noisy-le-Sec (2012); Hallwalls Contemporary Arts Center, Buffalo (2011); MOCA – Museum of Contemporary Art, Shanghai (2010); Musée de Grenoble, Grenoble (2007); Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2002); Viafarini DOCVA, Milano (2002).  Hanno partecipato alla terza edizione di The Nanjing International Art Festival – New Baijia Lake Museum, Nanjing (2016), a The Fear Society evento collaterale della LIII Biennale di Venezia, Venezia (2009), alla prima edizione di Dublin Contemporary, Dublino (2011), alla quinta edizione di Video Zone International Video Art Biennial – Center for contemporary art, Tel Aviv (2010). Nel 2015 i loro lavori sono selezionati dal National Museum of Women in the Arts (NMWA) di Washington D.C. e dal Museo del Novecento di Milano per la mostra Organic Matters – Women to Watch 2015, NMVA, Washington D.C. (2015). Nel 2012 vincono la Borsa per Giovani Artisti Italiani – Premio del Castello di Rivoli e nel 2007 il premio Arte in Cantiere del Museion di Bolzano. 
 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI