Giuseppe Agnello. Arcadio/Terre in moto

© Ph. Angelo Pitrone | Giuseppe Agnello, Il corpo e il pensiero

 

Dal 27 Agosto 2018 al 04 Novembre 2018

Giardini-Naxos | Messina

Luogo: Parco Archeologico di Naxos

Indirizzo: Lungomare Schisò

Curatori: Alessandro Pinto

Enti promotori:

  • Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana
  • Parco Archeologico Naxos Taormina
  • Civita Sicilia

Costo del biglietto: intero Euro 4, ridotto Euro 2 Cittadini Unione Europea dai 18 ai 25 anni, gratuito minori di 18 anni e insegnati di ruolo in Italia


Comunicato Stampa:
Apre al pubblico martedì 28 agosto nel Parco archeologico di Naxos la mostra di Giuseppe Agnello Arcadio/Terre in moto, a cura di Alessandro Pinto, promossa dall’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, dal Parco Archeologico Naxos Taormina e da Civita Sicilia, che ne cura anche l’organizzazione.

Naxos fu una delle prime colonie greche in Sicilia, fondata nel 734 a. c. da uomini costretti a fuggire dalla loro patria, esuli provenienti da Calcide in Eubea e dall’isola di Naxos nelle Cicladi.

A quasi 3000 anni di distanza da questi eventi a noi non resta che immaginare come gli esuli abbiano iniziato a vivere questa nuova terra, del trauma che provarono all’inizio della loro nuova vita, e di come, con il passare del tempo e con il susseguirsi delle generazioni, quella terra un tempo aliena iniziò a diventare la loro casa con i loro santuari, le loro fornaci, la loro moneta, con fortificazioni per difenderla. Le opere di Giuseppe Agnello indagano questo trauma, seguono la storia e l’archeologia utilizzando un linguaggio che trascende quello scientifico e verte invece sulle sensazioni e suggestioni dettate dal parco archeologico di Naxos. L’artista inizia la propria ricerca come un archeologo, attraverso i frammenti e le lontane testimonianze, che per Agnello, però, non sono i reperti, ma la terra, la natura, il paesaggio, gli uomini, i materiali con cui l’artista interpreta Naxos e gli uomini che arrivarono dal mare, la terra che li accolse, la loro terra natale che prima ancora li respinse, il mito e i racconti che li condussero fino in Sicilia. Il linguaggio di tale ricerca è quello universale della scultura, della trasformazione della materia e della creazione di volumi. Così le opere di Agnello ricreano terra, boccioli, grano, figure umane, paludi, trasfigurando gli elementi reali e riuscendo a cristallizzare in ogni opera le sensazioni, i sentimenti, il trauma della terra in moto, del momento in cui gli esuli incontrano la terra di Naxos e lì si stanziano. Con Terre in moto Agnello scava nella storia di Naxos fino a raggiungerne gli archetipi elementari che fonde in forme nuove e universali raccontandoci una storia lontana ma non trascorsa fatta di uomini, di terra e di natura. Un percorso espositivo scandito da 15 installazioni site-specific all’interno di uno dei siti archeologici più importanti del nostro Paese.

Il catalogo della mostra con i testi di Alessandro Pinto e Sergio Troisi e le fotografie delle opere installate nel Parco di Naxos realizzate da Angelo Pitrone, sarà pubblicato da Electa nelle settimane successive all’apertura al pubblico. 
L’inaugurazione della mostra avverrà il 27 agosto alle ore 19.00. 

L’evento ha una intrigante presentazione al pubblico: i musicisti del Conservatorio “A. Corelli” di Messina accompagneranno i visitatori nei siti dove sono dislocate le opere con esecuzioni strumentali d’ambiente.
 
Giuseppe Agnello è nato a Racalmuto dove vive e lavora. Oggi insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo, dopo aver insegnato in quella di Carrara.
Ha realizzato diverse opere pubbliche, sia in Italia che all’estero tra le quali nel 1998 i ritratti dell’allora presidente della Siria Hafez Al Assad, e del figlio Basel. È l’autore del ritratto in bronzo dello scrittore Leonardo Sciascia, ubicato nella sua città natale, e della scultura in bronzo dedicata al Commissario Montalbano, personaggio ideato dallo scrittore Andrea Camilleri, a Porto Empedocle.
Nel 2003 ha realizzato dei calchi per la scenografia del film di Ciprì e Maresco “Il ritorno di Cagliostro”. Nel 2008 ha collaborato alla realizzazione della parte scultorea del progetto VB62 di Vanessa Beecroft per la performance allo Spasimo di Palermo.

Orari e giorni di apertura
da lunedì a domenica
28/31 agosto 9,00-19,00
1/15 settembre 9,00-18,30
16/30 settembre 9,00-18,00
1/15 ottobre 9,00-17,30
16/31 ottobre 9,00-17,00 
1/4 novembre 9,00-16,00

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI