Evoluzioni Artistiche

Evoluzioni Artistiche, Milano Art Gallery

 

Dal 20 Dicembre 2014 al 09 Gennaio 2015

Milano

Luogo: Milano Art Gallery

Indirizzo: via Galeazzo Alessi 11

Orari: da martedì a sabato 15.30-19.30

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 02 76280638

E-Mail info: info@milanoartgallery.it

Sito ufficiale: http://www.milanoartgallery.it


Comunicato Stampa: Maria Franca Grisolia 

Maria Franca Grisolia rientra nel selezionato gruppo di artisti che esporranno in collettiva all'interno della rinomata galleria milanese "Milano Art Gallery", in via Alessi 11, nel cuore della città a due passi dal Duomo. L'evento è organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes dal 20 dicembre 2014 al 9 gennaio 2015. Al vernissage inaugurale,in data sabato 20 dicembre alle ore 18.00, è prevista la partecipazione straordinaria di Andrea Pinketts, noto scrittore e personaggio televisivo. 
Le basi culturali domenicane di Maria Franca Grisolia si fondono con la formazione e l’attività artistica sviluppata in Italia. La sua variegata produzione spazia dalla pittura ad olio, al disegno, alla china. Dipinge per esprimere idee e concetti, frutto di profonde riflessioni interiori, e propone una ricerca sull'universo femminile, sull’identità e la rappresentazione della donna in un mondo in cui sessualità, fantasia e sentimento si congiungono ad intreccio. Forma e colori sono utilizzati come strumento per esternare uno stato interiore attraverso il superamento dell'improvvisazione. La rappresentazione pacata ed austera, con la sua umanità dignitosa, è la celebrazione dell'essere umano con le sue debolezze e le sue diversità. Nei suoi lavori c’è una costante analisi, che alimenta la tradizione figurativa classica, nella consapevolezza che la conoscenza dell'arte antica è presupposto fondamentale per conoscere ed amare quella moderna. 
Sullo stile peculiare che la contraddistingue è stato scritto "Nelle opere si aprono architetture di contorno fantastiche; scene e prospettive di vedute metafisiche e surreali, esaltate e valorizzate dalla luce e dai sapienti effetti tonali chiaroscurali. Lo spettatore viene indirizzato verso la memoria, alimentando la connessione con immagini acquisite dalla coscienza in una scrittura narrativa luminosa, che sorregge l'articolazione spaziale in una visione emotiva, che attinge suggestioni dall'inconscio. Lo spazio lascia filtrare nuove gamme cromatiche annunciate da luci colorate, che si inseriscono e si insinuano nei piani della figurazione, conferendo all'insieme forte impatto. Il colore mette in gioco emozioni che la mente non riesce sempre a porre sotto il suo controllo. Le figure si fanno metafore attraverso il segno, le cromie e la matericità densa e corposa. La costruzione nella quale la coscienza sfugge al suo stesso inganno visionario, si affida alla referenzialità tattile della materia ,senza però estraniarsi dall'elemento onirico e porgendo attenzione a un'analisi che accoglie e lascia affiorare un dettato intimista, frutto di una pittura intesa non soltanto come ‘lente d'ingrandimento’ con cui vedere il mondo, ma come arguto approccio conoscitivo verso l'altro da sé". 

Alessio Serpetti 

Grande attesa per la mostra collettiva presso l'esclusivo spazio della galleria milanese "Milano Art Gallery" ,sita in via Alessi 11, vicino al Duomo e al cuore del centro urbano, dove saranno esposte opere di talentuosi artisti contemporanei ,con la direzione organizzativa del manager produttore Salvo Nugnes. L'interessante iniziativa, intitolata “Evoluzioni Artistiche”, sarà inaugurata Sabato 20 Dicembre 2014 alle ore 18.00 e rimarrà in loco fino al 9 Gennaio 2015. Durante il vernissage è previsto l'intervento, in qualità di super ospite, di Andrea Pinketts, noto scrittore noir nonché affermato volto televisivo della popolare trasmissione Mediaset "Mistero". 
All'interno della corposa mostra si potranno apprezzare anche le originali opere d'ispirazione mistico-allegorica del pittore figurativo Alessio Serpetti. In riferimento alla ricerca stilistica di Serpetti, viene evidenziato come "Nel suo lavoro il ricorso al colore è minimo; prevale piuttosto un elegante uso della monocromia, che lascia al segno il compito di svolgere una pregnante funzione narrativa. I contorni si fanno lievi, dando vita ad ambientazioni tratteggiate con minuzia e alla declinazione di figure femminili di sconcertante bellezza". Nel descrivere le fondamenta portanti del suo percorso artistico è stato scritto "Nei quadri le figure femminili sono spesso protagoniste dello scenario; al contempo sensuali, attraenti, enigmatiche, intriganti, inquietanti e sono avvolte da simboli esoterici arcaici appartenenti alla terra e alla notte. Serpetti propone una pittura densa di significati e messaggi subliminali di matrice allegorica, innervati da profonde radici storiche, che si presenta come una volontà di recupero anacronistico di visioni, le cui fonti provengono da molto lontano; dai manieristi del Cinquecento fino al Surrealismo più recente. Tali visioni vengono integrate e arricchite da una serie corposa di allegorie, metafore, simbologie reinterpretate, con vivace spirito d'inventiva, in chiave personalizzata. Ogni scena di derivazione classica, serve a Serpetti per rievocare e rappresentare su tela una sorta di scenario teatrale, come se la superficie pittorica fungesse da coreografico palcoscenico. 
Egli mette in scena uno spettacolo, nel quale si impegna a evidenziare la gestualità delle figure riprodotte, gli effetti suggestivi di controluce, gli anfratti fiabeschi e leggendari della narrazione, il mistero avvincente con cui il suo pennello riesce a ritrarre le sembianze femminili in una magica allure, ottenendo il massimo risalto d'effetto". Per lui la crescita e la maturazione di ciascun individuo, avvengono dentro il fitto tessuto connettivo secolare delle relazioni e dei rapporti sociali. Si proiettano a rivelarne i meccanismi e la casualità che li innescano tramite i "luoghi della pittura e della sua immaginazione", concepiti come tracce testimoniali dell'adesione e dell'appartenenza a una civiltà millenaria, che rimane sempre e comunque presente, anche quando viene collocata all'ombra della modernità. 

Annalisa Picchioni 

Si prospetta un evento di altissimo livello artistico la mostra collettiva che si svolgerà dal 20 dicembre 2014 al 9 gennaio 2015, organizzata dal manager produttore Salvo Nugnes, nell'elegante contesto milanese della "Milano Art Gallery" in via Alessi 11, vicinissima al Duomo e alle zone nevralgiche della città. L'inaugurazione della mostra “Evoluzioni artistiche” è fissata per sabato 20 dicembre alle ore 18.00, con la presenza d'eccezione del noto scrittore e personaggio televisivo Andrea Pinketts. Nel selezionato novero dei partecipanti, Annalisa Picchioni propone opere frutto di un'originale ricerca basata sull'informalismo pittorico, rivisitato con una formula di proiezione tridimensionale di coinvolgente impatto. 
Del suo percorso di evoluzione stilistica la Picchioni racconta: "Ho approfondito la tecnica dell'incisione grazie al metodo Hayter, con la stampa simultanea a colori. Negli anni è aumentata la passione per la fotografia e ho proseguito il costante esercizio di sperimentazione inserendo nei quadri delle particolari lastre di plexiglass, che ne accentuano la visione in proiezione tridimensionale. Attraverso le mie opere voglio fare emergere quel mondo interiore ricco di sogni e magie e metterlo in contrapposizione con quello ‘costruito’, che è ben visibile e alla luce di tutti". Nel commentare le peculiari caratteristiche della sua produzione è stato scritto "Il virtuosismo, frutto del geniale spirito d'inventiva e di rielaborazione, si contrappone alla banale ricerca copiativa producendo un vivace e variegato scenario fantastico. Attraverso un linguaggio narrativo elegante, articolato, armonico e coerente, si indulge verso moduli d'espressione nei quali la pittrice immette in metafora una sintesi magmatica esistenziale del proprio vissuto, assemblandone ogni singolo frammento, che entra a far parte di un racconto omogeneo e unitario impresso nei dipinti. 
Si inseriscono una serie di rimandi incrociati tra i dati percepiti e i contenuti sostanziali, sedimentati ai ricordi di vita, congiunti agli echi profondi dell'inconscio introspettivo, che lascia emergere fantasie e sogni in un avvincente ‘gioco onirico’ da condividere con il fruitore. Dimostra un'acquisita maturità espressiva tra sperimentazione e memoria supportata dalla sfera sensoriale soggettiva, in una doviziosa ricerca, fatta direttamente all'interno della pittura e dei suoi elementi costitutivi primari, finalizzata a evidenziare tramite l'innata forza energetica delle immagini rievocate, la meraviglia di uno spettacolo visionario nel quale l'amore, la poesia, il sentimento, l'emozione si sono ‘magicamente’ dati appuntamento tutti insieme". 

Alessandro Testa 

In occasione della prestigiosa esposizione collettiva Evoluzioni Artistiche che si terrà nella storica Milano Art Gallery in via Alessi 11 a Milano, a due passi dal centro cittadino e dal Duomo, il pittore Alessandro Testa presenterà una corposa serie di dipinti caratterizzati dal vivace e multiforme cromatismo della materia astratta. L'evento, organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, sarà inaugurato con la presenza d'eccezione del noto scrittore noir e popolare volto televisivo Mediaset Andrea Pinketts. L'esclusivo vernissage è previsto in data Sabato 20 Dicembre 2014 alle ore 18.00. L'allestimento resterà in loco fino al 9 Gennaio 2015, con ingresso libero per le visite. Di recente l'artista spoletino ha partecipato con successo alla grandi mostre di Spoleto Arte e Spoleto incontra Venezia con l'autorevole curatela del professor Vittorio Sgarbi, che nel commentarne le connotazioni stilistiche distintive ha dichiarato Al gusto di Tancredi si ispira Alessandro Testa. 
Nei quadri gesti incisivi e nervosi graffiano la superficie limacciosa innaffiata da macchie zafferano e nere. Sul suo percorso artistico Testa spiega Essendo un autodidatta non ho tecniche particolari, seguo l'istinto. Uso colori acrilici e smalti, senza l'uso dei pennelli. Pittoricamente parlando, mi sento severamente sotto esame davanti a ogni tela, sfido sempre me stesso e non mi accontento quasi mai. Solo dai battiti del cuore capisco se la mia opera è riuscita, per la straordinaria emozione, che mi infonde. Vorrei essere ricordato come un pittore, forse anomalo, ma liberissimo, che non ha mai accettato costrizioni e condizionamenti. La sua evoluzione di ricerca stilistica è incentrata e focalizzata sulla sperimentazione delle cromie e sfumature tonali. Il colore nel suo utilizzo più vario ed eterogeneo, diventa il protagonista principale sulle tele e viene distribuito quasi con gestualità impulsiva, per trasmettere intensi messaggi, che lo spettatore deve saper cogliere e interpretare in modo soggettivo e personalizzato. Il suo campo d'applicazione è l'informalismo e l'astrattismo materico, con un linguaggio espressivo scaturito e guidato dal moto dell'anima più spontaneo e dall'istinto di pura irrazionalità. L'impatto visivo delle creazioni è di immediato coinvolgimento emozionale. Fin dal primo sguardo l'osservatore rimane quasi ipnotizzato e viene conquistato dalla dirompente irruenza impressa, recependone la vibrante enfasi ideativa. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI