Silvia Amodio. L’Arte del Ritratto

© Silvia Amodio | Silvia Amodio, Rapporto cane e padrone

 

Dal 01 Dicembre 2017 al 15 Dicembre 2017

Milano

Luogo: Spaziokappa32

Enti promotori:

  • Fondazione 3M

Telefono per informazioni: +39 02 7035.1

Sito ufficiale: http://www.fondazione3m.it/


Comunicato Stampa:
Sarà esposta dal 1° al 15 dicembre presso Spaziokappa32 a Milano la mostra fotografica di Silvia Amodio “L’Arte del Ritratto”. Attraverso i suoi scatti, che indagano temi sociali complessi, la fotografa milanese va alla ricerca della personalità autentica dei soggetti che ritrae, esplorando i loro animi con delicatezza e dando loro dignità, senza ricorrere a immagini drammatiche. Tutte le foto appartengono alla collezione di Fondazione 3M, istituzione culturale permanente di ricerca e formazione e proprietaria di uno storico archivio fotografico di oltre 110 mila immagini.
 
I temi di attualità affrontati da Silvia Amodio sono molteplici: i problemi delle persone affette da albinismo, la malnutrizione in Burkina Faso, il lavoro minorile in Perù e, in particolare, la diffusione dell’Aids in Sud Africa. L’esposizione sarà infatti inaugurata proprio il 1° dicembre, giornata mondiale per la lotta contro l’Aids, con lo scopo di riportare l’attenzione su un’epidemia, quella dell’Hiv, che miete ogni giorno centinaia di vittime, oltre a stimolare la riflessione sulle diverse condizioni umane esplorate nelle opere esposte.
 
Sono 5 le serie di ritratti esposte alla mostra:
 
·        Volti positivi: i ritratti sono stati realizzati in Sudafrica, nei sobborghi-dormitorio di Città del Capo, dove il tasso di diffusione del virus dell’Hiv è particolarmente elevato, e l’ignoranza e il forte stigma per i malati contribuiscono alla diffusione dell’epidemia.

·        Tutti i colori del bianco: gli scatti di questa serie fanno parte di un progetto realizzato in collaborazione con l’associazione “Albinit”. L’albinismo è un’anomalia genetica che conferisce un colore molto chiaro a occhi, capelli e pelle. In alcune zone dell’Africa gli albini sono perseguitati e spesso uccisi: è diffusa la credenza che pozioni o talismani fatti con parti del loro corpo portino ricchezza e fortuna.
                                                                       
·        Deo gratias: questo il titolo del lavoro realizzato nel Burkina Faso, preso in prestito dal primo studio fotografico fondato in Ghana nel 1922. Il Burkina Faso è il terzo paese più povero del mondo. Il suo nome, tradotto nella lingua locale morè, significa “La terra degli uomini integri”. Con un semplice telo allestito come sfondo nei villaggi, l’autrice ha incontrato le persone e restituito un’immagine autentica di quel popolo.

·        Humandog: gli scatti indagano il rapporto fra i cani e i loro padroni, usando la fotografia per realizzare una ricerca sociale e antropologica. Il risultato non è solo un panorama di eleganti ritratti, ma anche una finestra sulle diverse articolazioni di un rapporto che risale ai primordi dell’umanità. Il progetto è stato sviluppato in giro per l’Italia, dove il cane è il pretesto per raccontare la società e i suoi cambiamenti sociali, morali e culturali.

·        I ragazzi del Manthoc: la serieaffronta il tema del lavoro minorile in Perù, una realtà radicata e difficile da estirpare. Il movimento Manthoc, organizzazione fondata a Lima nel 1976 dai volontari della Gioventù Operaia Cristiana, ha lo scopo di difendere i diritti dei bambini e lottare contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Le fotografie sono state scattate in uno sperduto villaggio, senza luce e gas, sulle Ande a quasi 4 mila metri di altitudine.
 
La mostra è stata curata dal critico fotografico Roberto Mutti, che commenta così le opere di Silvia Amodio: “Solo un fotografo dotato di consapevolezza critica sa andare alla ricerca della personalità autentica di chi gli sta di fronte guidato dalla determinazione dell’attento regista e dalla sensibilità di chi sa esplorare gli animi con tutta la delicatezza necessaria. Silvia Amodio padroneggia entrambe queste capacità, come le sue opere stanno a testimoniare.”
 
FONDAZIONE 3M
Un’istituzione culturale permanente, snodo di divulgazione e formazione dove scienza e ricerca, arte e cultura, discipline economiche e sociali, vengono approfondite, tutelate, promosse e valorizzate, nella consapevolezza dei valori d'impresa e della cultura dell'innovazione. La Fondazione 3M è proprietaria di un archivio fotografico che si caratterizza per un patrimonio di oltre 110 mila immagini (lastre, dagherrotipi, cartoline fotografiche, negativi, stampe originali e riproduzioni), provenienti dalla storica azienda fotografica italiana Ferrania (acquisita negli anni '60 da 3M) e da una serie di donazioni e di acquisizioni avvenute nel tempo. Inaugurata nel 1984, la Fototeca è stata costituita sistematizzando un ricco patrimonio iconografico raccolto grazie ad un illuminato approccio alla comunicazione istituzionale, alla divulgazione tecnica, al lancio della tecnologia innovativa di rappresentazione, nel corso delle vicende aziendali di Ferrania prima e di 3M Italia poi.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: