Corpo, movimento, struttura. Il gioiello contemporaneo e la sua costruzione

Peter Chang, bracciale, 1994

 

Dal 14 Novembre 2017 al 14 Gennaio 2018

Roma

Luogo: MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo

Curatori: Domitilla Dardi

Enti promotori:

  • MiBACT
  • Enel
  • Regione Lazio
  • Partner Galleria Antonella Villanova

Costo del biglietto: intero € 12, ridotto € 8 / € 4. Gratuito minori di 14 anni; disabili che necessitano di accompagnatore; accompagnatore del disabile; dipendenti MiBACT; accompagnatori e guide turistiche Regione Lazio; 1 insegnante ogni 10 studenti; membri ICOM; soci AMACI; giornalisti accreditati; possessori della membership card del MAXXI; studenti universitari di Arte e Architettura dal martedì al venerdì*; il giorno del tuo compleanno presentando un documento di identità

Telefono per informazioni: +39 06 3201954

E-Mail info: infopoint@fondazionemaxxi.it

Sito ufficiale: http://www.maxxi.art/


Comunicato Stampa:
Sei designer e sei architetti per raccontare il linguaggio comune fatto di rapporti, connessioni, equilibri di pesi e volumi che condividono l’Architettura e il gioiello: è CORPO, MOVIMENTO, STRUTTURA. IL GIOIELLO CONTEMPORANEO E LA SUA COSTRUZIONE, la mostra a cura di Domitilla Dardi che dal 15 novembre 2017 al 14 gennaio 2018 porta al MAXXI una indagine inedita sul mondo del gioiello contemporaneo.
 
Giampaolo Babetto, David Bielander, Helen Britton, Peter Chang, Monica Cecchi e Philip Sajet sono i sei designer chiamati a interpretare con nuove creazioni realizzate ad hoc i modelli di Vittorio De Feo, IaN+, Sergio Musmeci, Pier Luigi Nervi, Maurizio Sacripanti e Carlo Scarpa conservati nelle collezioni del MAXXI Architettura. 
 
La mostra CORPO, MOVIMENTO, STRUTTURAracconta il legame tra piccola e grande scala: i gioielli vengono presentati in mostra insieme ai disegni preparatori e ad apparato documentario che sottolinea il processo di costruzione del lavoro progettuale e l’esecuzione di pezzi unici e serie limitate, completamente differente dalla gioielleria industriale. Allo stesso modo i modelli di architettura saranno accompagnati da disegni, fotografie, video che restituiscano il senso dell’intero processo progettuale.
 
Un gioiello è un oggetto che si presta a molte letture e la prima è tradizionalmente quella estetica, sia per la bellezza dell’opera sia per l’idea del bello che un monile è capace di veicolare e trasmettere. Ma accanto a questo piano, al quale si affianca anche quello antropologico, sociale e culturale, esiste una ricerca strutturale del gioiello estremamente complessa, molto evidente nella produzione contemporanea, in cui più che la preziosità dei materiali, conta la complessità della struttura, l’idea, la forma. Giunti e connessioni contano più dei carati e il disegno trova molti punti in comune con l’architettura, sebbene con finalità e scale diverse.
 
Giampaolo Babetto maestro della scuola di Padova, lavora da sempre con grande attenzione all'architettura contemporanea ed è un ammiratore di Carlo Scarpa, architetto noto per i suoi dettagli preziosi, elemento comune a entrambi. Il disegno delle loro cerniere è un capolavoro di tecnica ed estetica e la vicinanza sul piano grafico dei due autori è notevole.
David Bielander si è appassionato alle architetture di Maurizio Sacripanti con cui condivide la visionarietà e la passione per i metalli e le strutture. 
Helen Britton ha studiato la struttura della barca che Pier Luigi Nervi realizzò in cemento armato. L'idea di "armatura" è portante nell'opera del grande ingegnere come per la Britton che ne ha indagato la valenza in tutta la sua carriera attraverso opere che si ispirano a epoche storiche diverse.
Peter Chang ha sempre realizzato gioielli nati da un immaginario fantastico, stratificando resine colorate, materiale duttile ed espressivo prediletto anche da Ian + nei loro modelli.
Monica Cecchi lavora con latte metalliche da collezione, con un linguaggio personalissimo vicino al Pop. Il progetto di Vittorio De Feo per la stazione della Esso si sposa perfettamente con questa sua visione e la designer ha creato una collezione dedicata, di cui il tema pubblicitario-automobilistico è stato la guida.
Philip Sajet è un raffinato creatore di gioielli in cui a parlare sono le linee di forza delle strutture. Nelle sue opere parlano il vuoto e gli schemi strutturali, per questo l'architettura di Sergio Musmeci è stata per lui una grande scoperta di affinità progettuale.

CORPO, MOVIMENTO, STRUTTURA mette in mostra come architettura e gioiello si relazionano con il corpo in movimento, al quale rispondono con una struttura in grado di “abitarlo” o di fargli abitare uno spazio.
 
In occasione della inaugurazione della mostra, martedì 14 novembre alle ore 18.00 (Sala Graziella Lonardi Buontempo | ingresso libero fino a esaurimento posti - per i possessori della card myMAXXI possibilità di prenotazione scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it, entro il giorno prima dell’evento) i designer Giampaolo Babetto, David Bielander, Helen Britton, Monica Cecchi, Philip Sajet saranno protagonisti di un incontro insieme a Margherita Guccione Direttore MAXXI Architettura e Domitilla Dardi curatrice della mostra. L’incontro, che ha come tema il rapporto tra piccola e grande scala, evidenzia in maniera inedita alcune particolarità del mondo del gioiello contemporaneo, ed è inoltre l’occasione per ricordare la figura e l'opera di Peter Chang recentemente scomparso.

Inaugurazione 14 novembre h 19.30

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: