Figure e metodi a confronto: opere dalla collezione Jacorossi

Mario Schifano, Televisore, smalto su tela emulsionata, nd cod. 1518

 

Dal 18 Aprile 2018 al 12 Maggio 2018

Roma

Luogo: Musia living (&) arts

Indirizzo: via dei Chiavari 7/9

Orari: dal martedì al sabato: 16-22:30. Domenica e lunedì: chiuso

Telefono per informazioni: +39 06 68 21 02 13

E-Mail info: info@musia.it

Sito ufficiale: http://https://musia.it


Comunicato Stampa:
MUSIA inaugura mercoledì 18 aprile alle 18.30 nella Galleria 9 la mostra Figure e metodi a confronto: opere dalla collezione Jacorossi.

La figura umana è da sempre soggetto privilegiato nell’arte ed è interessante rilevare in quanti modi diversi gli artisti ne abbiano alterato forma e proporzione, piuttosto che riprodurla in modo fedele.
 
In questa mostra, composta da opere della collezione Jacorossi, sono presentati lavori realizzati con tecniche differenti, dal disegno alla pittura, dalla scultura alle arti decorative, con lo scopo di evidenziare come la figura umana abbia assunto, durante il XX secolo, caratteristiche stilistiche e significati diversi.
 
Gli artisti in mostra sono: Nicola D’Antino, Guglielmo Janni, Piero Fornasetti, Antonietta Raphael, Mario Mafai, Pericle Fazzini e Mario Schifano.
 
Prosegue sino al 30 settembre nella Galleria 7 la mostra Dal Simbolismo all’Astrazione. Il primo Novecento a Roma nella Collezione Jacorossi, a cura di Enrico Crispolti in collaborazione con Giulia Tulino, che presenta circa cinquanta opere della Collezione Jacorossi articolate entro il quadro di una rigorosa ricostruzione storica delle vicende delle arti plastiche a Roma nella prima metà del Novecento.
 
Luogo di intrattenimento e accoglienza, MUSIA offre al pubblico una speciale esperienza enogastronomica concepita come una naturale contaminazione della creatività dell’arte contemporanea. La Cucina - guidata dallo chef Ben Hirst - offre una ristorazione originale ambientata in uno spazio suggestivo con una grande attenzione alle materie prime e alle eccellenze del territorio laziale e del centro Italia.
 
L’identità della Carta dei Vini, realizzata in collaborazione con Winedo (Winedo.it), segue la stessa filosofia della Cucina: dalla terra alla tavola riscoprendo i piccoli produttori, maestri nella loro arte, che amano le uve, rispettano la propria terra e che sono capaci di trasmettere arte e passione nel vini.


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI