Dobrivoje Krgović. Lesson 19UN

Dobrivoje Krgović, Lesson 19UN, installazione sonora

 

Dal 16 Dicembre 2017 al 15 Gennaio 2018

Trieste

Luogo: MLZ Art Dep

Indirizzo: via Galatti 14

Orari: da giovedì a sabato dalle 17 alle 19.30

Curatori: Boris Brollo

Telefono per informazioni: +39 040 2606091

E-Mail info: marco@mlzartdep.com

Sito ufficiale: http://mlzartdep.com


Comunicato Stampa:
S’inaugura, sabato 16 dicembre 2017, alle ore 18.30, a Trieste, nello spazio espositivo di MLZ Art Dep, una mostra dell’artista Dobrivoje Krgović, composta da “Lesson 19UN”, una installazione sonora di grande respiro, e da alcune stampe dalla serie “Patterns”.  La mostra è a cura di Boris Brollo.

Il lavoro di questo artista serbo, di origini kosovare, risulta molto variegato e tocca molti aspetti e diversi media artistici: da quello video, fotografico, sonoro, fino ad arrivare alle installazioni site-specific.L’intreccio di tutte queste possibilità che in origine possiamo dire sono di tipo materico o di supporto divengono, nel loro intrecciarsi, afflato narrativo o sorgenti di nuovi significati, tanto che l’elemento che in origine può apparire come un ready-made, nella post-produzione può divenire un artefatto o il frammento di una storia che il frammento enfatizza.

Ecco, anche il motivo per cui il suo lavoro risulta così complesso e variegato, e tocca anche aspetti legati a situazioni, sebbene statiche, che possono ricordare aspetti quasi riferibili alle tematiche del comportamento e della performance, nel senso che il riferimento a una storia sociale, e alla propria presenza dell’uomo all’interno di una ripresa filmica o della situazione inquadrata in senso ambientale non può essere riferita a una semplice idea di autoreferenzialità tout court, ma anche a una interpretazione, a una volontà di rappresentazione che è segno distintivo (e quindi di separazione) da una immagine puramente documentaristica, per approdare a un affresco di tipo sociale, ovvero di una progettualità artistica e quindi estetica, nel senso più alto del termine, e cioè di pensiero e di filosofia dell’arte e di dialogo che interagisce a livello di segni linguistici diversi. A tale proposito si ricorda l’opera “Night video” del 2015 (opera realizzata assieme al figlio Ivan), sul flusso dei rifugiati che attraversavano i paesi balcanici con l’intento di approdare nel nord dell’Europa.

La serata è stata organizzata con il concorso di Galerija Lucida, Associazione Juliet, Girardi Spumanti, Sara Residence.

La mostra sarà visitabile fino al 15 gennaio 2018, con orario di visita da martedì a sabato dalle 17 alle 19.30.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI