Torino | Museo Nazionale del Cinema - Mole Antonelliana | 25 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
Un focus sullo stretto legame tra fotografia e ruolo sociale della scienza sul finire del XIX secolo e l'inizio del XX secolo.

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino ospita la mostra I 1000 volti di Lombroso che presenta, per la prima volta al pubblico, una selezione di fotografie appartenenti al fondo fotografico dell’Archivio del Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” dell’Università di Torino, in parte restaurate per l’occasione.

Padre fondatore della criminologia, gli archivi di facce di Lombroso dialogano con i cataloghi antichi e moderni dei volti che raccontano la mostra #FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji  inaugurata al Museo Nazionale del Cinema il 17 luglio 2019.

Leggi anche
I 1000 volti di Lombroso
#FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji
FOTO - #FacceEmozioni
 

FOTO


I 1000 volti di Lombroso

Ritratto di alienato affetto da “mania” del Frenocomio di Reggio Emilia ad opera di un degente dello stesso istituto, Giovanni Morini | Foto: Giovanni Morini, Stampa all’albumina, 1900 circa
Ritratto di alienato affetto da “mania” del Frenocomio di Reggio Emilia ad opera di un degente dello stesso istituto, Giovanni Morini | Foto: Giovanni Morini, Stampa all’albumina, 1900 circa
   
 
  • Ritratto di alienato affetto da “mania” del Frenocomio di Reggio Emilia ad opera di un degente dello stesso istituto, Giovanni Morini | Foto: Giovanni Morini, Stampa all’albumina, 1900 circa
  • Ritratto di criminale atavico. L’iscrizione a tergo della fotografia riporta il reato: “Uccisore della moglie dormiente con tre colpi di scure nella bocca per gelosia. Condannato a 27 anni.” | Fotografo non identificato, Stampa all'albumina, Fine XIX inizio XX secolo
  • Prostituta di Mar del Plata, Argentina, Nel 1893, Lombroso con Ferrero pubblicò La donna delinquente, la donna normale e la prostituta, primo trattato al mondo sulla delinquenza di genere. Per i due autori, la prostituzione era la forma di delinquenza più tipicamente femminile | Foto: Ulderico Carnaghi, Stampa all'albumina, Fine XIX inizio XX secolo
  • Criminale tatuato, detenuto a Bilbao, Il tatuaggio, che aveva iniziato a diffondersi negli ambienti del carcere e della caserma, fu individuato da Lombroso come una prova dell'atavismo criminale poichè gli storici dell'antichità e gli antropologi ne attestavano la diffusione tra le popolazioni primitive | Fotografo non identificato, Stampa su carta aristotipica, Inizio XX secolo
  • Ritratto di alienato affetto da “schizofrenia” del Frenocomio di Reggio Emilia ad opera di un degente dello stesso istituto, Giovanni Morini | Foto: Giovanni Morini, Stampa all’albumina, 1900 circa
  • Indigeno della terra del fuoco, Ne L’uomo delinquente, pubblicato nel 1876, Lombroso propose la teoria del delinquente nato o atavico, una sorta di moderno selvaggio caratterizzato da connotati fisici quali l'asimmetria del volto e del cranio, la protuberanza delle mandibole | Fotografo non identificato, Stampa all'albumina, Fine XIX inizio XX secolo
  • Ritratto di paziente psichiatrico esaminato con l'estesiometro di Weber, L'estesiometro era un apparecchio che Lombroso utilizzò per misurare la sensibilità tattile dei folli e dei criminali. Questi ritratti fotografici presentano annotazioni contenenti i rilevamenti ottenuti | Fotografo non identificato, Stampe all'albumina, Fine XIX inizio XX secolo.
  • Ritratti di paziente psichiatrico esaminato con l'estesiometro di Weber. L'estesiometro era un apparecchio che Lombroso utilizzò per misurare la sensibilità tattile dei folli e dei criminali. Questi ritratti fotografici presentano annotazioni contenenti i rilevamenti ottenuti | Fotografo non identificato, Stampe all'albumina, Fine XIX inizio XX secolo
  • Giovanni Cortese, giovane detenuto, La criminalità minorile era oggetto d'interesse per Lombroso, che vedeva nell'infanzia una fase in cui il predominio dell'istinto e la carenza di freni morali ricreavano le condizioni di vita dell'uomo primitivo e del delinquente | Da originale stampa alla gelatina ai sali d'argento, Fotografo non identificato, Inizio XX secolo
  • Fotografie segnaletiche di Neumann, ladro d'albergo, Nel 1886 Lombroso propose di applicare i metodi della scienza alle indagini poliziesche. Dieci anni più tardi il suo ex allievo Salvatore Ottolenghi introdusse in Italia tecniche di investigazione scientifica comprendenti l’uso della fotografia segnaletica accanto ai dati antropometrici e delle impronte digitali | Fotografo non identificato, Stampe alla gelatina ai s
  • Fotografie segnaletiche di Etelka Wittemberg, complice di Neumann, ladro d'albergo, Nel 1886 Lombroso propose di applicare i metodi della scienza alle indagini poliziesche. Dieci anni più tardi il suo ex allievo Salvatore Ottolenghi introdusse in Italia tecniche di investigazione scientifica comprendenti l’uso della fotografia segnaletica accanto ai dati antropometrici e delle impronte digitali | Fotografo non identificato, Stampe alla gelatina ai sali d'argento, I
  • Pagina dell’album Delinquenti Napoletani con fotografie segnaletiche frontali e di profilo di prostitute ladre, donato dal criminologo Abele De Blasio a Cesare Lombroso | Fotografo non identificato, Stampe ai sali d'argento, Ante 1906
   

COMMENTI

VEDI ANCHE


Monet e gli impressionisti in Normandia foto | Asti | Palazzo Mazzetti | Dal 13 settembre 2019 al 16 febbraio 2020 Monet e gli impressionisti in Normandia Dalle brume normanne, la potente felicità nel dipingere in una mostra.   Le Donne nell'Arte foto | Brescia | Palazzo Martinengo | Dal 18 gennaio al 7 giugno 2020 Le Donne nell'Arte Palazzo Martinengo di Brescia apre le porte ad una grande mostra in tributo all'intero universo femminile.   Andrea Mantegna foto | Torino | Palazzo Madama | Dal 12 dicembre 2019 al 4 maggio 2020 Andrea Mantegna Una grande mostra dedicata alla figura di Andrea Mantegna, protagonista del suo tempo.   Escher, Signore degli enigmi foto | Trieste | Salone degli Incanti | Dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020 Escher, Signore degli enigmi Una grande antologica dedicata al genio dell’artista olandese Maurits Cornelis Escher.   Dopo Caravaggio foto | Prato | Museo di Palazzo Pretorio | Dal 14 dicembre 2019 al 14 aprile 2020 Dopo Caravaggio In mostra un'approfondita ricostruzione delle vicende storiche delle opere e dell’interesse del collezionismo toscano per la pittura napoletana del Seicento.   Sulle tracce dei ghiacciai. Viaggio tra le vette del mondo foto | Bassano del Grappa | Galleria Civica | 15 settembre 2019 - 17 febbraio 2020 Sulle tracce dei ghiacciai. Viaggio tra le vette del mondo Dal diario di bordo di un fotografo innamorato della natura, un fermo immagine sull'implacabile fenomeno dello scioglimento dei ghiacci.   India Antica foto | Museo d’Arte di Mendrisio | Dal 27 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020 India Antica Un breve ma intenso viaggio nell'arte antica di una delle più complesse e affascinanti civiltà.   Il mito di Dalí foto | Palazzo Fondi | Dal 25 ottobre 2019 al 22 febbraio 2020 Il mito di Dalí Napoli ospita un'originale e sorprendente mostra dedicata al leggendario surrealista catalano.   #FacceEmozioni foto | Torino | Museo Nazionale del Cinema | Dal 17 luglio 2019 al 6 gennaio 2020 #FacceEmozioni Una rassegna unica nel suo genere, che esplora divertendo l'universo nebuloso dell'interpretazione di volti ed espressioni, tra arte, scienza, tecnologia e comunicazione.   Boldini. L’incantesimo della pittura foto | Barletta | Pinacoteca De Nittis | Dal 7 dicembre 2019 al 3 maggio 2020 Boldini. L’incantesimo della pittura La città di Barletta omaggia l'opera di Giovanni Boldini con un'importante rassegna che evoca l'intensa vivacità di un'epoca memorabile.   De Nittis: Il futuro nello sguardo foto | Ferrara | Palazzo dei Diamanti | Dal 1° dicembre 2019 al 13 aprile 2020 De Nittis: Il futuro nello sguardo Una mostra inedita dedicata al grande artista di Barletta e al suo rivoluzionario punto di vista sul mondo.   Zehra Doğan – Poesia per un futuro possibile foto | Brescia | Museo di Santa Giulia | Prorogata fino al 1° marzo 2020 Zehra Doğan – Poesia per un futuro possibile L'arte senza confini di un giovane donna di oggi incontra la bellezza di un museo ricco di storia.