Tomba di Raffaello

Centro Storico

Tomba di Raffaello
Sormontata dalla Madonna del Sasso, scolpita dall’allievo di Raffaello, Lorenzetto, presenta un epitaffio di Pietro Bembo che dice «Qui giace Raffaello, dal quale la natura temette mentre era vivo di esser vinta; ma ora che è morto teme di morire». A destra una lapide ricorda Maria Bibbiena, fidanzata del pittore, mentre a sinistra è un busto ottocentesco di Raffaello, opera di Giuseppe Fabris (1833).
DA SAPERE: Quando nel 1833 vennero eseguiti degli scavi per ritrovare i resti di Raffaello con successo, Giuseppe Gioacchino Belli scrisse un dissacrante sonetto, che terminava eloquentemente: «Trovi uno schertro in de la terra smossa? Ebbè, senza de fa ttanti misteri,
Aributtelo drentro in de la fossa».