Ruscha e Rossi al MAXXI

Disegno di una costruzione
 

20/07/2004

Presso gli spazi del MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, due importanti mostre. La retrospettiva, per la prima volta in Italia, dedicata all’attività di Ed Ruscha, una delle figure più interessanti del panorama artistico contemporaneo. La mostra, curata da Paolo Colombo, è prodotta dal MAXXI in collaborazione con il Museum of Contemporary Art di Sydney e la Neue Nationalgalerie di Berlino. La seconda esposizione, curata da Alberto Ferlenga è un omaggio all’attività di un importante architetto italiano che ha ricoperto un fondamentale ruolo nell’ambito del dibattito architettonico internazionale: Aldo Rossi. Con la mostra ‘Aldo Rossi. L’archivio personale. Disegni e progetti della collezione del MAXXI architettura’ viene presentato per la prima volta l’archivio acquisito nel 2001 dalla DARC per il Museo nazionale di architettura. Un’ampia selezione di oltre 20 dipinti, 70 lavori su carta, fotografie, 30 libri d’artista e 2 film, documentano l’attività poliedrica di Ed Ruscha in un arco di tempo che parte dagli anni Sessanta fino ad arrivare ad oggi. Le due mostre hanno un elemento in comune e cioè la riproposizione di paesaggi urbani attraversati o evocati, anche se in modo distinto. Los Angeles per Ed Ruscha è la città delle strade e autostrade, dei parcheggi, pompe di benzina, delle palme e piscine dove i quartieri residenziali e il glamour hollywoodiano sono infatti i ripetuti protagonisti delle opere; con Aldo Rossi c’è un’idea più astratta e generale del ‘luogo città’, dato dal percorso che va dal concetto archetipo, dall’intuizione del progetto fino a terminare nell’architettura . Ed Ruscha ALDO ROSSI L'archivio personale. Disegni e progetti dalla collezione del MAXXI architettura Fino al 12 settembre 2004 Orario: 11.00 - 19.00 (chiuso lunedì) MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo Via Guido Reni 2, 00196 Roma t. 06.3202438 - f.06.3202931 www.maxximuseo.org

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >