La cultura antiaccademica di Gaetano Pesce per i 10 anni della Fondazione Zevi

 

22/10/2012

Roma - La Facoltà di Architettura della Sapienza e la Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma domani, martedì 23 ottobre, celebrano il decimo anniversario della Fondazione Bruno Zevi con un programma di cui il grande storico e critico dell'arte, appassionato sostenitore dell'antiaccademismo e dell'unitarietà della cultura, avrebbe sicuramente apprezzato gli intenti. A rendergli omaggio sarà Gaetano Pesce, scultore, designer e architetto, altro grande protagonista della scena artistica contemporanea.

Spetta a lui, nell'aula magna della Facoltà di Architettura, intitolata anche questa a Bruno Zevi, introdurre la giornata con una conferenza dal titolo provocatorio, "L'Architettura è noiosa". A seguire: un video che racconterà questi primi dieci anni, fittissimi di iniziative, dell'istituzione culturale presieduta dai figli di Bruno Zevi, Adachiara e Luca (che quest'anno è stato - ricordiamolo - anche il curatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia), la presentazione del suo quarto annuario e l’annuncio del vincitore della sesta edizione del Premio Bruno Zevi per un saggio storico-critico.

E infine l'inaugurazione della mostra “Omaggio a Bruno Zevi anticlassico” che vede in esposizione 50 bassorilievi in resina flessibile colorata della Biblioteca Laurenziana di Michelangelo, realizzati da Gaetano Pesce, alla perenne ricerca - spiega - di materiali nuovi, anche sorprendenti, che si adattino alla logica del costruire, fornendo nello stesso tempo soluzioni che rispondano ai bisogni reali.

N.S.

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >