Figurazione e Ideologia, le esperienze avanguardistiche della prima metà del '900

Egon Schiele, Standing nude in black stockings, 1917 (part.)

 

Dal 18 Ottobre 2017 al 10 Dicembre 2017

L'Aquila

Luogo: Studio Mariani Gallery

Indirizzo: via Duca degli Abruzzi

E-Mail info: studiomarianigallery@gmail.com

Sito ufficiale: http://www.stiudiomarianigallery.com


Comunicato Stampa:
In mostra 16 opere di Egon Schiele, George Grosz, Pablo Picasso, Alfred Kubin, Paul Klee, Ernst Ludwig Kirchner, Sascha Schneider, Thomas Theodor Heine.

Una mostra sulle diverse esperienze avanguardistiche della prima metà del ’900, la cui raffinata e disincantata analisi poetica, fu incentrata nella denuncia manifesta delle disuguaglianze sociali ed economiche che afflissero le grandi masse popolari europee in un clima di diffusa, anacronistica concentrazione del potere, nelle mani di retrograde oligarchie aristocratiche e borghesi, le quali prepararono la via alle sanguinose guerre mondiali ed alle dittature franchista e nazista.

La prefigurazione poetico-ideologica dei conflitti che sarebbero avvenuti nei decenni successivi, rappresenta il senso profondo dell’esperienza artistica di molti maestri avanguardisti. La decadenza culturale ed umana, di una stanca borghesia, che si difenderà con la violenza reazionaria, fu oggetto di sperimentazioni segnico-narrative da parte di George Grosz, di Theodore Heine, di Ernst Ludwig Kirchner e di Paul Klee, quest ultimo con soluzioni pittoriche ed espressive quasi tendenti all’astrazione. La luce primigenia della poesia di Alfred Kubin che accompagna una neo-figurazione dalle infinite propaggini oniriche, fu anticipatrice dello sterminio politico di massa. Così come la drammatica fisicità corporale di Egon Schiele e di Picasso. Sullo sfondo silente della cancellazione programmatica delle diversità, si distende la sognante, delicata sensualità negletta di Sascha Schneider. La sofferenza degli umili incide i profili severi e scarni di una reietta umanità espressionista Kirchneriana. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI