J&Peg. Stories

J&Peg, Emigranti Roma, 2013, photo and acrilyc on pvc, 170x250 cm.

 

Dal 20 Aprile 2019 al 11 Maggio 2019

Napoli

Luogo: Castel dell'Ovo

Indirizzo: via Eldorado 3

Orari: feriali ore 10.30-18; domenica e festivi ore 10.30-13

Curatori: Marina Guida

Enti promotori:

  • In collaborazione con Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli

Costo del biglietto: ingresso gratuito

E-Mail info: info@galleriapoggiali.com

Sito ufficiale: http://www.galleriapoggiali.com


Comunicato Stampa:
Si intitola “Stories” la mostra fotografica del duo J&PEG (Antonio Managò e Simone Zecubi), a cura di Marina Guida, che si inaugura sabato 20 aprile alle 12 nelle sale espositive di Castel dell’Ovo a Napoli. Organizzata dalla Galleria Poggiali di Firenze in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, l’esposizione proseguirà fino a sabato 11 maggio. Dopo essere stati selezionati per un’esposizione tutt’ora in corso al Mart - Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, in occasione della VIII edizione del Premio Fondazione VAF, i J&PEG sbarcano a Napoli con un’ampia mostra personale. 
La mostra Nel progetto pensato per questa occasione, sei opere di medio formato, realizzate nell’ultimo anno, dialogano con oltre 20 lavori – di grande formato - che meglio rappresentano il percorso artistico intrapreso negli ultimi dieci anni dai due artisti milanesi. Il segmento retrospettivo viene ricostruito dagli esordi della ricerca artistica dei J&PEG, partendo dalle opere della loro prima mostra personale, curata da Achille Bonito Oliva, intitolata “Working Mates” e organizzata nel 2008 dalla Galleria Poggiali.
Il percorso espositivo è strutturato su due piani. Entrando nella sala del primo piano, il visitatore incontrerà una serie di opere del 2010 caratterizzate da scenari complessi ed onirici, nei quali, i soggetti ritratti grazie ad una tecnica singolare - che unisce scatti fotografici e interventi pittorici - agiscono in ambientazioni surreali. Le scenografie - create in studio e realizzate in camera di posa – nelle quali sono collocati i protagonisti delle opere, sono caratterizzate da fondali totalmente neri, la luce rompendo il buio fitto di un infinito senza misure e forme, improvvisamente svela il mondo degli oggetti fino ai dettagli più impercettibili.
La mostra prosegue al secondo piano del castello con una serie di lavori più recenti, eseguiti tra il 2013 e il 2018/2019. Il ciclo di opere a colori, che chiude il percorso espositivo, realizzate tra l’anno scorso e quest’anno, hanno l’ambizione di rivelare alcune sfumature comportamentali della società contemporanea attraverso il ritratto fotografico. Sei soggetti, indossano una “maschera” per raccontare quello che non sono, quello che vorrebbero essere, o più precisamente, quello che la società gli impone di diventare.
La fotografia nell’era dei social media Nell’ultimo decennio, i social media, hanno cambiato in modo considerevole la percezione del sé e le dinamiche di interazione sociale, insistendo principalmente sulla parte superficiale dell’essere umano: l’estetica. Nell’utilizzo di questi media, l’individuo cerca in tutti i modi di velare i propri difetti e fragilità e questo processo irreversibile ha fortemente influenzato il modo di apparire. I personaggi delle opere in mostra, recitano un ruolo, montato ad arte, esasperandolo. Bloccati in pose teatrali si camuffano divenendo icone della mitologia contemporanea, sono avvolti in atmosfere psichedeliche e suggeriscono un evidente volontà di nascondere al meglio un senso di inadeguatezza.
Il processo mentale di scollamento dalla realtà è riassunto nell’azione performativa dei due artisti, che dopo avere minuziosamente composto la scena in studio, tendono a trasformarla in un ibrido procedurale. Lo scatto fotografico, infatti, diventa proiezione. L’immagine proiettata, attraversa un tessuto-sindone, l’icona che ne deriva viene nuovamente fotografata, diventando l’opera finale. Attraverso questa operazione meccanica complessa, in un sapiente gioco di riflessioni e proiezioni, la fisionomia dei personaggi e la compattezza formale dei volti, si scinde come in un quadro impressionista, perde definizione, e conseguentemente, la loro anima smarrisce definitivamente il suo nucleo primordiale. I loro volti si sovrappongono e mescolano con i volti di idoli, star del cinema, icone religiose, in definitiva i miti del nostro tempo.
Le dinamiche interne di Facebook, Instagram e dei canali di comunicazione social, rappresentano le fonti d’ispirazione in questo nuovo ciclo di lavori, oltre ai riferimenti iconografici che appartengono all’universo della storia dell’arte, da quella antica a quella contemporanea. 
Il duo J&PEG: Antonio Managò e Simone Zecubi Il duo artistico dei J&PEG nasce a Milano nel 2006. Entrambi diplomati all’Accademia di Brera, sin dagli esordi, lavorano a quattro mani utilizzando una prassi operativa che mescola differenti tecniche. Fotografia, pittura, disegno e installazione sono i media sperimentati dalla coppia.  Vivono e lavorano fra Milano e Londra.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI