Incontro e abbraccio nella Scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj

Arturo Martini, Figliol prodigo, 1927

 

Dal 16 Novembre 2019 al 09 Febbraio 2020

Padova

Luogo: Palazzo del Monte di Pietà

Indirizzo: via Monte di Pietà 8

Orari: mar-ven ore 10-13 / 15.30-18.30; sab, dom, festivi ore 10-19; chiuso lunedì, 25 dic, 1 gen

Curatori: Alfonso Pluchinotta in collaborazione con Maria Beatrice Autizi

Costo del biglietto: ingresso gratuito (donazione libera alla Fondazione Salus Pueri)

Sito ufficiale: http://www.incontroabbraccio.it


Comunicato Stampa:
Mostra d’arte a sviluppo tematico – tra le poche in Italia – INCONTRO E ABBRACCIO esplora, attraverso una vasta rassegna di sculture del Novecento da Rodin a Mitoraj fino alle tendenze iconiche di fine secolo, le molteplici singolarità della condizione umana. In particolare, siamo circondati dalle tante “attese” di persone che chiedono il sostegno di una parola, il riconoscimento di uno sguardo, la condivisione di un gesto.

La scelta delle opere abbraccia un insieme di temi in dialogo tra loro: il cammino della vita, l’incontro, la relazione, la lontananza, l’attesa, l’empatia e la compassione. Il percorso espositivo intende offrire una visione dell’Uomo, che si vorrebbe più ampia e positiva, in contrapposizione a chiusure, indifferenza o disimpegno. Nell’epoca digitale, l’Umanesimo appare sempre più lontano, scavalcato (ma non domato) dalla velocità e dalle nuove possibilità di comunicazione, che limitano l’esercizio dell’attenzione e della riflessione, il farsi della sedimentazione e della memoria, la dimensione reale e rispondente dei contatti.

L’opera d’arte scultorea si fa qui sollecitazione, introspezione, ricerca delle forme e dei gesti. L’arte plastica esalta la complessità dei volumi e richiama l’attenzione sul dettaglio, aspetto valorizzato dalla possibilità data ai visitatori di rigirare e toccare alcune delle opere in mostra. Soprattutto la figura umana a più dimensioni suscita osservazioni diverse, invita a riflettere sulla vita, le sue grandezze e le sue fragilità, più di quanto potrebbero le immagini bidimensionali di uso comune. Ci stiamo diseducando alla tridimensionalità, al tatto, alla durata che genera rappresentazione, avvertendoci così del rischio di diventare osservatori frettolosi, meno capaci di cogliere le disposizioni dell’animo e dell’affettività.


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI