Ponte di Conversazione con Paolo Aita

© Ph. Flavio Ianniello | T-Yong-Chung, Jhon Keats 3, 2008

 

Dal 19 Dicembre 2019 al 23 Febbraio 2020

Roma

Luogo: Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese

Indirizzo: viale Fiorello La Guardia 6

Orari: ottobre – maggio: da martedì a venerdì e festivi ore 10.00 - 16.00 (ingresso consentito fino alle 15.30); sabato e domenica ore 10.00 - 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.30). 24 e 31 dicembre ore 10.00 -14.00. Lunedì 1 gennaio chiuso

Curatori: Donatella Giordano, Fernanda Motta (erede Aita), Donatella Pinocci

Enti promotori:

  • Roma Capitale
  • Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 060608

Sito ufficiale: http://www.museocarlobilotti.it


Comunicato Stampa:
La mostra Ponte di Conversazione con Paolo Aita nasce con l’intento di approfondire l’opera di Paolo Aita: poeta, filosofo, letterato, giornalista, redattore di programmi musicali su Radio Vaticana e curatore di mostre. L’esposizione, in programma al Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghesedal 20 dicembre 2019 al 23 febbraio 2020, è stata progettata come un unico percorso costituito da poesie e opere d’arte: alcune liriche cinesi del periodo T’ang tradotte in italiano da Paolo Aita – estratte dal suo libro “Dove l’acqua riposa” – saranno associate a 55 opere d’Arte Contemporanea dei numerosi artisti presenti. 

Promossa da Roma CapitaleAssessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, curata da Donatella GiordanoFernanda Motta (erede Aita) e Donatella Pinocci, la collettiva è prodotta da Vertigo Arte e 100% Periferia con il supporto tecnico di Fondazione Volume!La Nuova PesaKou GalleryRoma Tre Orchestra, Renata Fabbri Arte Contemporanea.

Il periodo della mostra sarà cadenzato da tre appuntamenti tematici interdisciplinari, differenziati a partire dal titolo: OrientementeCanti e Quanti e Foro/Forum. La programmazione si muove in uno spazio di ricerca sperimentale e interdisciplinare tra il confine e il limite: il confine disegna una linea immaginaria tra situazioni diverse, tende alla staticità pur restando temporaneo mentre il limite è mutevole in quanto tensione continua verso l’oltre/altro. I due termini caratterizzano lo spirito di ricerca e condivisione di questi incontri, che vogliono unire i confini delle specificità culturali con la vitalità prodotta dalla condivisione nei diversi campi del sapere. Lo spazio di confine diventa così occasione di dialogo, un filo conduttore di ricerca e confronto con Uomo-Ponte che ha consegnato, attraverso il suo lavoro, un invito, una direzione culturale e spirituale. 

L’evento inaugurale del 19 dicembre 2019
denominato Orientementesarà dedicato all’Oriente. Nella Project Room del museo, dalle ore 17.30, si declamerà una selezione di poesie cinesi tradotte in italiano da Paolo Aita, tratte dal suo libro “Dove l’acqua riposa”. Attori: Juanni Wang, Yikun Chen, Shijie Wang, Yu Zhang per i testi cinesi e Massimo Napoli per i testi italiani. Orientemente ospiterà, fino al 25 gennaio 2020, un’installazione video di H.H. Lim e una scultura di T-Yong Chung proveniente dalla Keats-Shelley House di Roma. 

Gli eventi successivi – “Canti e Quanti” e “Foro/Forum” – sono programmati rispettivamente il 26 gennaio e il 23 febbraio 2020 e prevedono letture, performance e incursioni vocali e sonore. La lettura dei testi “Estratti dal buio” e “Attorno alle mura” di Paolo Aita avvierà un dialogo con ulteriori interventi. Saranno presenti: Guendalina Salini, che sarà impegnata nella creazione di un mandala; il Minuscolo Spazio Vocale, che coinvolgerà gli spettatori con incursioni live; José Angelino e Simone Pappalardo, che animeranno un’orchestra di strumenti automatici e autocostruiti; gli artisti Iginio De LucaMassimo Arduini e Roberto Piloni e il giornalista e critico d’arte Carlo Alberto Bucci, che racconteranno la Storia dell’Arte in modo inconsueto con lo spettacolo “Mima l’Arte”, composto da brevissime performance basate sulla mimica; e l’orchestra universitaria “Roma Tre Orchestra”, che concluderà l’esposizione con un concerto. 

Autori
: Claudio Adami, Salvatore Anelli, Caterina Arcuri, Paolo Assenza, Bizhan Bassiri, Cesare Berlingeri, Simone Bertugno, Arianna Bonamore, Renata Boero, Gregorio Botta, Lucilla Catania, Nicola Carrino, Oreste Casalini, Dario Carmentano, Bruno Ceccobelli, Elvio Chiricozzi, Vittorio Corsini, Michele Cossyro, Verena D’Alessandro, Giulio De Mitri, Teo De Palma, Elena Diaco Mayer, Davide Dormino, Bruna Esposito, Stefania Fabrizi, Franco Flaccavento, Andrea Fogli, Pietro Fortuna, Orazio Garofalo, Felice Levini, Giovanni Leto, Adele Lotito, G&K Lusikova, Ghislain Mayaud, Marta Mancini, Max Marra, Tommaso Medugno, Daniela Monaci, Albano Morandi, Hidetoshi Nagasawa, Innocenzo Odescalchi, Luca Maria Patella, Salvatore Pepe, Daniela Perego, Donatella Pinocci, Roberto Pietrosanti, Tarcisio Pingitore, Alfredo Pirri, Fiorella Rizzo, Alfredo Romano, Nicola Rotiroti, Guendalina Salini, Giuseppe Salvatori, Primarosa Cesarini Sforza, Antonio Violetta, Giulio Telarico, Vincenzo Trapasso. 

Per ringraziare tutti gli artisti e le persone intervenute a sostegno della mostra sarà creata, all’interno del Museo, una sezione denominata “Ponte di Luce”, dove sarà possibile consultare i nomi di tutti i sostenitori.

Inaugurazione: 19 dicembre ore 17.30

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI