No fakes, reality and interesting times

© Thomas Lippick, 2009

 

Dal 07 Settembre 2019 al 29 Settembre 2019

Venezia

Luogo: Visione Altre

Indirizzo: Campo del Ghetto Novo 2918

Curatori: Armand de Bussy

Costo del biglietto: Ingresso libero

Telefono per informazioni: +39 349 8682155

E-Mail info: nofakescampodelghetto@gmail.com

Sito ufficiale: http://www.visionialtre.com


Comunicato Stampa:
Tre artisti contemporanei tedeschi in mostra al Ghetto di Venezia riflettono sulle implicazioni civili e storiche delle fake news.
In concomitanza con la 58° Biennale d’Arti Visive di Venezia, diretta da Ralph Rugoff, dal 7 al 29 settembre, presso lo spazio Visione Altre in Campo del Ghetto Nuovo 2918 (Venezia, 30121), l’associazione italo-peruviana-tedesca Artemis presenta la collettiva No fakes, reality and interesting times.
In mostra le opere di tre artisti di formazione e ambiente tedesco: Jörg Coblenz, (Brema, 1961), Thomas Lippick (Hannover, 1960) e Armand de Bussy (Lima/Perù, 1970), naturalizzato tedesco e nella duplice veste di artista e curatore.

La mostra è sostenuta con il contributo di Karin und Uwe Hollweg Stiftung e in occasione dell’opening nella giornata del 6 settembre interverrà lo storico dell’arte Frank Laukötter (Brema). “In un’epoca nella quale la diffusione digitale di fake news e di ‘fatti alternativi’ - scrive il direttore della 58esima Biennale d’Arte di Venezia - mina il dibattito politico e la fiducia su cui questo si fonda, vale la pena soffermarsi, se possibile, per rimettere in discussione i nostri punti di riferimento”. Questo il leitmotiv che dà ordine al dialogo delle opere in mostra in virtù di una pluralità di linguaggi tenuti assieme nelle differenze d’intenti e di ricerca nell’attuale orizzonte civile e politico. Una mostra che si presenta come critica e libera riflessione sull’influenza sempre maggiore e talvolta dirompente che le fake news giocano nel sistema mediatico e sociale, spesso mostrando la vulnerabilità della nozione corrente di realtà. “Un aspetto significativo che vorrei sottolineare - osserva Armand de Bussy, curatore della mostra - è che a pochi anni dal centenario della ricorrenza della fine della seconda Guerra Mondiale, degli artisti tedeschi fanno una mostra, non a caso intitolata No Fakes, reality and interesting times, in una galleria situata nel ghetto ebraico di Venezia, accanto ad una casa di studi ebraici e ad una casa di riposo per ebrei”. Armand de Bussy ha inoltre disegnato un simbolo che vuole rappresentare la tolleranza e la convivenza di tutte le religioni del mondo in pace e amore. Il simbolo è stato riprodotto su delle spille che verranno donate a tutti i visitatori durante una performance.

Jörg Coblenz, (Brema, 1961) indaga il legame tra materia e colore. Una ricerca che l’ha portato a servirsi del filo da cucito per disegnare e ricamare tele e supporti. In contrasto con l’idea tradizionale del ricamo, inteso come prassi finalizzata a creare immagini, Coblenz ne sottolinea l’aspetto tattile. Ha inoltre esposto a Londra, a Vienna, Bruxelles, Dusseldorf, San Pietroburgo, Chicago e in molte altre parti d’Europa e Stati Uniti.

Thomas Lippick (Hannover, 1960) lavora con l’astrazione, altre creazioni evocano invece delle associazioni mentali. L’artista dà raramente titolo alle sue opere, ma lascia all’immaginazione individuale la contemplazione e l’individuazione del significato. E’ attivo soprattutto in Belgio e in Germania. Espone a Brema, Hannover, Bruxelles. Successivamente, nei primi anni 2000, espone nel Regno Unito e a New York.

Armand de Bussy (Lima, 1970), artista poliedrico, spazia dalla fotografia, alla pittura, alla video arte e alle installazioni. Ultimamente ha iniziato una serie di performance di carattere filosofico dal titolo Destruction, ambientata a Brema, e la serie di carattere politico e sociale intitolata Our precious waste, ambientata nel mercato del pesce di Rialto a Venezia. Ha esposto a Roma, Venezia, Vienna, Praga, Saint Tropez, Berlino, Amburgo e Brema.

Inaugurazione: 6 settembre ore 19

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI