Una famiglia complicata. Nascite, vite e miracoli dei Bellini

Marco Bello, Circoncisione, 1902. Rovigo, Pinacoteca dell'Accademia dei Concordi (part.)

 

Dal 19 Gennaio 2017 al 19 Gennaio 2017

Venezia

Luogo: Gallerie dell’Accademia

Indirizzo: Campo della Carità 1050

Orari: h 17.30

E-Mail info: ambrosano@civitatrevenezie.it


Comunicato Stampa:
Giovedì 19 gennaio alle ore 17.30 presso le Gallerie dell’Accademia di Venezia Giandomenico Romanelli, curatore della mostra “Bellini e i bellinani”, che aprirà al pubblico al Palazzo Sarcinelli di Conegliano sabato 25 febbraio, dialogherà con lo studioso Anchise Tempestini attorno a una delle più importanti famiglie dell’arte veneziana, quella dei Bellini.

L’incontro rifletterà in particolare sulla complessa cronologia della vita del grande Giovanni Bellini, la cui data di nascita è tuttora oggetto di discussione tra gli studiosi. Attraverso la vita e la produzione straordinaria del maestro del Rinascimento, si evidenzieranno i rapporti con Jacopo e Gentile Bellini, anch’essi straordinari interpreti del tempo, tracciando inoltre una mappa del milieu belliniano e della “bottega”, come si diceva allora.

Non poteva esserci cornice migliore per questo incontro belliniano di quella offerta
dalle Gallerie dell’Accademia di Venezia, che conservano la più consistente e completa raccolta di opere di Giovanni Bellini al mondo.
 
La mostra  Bellini e i bellinani
Nel cinquecentenario della morte di Giovanni Bellini prosegue a Palazzo Sarcinelli il ciclo dedicato alla pittura veneziana e veneta negli anni tra gli anni magici del Quattro e Cinquecento, approdando alla figura imprescindibile di Giovanni Bellini.
Qual è stata l’eredità belliniana, quali gli artisti, i pittori influenzati dall’esperienza inconfondibile del Giambellino? In mostra si potranno ammirare opere di Giovanni Bellini, Tiziano, Palma il Vecchio, Tintoretto e alcuni tra i più raffinati interpreti dell’insegnamento belliniano, tra cui Andrea Previtali, Marco Bello, i Santacroce, Bartolomeo Veneto e molti altri. Un avvincente percorso tematico dove il pubblico potrà confrontarsi con alcuni motivi tipici della nuova iconografia belliniana, dalle celebri Madonne con il bambino all’Imago Christi, dalle sacre meditazioni ai ritratti e alle scene mitologiche.
 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI