Indizi contemporanei

Paolo Scirpa, Vibrazione di luce, La XXI ora, 2019. Installazione alluminio neon e specchi, cm. 22x26

 

Dal 23 Dicembre 2020 al 30 Gennaio 2021

Verona

Luogo: Kromya Art Gallery

Indirizzo: Via Oberdan 11/c

Orari: da martedì a sabato 10.00-12.30 / 16.00-19.30

Telefono per informazioni: +39 045 9788842

E-Mail info: info@kromyartgallery.com

Sito ufficiale: http://www.kromyartgallery.com



Dopo l'interesse riscosso con la mostra personale di Giorgio Griffa, che ha inaugurato la sede veronese di Kromya Art Gallerydal 23 dicembre 2020 al 30 gennaio 2021, negli spazi di via Oberdan n. 11c, sarà allestita la collettiva "Indizi contemporanei", con opere di Marco Casentini, Fabrizio Corneli, Federico Ferrarini, Emanuela Fiorelli, Paola Pezzi, Alex Pinna, Paolo Radi e Paolo Scirpa.
L'esposizione ruota attorno ad una selezione di artisti nati negli anni Sessanta e Settanta, conosciuti ed apprezzati nel panorama italiano, ai quali si aggiungono le ricerche di due maestri della luce: Fabrizio Corneli e Paolo Scirpa. 

In esposizione, le sculture in bronzo patinato di Alex Pinna, gli orditi di Emanuela Fiorelli che sondano e scandiscono gli spazi, le strutture essenziali e pulsanti di Paola Pezzi, le estroflessioni di Paolo Radi, i colori del mondo di Marco Casentini ed il prototipo di un progetto di Federico Ferrarini (realizzato in collaborazione con la scultrice italo americana Cristina Carusi) che segna l'inizio di un nuovo percorso attraverso la sperimentazione e la lavorazione del marmo.

Luci ed ombre sono, infine, protagoniste nelle installazioni di Fabrizio Corneli, che nascono da uno studio approfondito dell'ottica e della geometria, e nelle vibrazioni luminose di Paolo Scirpa, che ha fatto della luce la materia prima della sua ricerca.

Nel rispetto della normativa vigente, gli accessi sono contingentati ed è richiesto l'uso di dispositivi di protezione individuale. Eventuali variazioni agli orari di apertura saranno tempestivamente comunicate sul sito web e sui social media della Galleria.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI