Parco Reale

Caserta, Viale Douhet, 2/A

 
  • Dove: Caserta, Viale Douhet, 2/A
  • Indirizzo: Viale douhet, 2/a
  • E-Mail: re-ce@beniculturali.it
  • Telefono: +39 0823 448084 / 0823 277580
  • Apertura: Gennaio, febbraio, novembre, dicembre: apertura 8.30, chiusura 15.30
    Marzo: apertura 8.30, chiusura 17
    da aprile a settembre: 8.30 - 19
    ottobre: apertura 8.30, chiusura 17.30

    La biglietteria chiude un'ora prima. 
  • Costo: Parco e Giardino inglese: intero € 12, ridotto € 6

    La prima domenica di ogni mese, l'iniziativa “domeniche al Museo” prevede la gratuità di tutti i musei e le aree archeologiche. in tali giorni, gli appartamenti storici resteranno aperti gratuitamente, mentre il Parco della Reggia sarà visitabile a pagamento
    € 5,00 intero
    € 2,50 ridotto (dai 18 ai 25 anni non compiuti)
    gratis fino a 18 anni

    e' disponibile anche un biglietto annuale senza limitazioni al costo di 10 €
  • Trasporti: in aereo: 24 km dall'aeroporto internazionale di napoli "capodichino".
    in auto: da Roma autostrada a1( Milano-napoli), uscita caserta nord. da napoli / Salerno / Bari autostrada a30, uscita caserta Sud.
    in treno: caserta è collegata a napoli e Roma con treni ad alta velocità.
    a piedi: dalla stazione circa 5 minuti.
 
DESCRIZIONE:
Il Parco Reale, progettato da Luigi Vanvitelli (1700-1773) e completato dal figlio Carlo (1739-1821), si ispira ai modelli delle grandi residenze europee del tempo come Versailles o il Palazzo Reale della Granja di San Ildefonso.

Il Parco possiede un'estensione di 120 ettari, si sviluppa in lunghezza per circa 3 km ed è alimentato dall'Acquedotto Carolino che porta acqua alle vasche e alle fontane.
 
Sulla sinistra si sviluppa il Bosco Vecchio, parte del precedente giardino rinascimentale degli Acquaviva, dove si incontrano la Castelluccia e la Peschiera, luoghi di divertimento e svago per principi e sovrani.

Un lungo viale centrale conduce alla Fontana Margherita. Da qui si dipartono due rampe laterali semiellittiche, che assecondano l'andamento della collina.

Seguendo la celebre "via d'acqua", disposta su un asse sud-nord, si incontrano le fontane, ispirate a temi della mitologia classica, e sette vasche digradanti che formano altrettante cascate.
Nella Fontana dei Delfini, l'acqua fuoriesce dalla bocca di tre mostri marini. Segue una serie di quattro fontane: la Fontana di Eolo, la Fontana di Cerere, la Fontana di Venere e Adone e la Fontana di Diana e Atteone. Quest'ultima è posta alla basa di una grande cascata artificiale, perno dell'intero impianto scenografico.
COMMENTI
Mappa