Sul piccolo schermo e in sala dal 6 al 12 giugno

Dai musei sotto il mare a Duchamp, la settimana in tv (e al cinema)

Five-Way Portrait of Marcel Duchamp, 21 June 1917, New York City
 

Samantha De Martin

06/06/2022

Dopo che il suo primo dipinto, Nude Descending The Staircase No. 2, fu rifiutato dai pittori cubisti al Salon des Artistes Indépendants nel 1912, Marcel Duchamp con la produzione dei Readymades imboccò un percorso che avrebbe cambiato per sempre le fondamenta stesse dell'arte.
L’impatto che uno dei più influenti modernisti dell'inizio del XX secolo ebbe sull’arte è solo uno dei focus sotto la lente del piccolo schermo. Da Duchamp agli affascinanti sentieri della cultura egizia, ecco gli appuntamenti da non perdere dal 6 al 12 giugno.

Su Sky Arte dall'Egitto a Roma
Le caleidoscopiche sfumature della cultura egizia inaugurano la programmazione settimanale di Sky dedicata all’arte. Lunedì 6 giugno alle 21.15 la serie Mille e una notte in Egitto conduce il pubblico da casa alla scoperta delle tradizioni artigiane e culinarie, senza dimenticare i rituali religiosi, in un mosaico affascinante che compone l’identità unica del popolo egizio. L’episodio di lunedì 6 giugno, intitolato L’orizzonte di Aton, metterà sotto i riflettori il ruolo giocato dalla famiglia all’interno della società egizia.
Giovedì 9 giugno alle 21.15 in prima visione Ezio Gribaudo, protagonista de La Bellezza ci salverà, spalanca le porte del suo studio per ripercorrere la sua longeva carriera, dagli esordi fino alle esposizioni nei più importanti musei del mondo.

La settimana si chiude, domenica 12 giugno alle 21.15, con Power of Rome una prima visione in simulcast su Sky Arte e Sky Documentaries. Il film diretto da Giovanni Troilo e interpretato da Edoardo Leo, seguendo le tracce della nascita dell'Impero Romano, ci regala un viaggio nel tempo per raccontarci Roma, tra incontri divertenti e sorprendenti svolte.

Michelangelo Pistoletto con il Terzo Paradiso

Martedì 7 giugno andrà in onda I segreti dell’Arca perduta, la serie dedicata alla misteriosa Arca dell’Alleanza che, secondo la Bibbia, avrebbe custodito le Tavole della Legge consegnate da Dio a Mosè. Il primo episodio prende le mosse dagli antichi documenti e dalle leggende che vorrebbero l'Arca trafugata dalle legioni romane e nascosta a Roma. Gli archeologi sono al lavoro per scoprire la verità, ma la strada per raggiungerla si preannuncia particolarmente lunga e ricca di sorprese.

Venerdì 10 entriamo nell’universo di Michelangelo Pistoletto, maestro sospeso tra Rinascimento e futuro, con Michelangelo Pistoletto. Artista a responsabilità illimitata, mentre a seguire, alle 18.20, The Arch. - il film documentario prodotto da Scarabeo Entertainment, per la regia di Alessandra Stefani - ci conduce, da Sydney a Melbourne, da Pechino a Seoul, da Berlino a Tbilisi, sulle tracce di un architetto immaginario che incarna la figura senza tempo dell'essere umano alla ricerca del proprio ruolo nel mondo.

Sabato 11 giugno, alle 12.05 Maddalena – Il mistero e l’immagine risponderà a una domanda: chi era davvero la Maddalena? E perché si è diffusa quella affascinante sequenza di rappresentazioni che hanno portato alla costruzione della sua sfaccettata identità? A cercare di fornire una risposta è il documentario che trae spunto dall’omonima mostra in corso ai Musei San Domenico di Forlì fino al 10 luglio. Alcune delle più preziose e suggestive opere d’arte a lei dedicate da artisti del calibro di Masaccio, Bellini, Perugino, Tiziano, Veronese, Tintoretto, Canova, Hayez indagheranno il mistero irrisolto di una donna di nome Maria che ancora oggi inquieta e stupisce.


Un'immagine da The Arch., Sydney | Regia di Alessandra Stefani | Courtesy Scarabeo Entertainment / Adler Entertainment

Su Art Night Marcel Duchamp e l’arte del possibile
Venerdì 10 giugno alle 21.15 su Rai 5, Art Night, il programma di Silvia De Felice e di Emanuela Avallone, Massimo Favia, Alessandro Rossi, con la regia di Andrea Montemaggiori, condotto da Neri Marcorè, sfodera, in prima visione tv, Marcel Duchamp: L'arte del possibile. Questo documentario che esplora la vita, la filosofia e l'impatto di uno dei più influenti modernisti dell'inizio del XX secolo, pone l’attenzione su come le idee di Duchamp abbiano completamente rivoluzionato la nostra comprensione dell'estetica, dell'arte e della cultura. Scopriremo il singolare influsso della sua filosofia e delle sue idee sull'arte, fino ai giorni nostri. Partendo dal suo primo dipinto, Nude Descending The Staircase No. 2, rifiutato dai pittori cubisti al Salon des Artistes Indépendants nel 1912, il film ci catapulta nella Parigi dell'inizio del XX secolo, mostrando come quel rifiuto abbia indirizzato Duchamp verso un percorso che avrebbe cambiato per sempre le fondamenta stesse dell'arte: la produzione dei Readymades. Attraverso il film seguiremo la retrospettiva di Duchamp del 1963 al Pasadena Museum of Art, che lancia il maestro sulla scena dell'arte contemporanea. Le sue idee influenzeranno profondamente il movimento artistico Fluxus e gli artisti dell'epoca come Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Ed Ruscha.


Locandina di Marcel Duchamp: L'arte del possibile | Courtesy Rai 5

Ad aprire una nuova riflessione sull’arte sarà, a seguire, Gillo Dorfles, raccontato nel documentario Essere nel tempo, introdotto dal commento dello storico dell’arte Vincenzo Trione. Realizzato da Fulvio Caldarelli nel 2017, con materiali d’archivio Rai e attraverso le testimonianze di diversi esperti, il documentario illumina su come il critico d’arte triestino  sia stato influenzato dalle teorie di David Hume. Il bello non è nella cosa in sé, ma nella soddisfazione che provoca nel fruitore diceva Dorfles riferendo il pensiero del filosofo empirista scozzese. Aggiungendo: L’arte deve piacere. E il piacere dell’arte mi ha portato a studiare ciò che è o non è arte. Partendo da questa premessa vengono mostrati i filmati che vedono Dorfles nelle varie fasi della sua vita professionale. Ai filmati d’epoca si alternano le testimonianze, dagli storici dell’arte Achille Bonito Oliva e Francesca Pirani, all’architetto Mario Botta.

Su Rai Storia un viaggio nei musei sotto il mare
La settimana dell’arte si apre su Rai Storia con un viaggio alla scoperta dello straordinario patrimonio sommerso nei nostri mari. All’interno di questo museo liquido, ricco di tesori si alterneranno le meraviglie della città sommersa di Baia e la storia del satiro danzante di Mazara del Vallo, gioiello della statuaria in bronzo greca riemerso dalle profondità del Canale di Sicilia, ma anche l'incredibile scoperta dei rostri navali della battaglia delle Egadi, nell'isola di Levanzo, dove i romani, battendo i cartaginesi, misero fine alla prima guerra punica. In questa grande avventura dell'archeologia subacquea, disciplina che proprio in Italia ha visto la sua nascita negli anni Cinquanta del secolo scorso, gli spettatori cavalcheranno pagine ricche di fascino.


Satiro danzante, Età ellenistica (III-II sec. a.C.) o replica più tarda (sec.I d.C.). Bronzo, h cm 200, peso kg 108. Provenienza: Canale di Sicilia, Ritrovamento subacqueo. Mazara del Vallo Museo del Satiro di Mazara del Vallo

Al cinema arriva Rembrandt
Il 6, 7, 8 giugno sbarca nelle sale Il mio Rembrandt della regista olandese Oeke Hoogendijk il nuovo appuntamento della grande arte al cinema, progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital. Mentre collezionisti d’arte come Eijk e Rose-Marie De Mol van Otterloo, l’americano Thomas Kaplan e lo scozzese Duca di Buccleuch mostrano il legame speciale che hanno con i “loro” Rembrandt, il banchiere Eric de Rothschild mette in vendita due tele del maestro, innescando una dura battaglia politica tra il Rijksmuseum e il Louvre. L’intreccio di queste storie svela cosa rende il lavoro del pittore olandese tanto speciale e perché le sue opere tocchino le persone nel profondo

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >