Al Palazzo delle Esposizioni dal 25 aprile al 26 maggio

World Press Photo 2019: a Roma, in anteprima, le 140 immagini finaliste

John Moore, Crying Girl on the Border. Foto: © John Moore per Getty Images. Courtesy Azienda speciale Palaexpo
 

Samantha De Martin

24/04/2019

Roma - La piccola Yanela Sánchez, originaria dell’Honduras, piange mentre lei e la madre, Sandra Sánchez, vengono arrestate dagli agenti della polizia di frontiera statunitense a McAllen, in Texas, il 12 giugno 2018.
Con questo scatto John Moore, corrispondente per Getty Images, ha vinto l’edizione numero 62 del World Press Photo.
"Penso che questa immagine abbia toccato il cuore di molte persone come ha fatto con il mio, perché rappresenta l’umanizzazione di una storia più grande” ha commentato Moore.
Al Palazzo delle Esposizioni, dal 25 aprile al 26 maggio, Crying Girl on the Border si potrà ammirare, in anteprima mondiale, assieme alle altre 140 immagini finaliste del prestigioso contest di fotogiornalismo che dal 1955 premia ogni anno i migliori fotografi professionisti.

In mostra sarà presente anche The Migrant Caravan di Pieter Ten Hoopen, aggiudicatosi il premio World Press Photo Story of the Year con la sua fotografia che immortala un gruppo di persone mentre corre verso il camion che darà loro un passaggio per varcare il confine tra Messico e Stati Uniti.

I nomi dei vincitori della più importante manifestazione di fotogiornalismo al mondo sono stati resi noti lo scorso 11 aprile nel corso della cerimonia di premiazione che ha inaugurato il World Press Photo Festival di Amsterdam.

Quest'anno il concorso ha visto la partecipazione di 4.783 fotografi in arrivo da 129 paesi diversi, che hanno presentato un totale di 78.801 immagini.
Tra i 43 autori presenti ci sono anche tre italiani premiati: Marco Gualazzini, con il suo reportage sulla grave crisi umanitaria in corso lungo il bacino del Lago Ciad, Lorenzo Tugnoli con La crisi in Yemen Daniele Volpe con Still Life Volcano.

Tra le novità di quest’anno si inserisce anche una sezione dedicata al Digital Storytelling con una serie di video incentrati sugli eventi cruciali del nostro tempo.
Dopo Roma, la mostra - ideata da World Press Photo Foundation di Amsterdam, promossa da Roma Capitale e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con 10b Photography - viaggerà verso Matera, Capitale della cultura 2019. In autunno approderà invece a Ferrara in occasione del Festival di Internazionale.

Leggi anche:

• World Press Photo 2019

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >