Sperimentando 2018 - La scienza delle immagini

Sperimentando 2018 - La scienza delle immagini

 

Dal 14 Aprile 2018 al 13 Maggio 2018

Padova

Luogo: Cattedrale Ex Macello

Indirizzo: via Cornaro 1/b

Enti promotori:

  • Comune di Padova
  • Università degli Studi di Padova
  • Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
  • Consiglio Nazionale delle Ricerche
  • Associazione per l’Insegnamento della Fisica
  • Direzione Scolastica Regionale del Veneto

Costo del biglietto: intero 4 €, ridotto 3 € per turno per studenti in visita didattica e ragazzi dai 5 ai 14 anni. Laboratori: 4€. Gratuito: per bambini fino ai 4 anni accompagnati dai genitori, per 2 insegnanti per scolaresca, disabili e per i partecipanti ai concorsi di Sperimentando

Telefono per informazioni: +39 348 7309666

E-Mail info: sperimentando@lnl.infn.it

Sito ufficiale: http://sperimentando.lnl.infn.it/


Comunicato Stampa:
Venerdì 13 aprile alle ore 11 sarà inaugurata nella “Cattedrale” ex Macello la diciassettesima edizione della mostra scientifica interattiva Sperimentando, promossa dall’Assessorato alla Cultura e dall’Assessorato ai Servizi Scolastici del Comune di Padova, dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dall’Università degli Studi Padova, dal Con- siglio Nazionale delle Ricerche, dall’Associazione per l’Insegnamento della Fisica e la Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica ed alcuni istituti superiori padovani e con il patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Padova e dell’Agenzia Spaziale Italiana.
L’iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Antonveneta.
Il tema di questa edizione è La scienza delle immagini e si esplorano le immagini che osserviamo e che descrivono il mondo, i sistemi utilizzati per ottenerle e le interpreta- zioni che il cervello e la scienza ne danno.

Così si passa dalla descrizione della natura e del comportamento della luce a quella del funzionamento dei sensori che permettono di esplorare il mondo nucleare e subnucleare, ma anche l’immensità dell’Universo.

Una breve storia della fotografia e del cinema mostra come si è arrivati alle tecniche at- tuali con la realizzazione di immagini digitali e di filmati in 3D o di realtà aumentata.

La pittura ci ha permesso di avere immagini del mondo animale e vegetale dalla prei- storia ad oggi, quindi l’esplorazione dei pigmenti utilizzati apre una parentesi sull’arte e consente di indagare l’intersezione tra arte e scienza, vedendo come la scienza può aiutare ad analizzare le opere d’arte e a produrre immagini artistiche sia attraverso processi matematici sia esplorando il nanomondo.

Giochi di specchi, illusioni ottiche, effetti particolari al buio, osservazioni di un mondo in cui animali e piante interagiscono con i loro magnifici colori e infine l’esplorazione dell’uomo, dell’Universo e del nanomondo attraverso le immagini che le nuove tecnologie riescono a produrre attendono i visitatori per affascinarli e incuriosirli.

Il visitatore, accompagnato da guide esperte, è invitato a familiarizzare con diversi fe- nomeni scientifici, provando e toccando gli oltre 200 esperimenti esposti. La mostra è pensata per imparare divertendosi ed ha percorsi adatti a un pubblico di ogni età e formazione.
A Sperimentando gli studenti hanno un ruolo da protagonisti, infatti vengono esposti i lavori da loro realizzati aderendo ai due concorsi: Sperimenta anche tu e L’Arte sperimenta con la Scienza. Quest’anno si propongono 36 esperimenti e 208 progetti grafici. La premiazione dei migliori lavori dei due concorsi si terrà giovedì 3 maggio alle ore 16 presso l’aula magna del Bo, Università di Padova

Ricco il programma di laboratori Scopriamoci scienziati, indirizzati a studenti di tutte le età: Dalla chimica al digitale: 150 anni di fotografia, Magie del colore, Vedere l’invisibile, Piccolo ma non invisibile, Dal bit all’immagine astronomica, Tombola astronomica.

Molti gli eventi collegati alla mostra: dalle conferenze presso le scuole sui temi della mostra alle visite a musei e centri di ricerca, alle tecniche per esplorare le parti più piccole della materia.
Orari di apertura: da lunedì a venerdì 8.30-12.45 (apertura pomeridiana solo con prenotazione di almeno 15 persone); sabato 8.30-12.45 e 14.45-18.45; domenica e festivi 10-13, 14.45-18.45.
Le visite sono organizzate in turni della durata di due ore ciascuno.
Dal lunedì al venerdì: due turni alle ore 8.45 e 10.45, apertura pomeridiana dalle 14.45 alle 16.45 solo se l’iscrizione è di almeno 15 persone.
Sabato quattro turni alle ore 8.45, 10.45, 14.45 e 16.45.
Festivi tre turni alle ore 10, 14.45 e 16.45.
Prenotazioni sul sito


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI