Angelo Zanella. Il Miracolo della Fonte

© Angelo Zanella

 

Dal 28 Ottobre 2017 al 07 Gennaio 2018

Assisi | Perugia

Luogo: Fonte di San Nicolò

Indirizzo: via Portica

Orari: 24h

Curatori: Minigallery

Enti promotori:

  • Città di Assisi

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 3332946260

Sito ufficiale: http://www.minigallery.it


Comunicato Stampa:
Per il quarto anno consecutivo la Minigallery di Assisi allestisce presso la Fonte di San Nicolò l'istallazione di un artista contemporaneo: quest'anno tocca ad Angelo Zanella, già affezionato alla Città di Assisi, cimentarsi con l'architettura del luogo e con l'elemento "vitale" per eccellenza, l'acqua. 

MIRACOLO
di Marco Amore

Non è un caso che il lavoro di Angelo Zanella veda la luce nel comune di Assisi; non solo per dare origine a un legame – e cercare una sottesa sinergia – con due delle più venerate icone della cristianità (San Francesco, patrono d’Italia, e Santa Chiara, fondatrice dell’ordine delle clarisse), e dunque intervenire in un territorio avvezzo agli eventi miracolosi quanto ai più comuni accadimenti, ma anche perché l’Umbria, situata nel cuore della penisola italica, risulta essere una delle poche regioni non bagnate dal mar Mediterraneo. Così, attraverso un’istallazione site-specific costituita da un banco di pesci tipicamente marini nell’antica fonte di San Nicolò, in via Portica, l’artista compie un vero e proprio miracolo, trasformando l’acqua della fonte trecentesca in un angolino di mare; metafora questa del miracolo dell’arte, nonché del potere dell’immaginazione umana, sul cosiddetto «mondo sensibile»; probabile omaggio, o strizzatina d’occhi, al miracolo francescano della sorgente, e quindi al celebre affresco attribuito a Giotto di Bondone. Ma non ci si può esimere dal leggerci anche la volontà dell’artista di rifarsi, in maniera seriosa, alla tradizione stessa del miracolo – l’acqua del Nilo trasformata in sangue da Mosè, la trasmutazione dell’acqua in vino durante le nozze di Cana, ecc. ecc – nonché di guardare al simbolismo cristiano, dove l’acqua è l’elemento caratterizzante la vita per antonomasia, ma anche, e soprattutto, l’emblema della purificazione dal peccato e della salvezza dell’anima immortale, e perciò utilizzata per compiere il sacramento del battesimo. Quindi la semplice immersione di una specie animale in un habitat ad essa poco consono, associata al virtuosismo che contraddistingue tutte le sue opere, colpiscono anche l’osservatore meno attento spingendolo a una profonda riflessione su se stesso e sulla società che ci circonda, e invitandolo a stilare un bilancio esistenziale.

Vernissage: 28 ottobre 2017 h 13.30

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI