Pensare Pittura

Liconi Arte, Torino

 

Dal 19 Maggio 2016 al 10 Settembre 2016

Torino

Luogo: Torino

Indirizzo: via della Rocca 28

Orari: 10-13 / 15-19

Curatori: Matteo Pingiori

Telefono per informazioni: +39 011 4276569

E-Mail info: info@liconiarte.com

Sito ufficiale: http://liconiarte.com


Comunicato Stampa:
Che cosa è la pittura al giorno d’oggi? I pigmenti di colore che vanno a tracciare un segno, che sia su una roccia, una tavola, una tela o un muro, sono il linguaggio più antico che l’uomo abbia mai usato. Il dipingere è stato un vettore di emozioni dal momento in cui i nostri progenitori hanno sentito l’esigenza di narrare il loro quotidiano, pregare e dare un senso alla loro creatività.

Questo linguaggio si è evoluto sino ad arrivare ai giorni nostri, nell’era del computer e della realtà virtuale; il linguaggio pittorico nell’ultimo secolo ha vissuto fortune alterne tanto che c’è chi collega l’evoluzione della tecnologia a una perdita di interesse verso la pittura, nonostante ciò i cultori rimangono affascinati da quella categoria di artisti, i pittori, che si tramandano tecniche per trasporre su una tela o una carta pregiata un’immagine o un’emozione.

Liconi Arte oggi si presenta alla città di Torino con l’intento di esporre opere pittoriche di artisti scelti che confermino che questo tradizionale mezzo espressivo continua e continuerà ad accompagnare la storia dell’uomo. Gli artisti rappresentati in questa mostra, Gianrico AGRESTA, Alessandra CARLONI, Fabio CARMIGNANI, Daniele MINI, Stefano RONCHI, VITALIANO, Giulio ZANET, sono quindi testimoni delle moderne correnti d’espressione artistica, sono tutti accomunati dalla capacità di armonizzare linee e colori. Possiedono una pregevole creatività immaginativa dello spazio, riescono a distribuire il medium pittorico giustapponendo i colori in modo che il fruitore possa contestualmente leggere armonia di segno e tonalità.
La pittura quindi in questo momento storico accresce la sua preziosità proprio perché tramanda una sapienza antica.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI