A Jesi un allestimento spettacolare dedicato al sovrano di Sicilia

L'imperatore Federico II rivive in un museo

Una sala del Museo Federico II Stupor mundi. Ph. by Stefano Binci. Courtesy of Museo Federico II Stupor mundi
 

Samantha De Martin

04/09/2017

Ancona - La letteratura lo celebra per aver dato vita, presso la sua corte, alla Scuola poetica siciliana o per aver istituito, a Napoli, la prima universitas studiorum statale e laica della storia d'occidente, che porta il suo nome. L'arte lo ricorda come un generoso mecenate, padre di un'imponente attività edilizia.
Jesi rende omaggio al genio poliedrico dell'imperatore Federico II di Svevia attraverso un'affascinante struttura dedicata allo Stupor mundi. Un'esperienza immersiva più che un museo, che esalta l'inasauribile curiosità intellettuale dell'ultimo sovrano di Sicilia.

Nella stessa piazza in cui, secondo la leggenda, il 26 dicembre 1194 Costanza d’Altavilla, sotto una tenda in mezzo al popolo, diede alla luce Federico II Hohenstaufen, futuro Re di Germania e di Sicilia e Imperatore del Sacro Romano Impero, prende vita un percorso museale di grande fascino istituito dalla Fondazione Federico II Stupor Mundi con il contributo di Gennaro Pieralisi e della Fondazione Marche, in collaborazione con il Comune di Jesi e la Fondazione Pergolesi Spontini.

L'itinerario, ospitato nello storico Palazzo Ghislieri, si snoda attraverso sedici sale tematiche disposte su tre piani, che, attraverso accurate ricostruzioni scenografiche e tridimensionali, installazioni multimediali, proiezioni di immagini tratte da miniature medievali e l’utilizzo di tecnologie di ultima generazione, come il video mapping e supporti touch-screen, danno vita a un vero e proprio viaggio multisensoriale alla scoperta di un imperatore divenuto mito.

La nascita e la storia dei suoi antenati lascia spazio all’incoronazione nella Basilica di San Pietro, al suo rapporto con i papi e la Chiesa, alla Crociata in Terrasanta, alla passione per la falconeria e per le arti.

Entrando nella Sala 4 dedicata all'incoronazione, lo spettatore potrà ammirare un'inedita ricostruzione della Basilica di San Pietro di epoca romanica, mentre nella Sala 7 potrà effettuare un viaggio virtuale all’interno dei castelli - primo fra tutti Castel del Monte - e delle residenze reali donate da Federico al Regno di Sicilia.

Oltre al legislatore emerge anche il Federico II scrittore da questo viaggio trasversale alla scoperta della poliedrica personalità dell'erudito sovrano. Il percorso museale dedica infatti una sala alla più famosa opera dell'imperatore, De arte venandi cum avibus, articolata in sei libri, apprezzata oggi da etologi, naturalisti e falconieri.

I matrimoni e le tragiche vicende degli eredi conducono lo spettatore in un universo in cui è lo stesso Stupor mundi a parlare di sé, condividendo con il visitatore gli ideali che hanno guidato la sua vita e le sue scelte.

«Federico II - ha spiegato Gennaro Pieralisi, presidente della Fondazione Federico II Stupor mundi - è stato il primo ad immaginare un’Europa unita. Di lui abbiamo pochissime cose in Italia, le sue vestigia per esempio, e quelle poche che ci sono si trovano a Palermo. Esistono molti oggetti risalenti all’era federiciana, ma è molto difficile trovare reperti che gli sono appartenuti. Tenuto conto di questo e del fatto che certamente non si potesse realizzare un museo con pochi pezzi esposti, ho iniziato a pensare alla possibilità di un museo interamente multimediale che potesse ricordare e raccontare la storia di Federico II, quelle gesta e quel pensiero che hanno stupito il mondo medievale e non solo, tanto da ribattezzarlo Stupor mundi».

Il sovrano che trasformò la sua corte in un florido crocevia, luogo di incontro tra la cultura greca, latina, germanica, araba ed ebraica, rivive pertanto nella stessa cittadina marchigiana che gli diede i natali. A celebrare colui che elevò il volgare siciliano a lingua della penisola è un percorso spettacolare, dallo stile “cinematografico” dal forte impatto, rivolto a un pubblico vario, dagli alunni delle scuole elementari ai visitatori più informati.

Leggi anche:
• Museo Federico II Stupor mundi a Jesi
• La densità del vuoto. Gli anni Settanta dell'arte

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >