Mimmo Paladino per Modena

Opera di Mimmo Paladino
 

01/08/2007

Come un cavaliere errante che si aggira sullo sfondo di un colossale e fantomatico Crollo, Mimmo Paladino ci guida alla scoperta di battaglie perdute, di meandri nascosti tra storia e vita interiore, di fantasmi che aleggiano dalle macerie del passato e ci rammentano le nostre radici.

Un tema epico e contemporaneo insieme, un filo che si dipana idealmente fra due torri: la torre Ghirlandina, simbolo della città di Modena, per la quale l'artista ha progettato uno speciale rivestimento in occasione del cantiere di restauro di cui sarà oggetto nei prossimi mesi, e la torre franata di tegole e cocci, opera inedita a pavimento che occuperà quasi per intero la superficie della sede dove sarà ospitata.

Un'installazione site specific protagonista della mostra Mimmo Paladino per Modena organizzata e prodotta dalla Galleria Civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che inaugurerà a Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103 a Modena sabato 15 settembre alle 12.

La Galleria Civica di Modena dedica un omaggio all'artista Mimmo Paladino in occasione del suo intervento originale pensato per il cantiere di restauro della torre Ghirlandina, che con il Duomo è stata riconosciuta nel 1997 patrimonio dell'Umanità ed inserita nell'elenco dei siti culturali, storici, artistici e ambientali dell'Unesco. Grazie al vivace rapporto che l'artista ha intrattenuto con Modena nel corso degli anni e alla sua particolare capacità di interpretare le mitologie collettive, filtrando la sensibilità di un luogo e le sue suggestioni, Mimmo Paladino è stato scelto per elaborare un'opera destinata a coprire il campanile più caro alla città. Il profilo di un volto ci saluterà dall'alto spronandoci a ricordare meglio il passato e forse anche le parti nascoste del nostro presente.z

n attesa che l'opera sia montata, la Galleria Civica di Modena ospiterà la personale che l'artista ha voluto intitolare Mimmo Paladino per Modena. Il percorso espositivo conterrà soprattutto il segno di un grande crollo: la catastrofe che vogliamo sventare ma che è sempre tra le nostre paure. Una fantomatica torre apparirà frantumata in mille tegole, alcune delle quali segnate come da antichi graffiti. Alcune grandi tele inedite e una serie di piccole sculture completeranno l'esposizione.

La mostra e il lavoro sulla Ghirlandina condividono lo spirito epico, memore degli antichi guerrieri e di un genius loci europeo che da anni distingue il lavoro dell'artista campano: dopo avere perlustrato le proprie inquietudini dai secondi anni Settanta in uscita da una sua prima fase concettuale, Paladino ha iniziato a lavorare sul tema delle battaglie perdute, del passato in macerie, di radici che pure ci distinguono e che ci danno la nostra specifica identità: mitico fu il suo intervento a Piazza del Plebiscito di Napoli con la Montagna di Sale in cui sporgevano teste e gambe di cavalli carbonizzati e antieroici (1995); più recenti le riletture dell'Ulisse di James Joyce sotto forma di illustrazioni in un'edizione di culto, e il film dedicato alla figura di Don Chisciotte presentato nel 2006 alla 63 mostra internazionale d'arte cinematografica la Biennale di Venezia di cui Mimmo Paladino ha firmato la regia . Nel film un cast d'eccezione - fra gli attori anche la figlia Ginestra, Lucio Dalla, Enzo Cucchi e Edoardo Sanguineti - parla di cose perdute ma anche di un'etica in cui occorre malgrado tutto credere.

La rassegna, a cura di Angela Vettese, si apre in concomitanza con il festivalfilosofia in programma dal 14 al 16 settembre, dedicato nell'edizione 2007 al tema del Sapere, e resterà aperta fino al prossimo 6 gennaio.
Un catalogo con testi critici del curatore e riproduzione delle immagini esposte in mostra sarà pubblicato in coincidenza con il posizionamento dell'opera sulla Ghirlandina.

Mimmo Paladino per Modena
15 settembre 2007 – 6 gennaio 2008
Galleria Civica di Modena
Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande 103, Modena
A cura di Angela Vettese
Orari  martedì – venerdì 10.30 - 13.00 / 15.00 – 18.00
sabato, domenica e festivi 10.30 – 18.00 chiuso il lunedì
Ingresso  gratuito
Informazioni  Galleria Civica, Corso Canalgrande 103, 41100 Modena
Tel. +39 059 2032911/2032940 – Fax +39 059 2032932
www.comune.modena.it/galleria 


COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >