Il Mibact accoglie l'iniziativa lanciata dai social

Riscoprire la bellezza a domicilio: al via l'iniziativa #iorestoacasa

Sandro Botticelli, Primavera, 1482 circa, Tempera su tavola, 203 x 314 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi
 

Samantha De Martin

09/03/2020

La cultura si ferma fino al 3 aprile per contrastare e prevenire il più possibile la diffusione del Covid-19, ma nell’era dei social la riscoperta della bellezza può avvenire anche tra le mura di casa.
Arriva da Twitter l’hashtag #iorestoacasa proprio nel giorno in cui per decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri vengono chiusi al pubblico tutti i musei e i luoghi della cultura in Italia in ragione dell'emergenza sanitaria.
Si tratta di una campagna nata spontaneamente sulla rete, per iniziativa di artisti e personaggi del mondo della musica, del cinema, dello spettacolo, e rilanciata dal ministro per i Beni e le attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, che invita a limitare le relazioni sociali per combattere la diffusione del contagio.

E così mentre le personalità del mondo della televisione postano dal proprio divano di casa video e inviti a non uscire, anche i musei d’Italia invitano ad assaporare con podcast, percorsi virtuali e capolavori diffusi sui canali social i gioielli di casa propria custoditi nelle collezioni.
Dal Parco Archologico di Pompei ai Musei Reali di Torino, Dal MANN agli Uffizi, sono tantissime le istituzioni che aderiscono alla campagna #iorestoacasa! pubblicando, su Facebook, Twitter e Instagram, immagini di capolavori, oggetti preziosi, reperti.

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte aderisce ad esempio alla campagna pubblicando sui propri canali il racconto dei capolavori d’arte. Ieri, giornata della Festa della donna, è stata la volta del ritratto di Andrea Petroni, La mia modella.
Le Gallerie degli Uffizi affidano invece alla mitologia classica, a Zefiro, a Venere, alle Tre Grazie, a Mercurio, il messaggero degli dei con indosso elmo e calzari alati, che sfiora col caduceo una nuvola - protagonisti della Primavera di Botticelli - un messaggio di conforto offerto dalla bellezza che rinasce.

E sempre dagli Uffizi parte la campagna social Uffizi Decameron per portare arte, svago e cultura nelle case di tutti.
Le Gallerie intensificano le attività su Twitter e Instagram e aprono (questa la grande novità) la nuova pagina Facebook con video, foto e storie dai musei. Ogni giorno, sui profili social, verranno pubblicate foto, ma anche video e storie dedicate ai capolavori custoditi nella Galleria delle Statue e delle Pitture, in Palazzo Pitti e nel Giardino di Boboli.


“Oggi un fuoco virale sta cercando di distruggere le nostre belle intenzioni. Non ci riuscirà. Ogni sconfitta è un'occasione di crescita, di riflessione, di rinascita. Rialzeremo la testa, più forti di prima, lavorando in silenzio, per il futuro” scrive su Facebook Paolo Giulierini, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che aderisce all’iniziativa #iorestoacasa.

Al Parco Archeologico del Colosseo un percorso virtuale tra i reperti
Il Parco Archeologico del Colosseo ha invece salutato l’8 marzo con un percorso virtuale tra dee, madri, sacerdotesse, da percorrere durante i prossimi due mesi, ala scoperta della storia di dieci figure femminili la cui memoria è legata a monumenti e ai reperti visitabili tra il Palatino, la valle del Foro e il Colosseo.
Da Rea Silvia alla Ninfa Giuturna, da Giulia, la figlia ribelle di Augusto, a Livia, Storie di donne al PArCo invita a seguire le tracce della memoria millenaria di quelle donne che hanno accompagnato la storia di Roma, dalle origini agli ultimi giorni dell’Impero.

Alla Galleria Nazionale dell'Umbria l'arte va in streaming
La Galleria Nazionale delle Marche, presso Palazzo Ducale a Urbino - una delle province sottoposte a misure particolarmente restrittive dal governo a causa dell'emergenza coronavirus - e la Galleria Nazionale dell'Umbria hanno invece lanciato gli hashtag ti mostro la mostra e taddeo virale per presentare in streaming l’esposizione che la Galleria Nazionale dell'Umbria dedica al pittore senese Taddeo di Bartolo.


Taddeo di Bartolo,Tavolette predella San Francesco al Prato, Hannover 

Sul canale Facebook della Galleria Nazionale dell'Umbria si può infatti seguire la presentazione, a cura del direttore Marco Pierini e di Gail Solberg, della prima mostra interamente dedicata all’artista, che ha registrato oltre 6mila visualizzazioni.

Sempre sulla pagina Facebook della Galleria Nazionale dell'Umbria è inoltre disponibile #laGalleriatifacompagnia, il programma che, a partire da oggi, lunedì 9 marzo, sarà dedicato a tutti gli appassionati di arte. Dalle immagini provenienti direttamente dai depositi della Galleria alle memorie dell'archivio digitale, ad attendere i follower sarà un ricco calendario di appuntamenti.

In realtà anche nelle scorse settimane l’arte aveva fatto ricorso allo streaming per presentare la Biennale di Architettura e la mostra AGAINandAGAINandAGAINand, sul canale YouTube MAMbo channel.

Prosegue in streaming il programma della Triennale di Milano
Anche le attività della Triennale proseguono online. Si comincia con Decameron: storie in streaming nell’era della nuova peste nera. Prendendo spunto dall'opera di di Giovanni Boccaccio, l'istituzione ha invitato artisti, designer, architetti, intellettuali, musicisti, cantanti, scrittori, registi, giornalisti ad “abitare” gli spazi vuoti di Triennale per sviluppare una personale narrazione.
Domani, 10 marzo, alle ore 17 l'artista Silvia Bertocchi presenterà la performance Sortecerta, in cui danza, pittura e teatro si intrecciano.
“Con il silenzio fuori quante storie è possibile raccontare dentro?”.
A partire da questa domanda Bertocchi proporrà una riflessione sulle condizioni di incertezza legate alle recenti vicende in Italia e nel mondo per arrivare a toccare i più ampi temi della libertà di espressione e della sua negazione.

Si proseguirà, il 12 marzo, con la coreografa Annamaria Ajmone, venerdì 13 con Invernomuto, domenica 15 marzo con lo storico dell'arte Giovanni Agosti e, lunedì 16, con l'artista Anna Franceschini. Mercoledì 18 sarà la volta di Victoria Cabello, mentre venerdì 20 è atteso il violoncellista Piero Salvatori.

A Firenze la mostra di Letizia Battaglia visitabile solo su appuntamento
La mostra CORPO DI DONNA di Letizia Battaglia, in corso fino al 7 aprile alla Crumb Gallery di Firenze, si potrà invece visitare nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato solo su appuntamento, chiamando il numero 347 3681894. In esposizione ventitré opere fotografiche di formato diverso, tra cui molte inedite che toccano temi noti ma anche più intimi del suo percorso artistico.

Leggi anche:
• Stop ad arte, musei e cultura in tutta Italia


COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >