Pieter Bruegel the Elder, Margherita la Pazza (Dulle Griet)

Pieter Bruegel

Museum Mayer van der Bergh

 
DESCRIZIONE:
Margherita la pazza (Dulle Griet) di Pieter Bruegel il Vecchio è considerato il pezzo forte della Collezione del Museo Mayer van den Bergh di Anversa.
Sul dipinto ad olio su tavola, datato 1561, si intravvede una scritta, interpretabile come "MDLXI", probabilmente preceduta dalla firma dell'artista.

L'opera andata all'asta a Colonia nel 1894, fu segnalata da Max Friedländer a van den Bergh per la sua collezione dopo varie vicissitudini e passaggi di proprietà, tra cui un periodo che la vide collocata a Praga, dal van Mander (1604) come appartenente alla collezione imperiale di Rodolfo II, ma nache a Palazzo Hradschin secondo gli inventari seicenteschi, o rubata dagli svedesi nel sacco del 1648, per poi riapparire a Stoccolma solo nel 1800.

Il soggetto ritrae una strega del folklore fiammingo chiamata Dulle Griet, incarnazione dell'avarizia, forse richiamo popolare alla figura di Margherita d'Antiochia, Santa che sconfisse del Demonio.
Probabilmente il dipinto, palesemenete ispirato all'immaginario di Bosh,  ebbe lo stesso committente ed era destinata a comporre una serie, insieme alla Caduta degli angeli ribelli e al Trionfo della Morte.

COMMENTI

LE OPERE

Mappa
 
Opere in Italia
 
Opere nel Mondo