Klee.

Paul Klee, Ludus Martis (detail), 1938, 141 Oil and colored paste on cotton on plywood, 43 x 37.5/38.5 cm, Collection Stedelijk Museum Amsterdam, c/o Pictoright Amsterdam 2004 - courtesy © Fondation Bayeler (exhibit "Klee")

DAL 01/10/2017 AL 21/01/2018

Basilea

LUOGO: Basilea - Baselstrasse 101, Riehen | Museo Fondation Bayeler

ENTI PROMOTORI:

Fondation Bayeler

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +41 61 645 97 00

SITO UFFICIALE: https://www.fondationbeyeler.ch/en

ARTISTI: Paul Klee

PROMOTORI: Fondation Bayeler

COMUNICATO STAMPA:
La mostra è dedicata ad un aspetto poco esplorato del lavoro di Paul Klee, vale a dire l'astrazione. Nella prima metà del ventesimo secolo, lo spostamento dalla figuratività e lo sviluppo dell'arte astratta è diventato un tema chiave per molti artisti europei. L'artista svizzero Paul Klee ha anche risposto a questa sfida: le quasi 10.000 opere che ha creato nel corso della sua carriera sono esempi emozionanti dello sviluppo di mondi pittorici astratti e dei processi di astrazione nella pittura. Gli aspetti fondamentali delle opere astratte di Klee sono, inoltre, un elemento centrale della sua intera opera: natura, architettura, musica e personaggi scritti.

La mostra retrospettiva presenterà circa 100 opere provenienti da tutti i periodi di carriera di Klee - a partire dal 1913 - e raccoglierà preziosi prestiti da numerose istituzioni e collezioni private in Europa e all'estero.

Con un totale di 20 opere, Paul Klee è l'artista più rappresentato nella collezione Beyeler dopo Pablo Picasso. Sia come collezionista che come commerciante d'arte, Ernst Beyeler, fondatore del museo, ha difeso l'arte di Paul Klee in molti modi. Nel complesso, circa 500 opere di Klee sono passate per le mani del collezionista e della galleria di Basilea. Come collezionista, Ernst Beyeler si è concentrato principalmente sul lavoro tardivo di Klee, che ha particolarmente stimato per "la qualità dei suoi colori e la sua espressività". Nel corso degli anni ha accumulato una notevole collezione che comprende capolavori come Rising Star (1931) e Segni in Giallo (1937).

 

MOSTRE