Chagall. The Breakthrough Years, 1911-1919

Marc Chagall, La Chambre Jaune, 1911, olio su tela, 84.2 x 112 cm, Fondation Beyeler, Riehen, Basel

DAL 16/09/2017 AL 21/01/2019

Basilea

LUOGO: Basilea - St. Alban-Graben | Museo Kunstmuseum Basel

ENTI PROMOTORI:

Credit Suisse, Novartis Intl, Schlettwein, The Sackler Trust, Berta Hess-Cohn Foundation, Isaac Dreyfus-Bernheim Foundation

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +41 61 206 62 62

SITO UFFICIALE: https://kunstmuseumbasel.ch

ARTISTI: Marc Chagall

PROMOTORI: Credit Suisse, Novartis Intl, Schlettwein, The Sackler Trust, Berta Hess-Cohn Foundation, Isaac Dreyfus-Bernheim Foundation

COMUNICATO STAMPA:

L'esposizione "Chagall -The Years Breakthrough 1911-1919" è incentrata sulla prima fase della produzione di opere da parte di Marc Chagall. La mostra è stata progettata intorno allo straordinario corpus di dipinti dell'artista francese nelle collezioni del Kunstmuseum Basel e della Fondazione Im Obersteg.

Marc Chagall (1887-1985) ha trovato la sua strada come artista nel momento in cui la sua vita si svolgeva tra due mondi diversi: la sua città natale di Vitebsk in Belorussia e Parigi, dove ha vissuto tra il 1911 e il 1914. I dipinti che ha creato durante questo periodo assemblano i ricordi della vita provinciale russa con alcuni frammenti iconici della capitale francese cosmopolita, incorporando reminiscenze dell'arte popolare russa, nonché i più recenti esperimenti stilistici derivati da contatti con numerosi artisti progressisti, tra cui Pablo Picasso, Robert e Sonia Delaunay, e Jacques Lipchitz.

Tra le opere chiave in esposizione provenienti da anni di Parigi vanno citati À la Russie, aux ânes et aux autres (1911), opera che riscosse ampio consenso di pubblico nel 1912 al Salon des Indépendants, e Hommage à Apollinaire (1913), che testimonia l'amicizia di Chagall con il poeta francese e la sua vicinanza all'avanguardia di Parigi.
Il Kunstmuseum Basel presenta anche numerosi dipinti e opere su carta in cui Chagall esaminò lo Stato ebraico e la vita rurale nella sua Bielorussia.

Nel 1914, la vita di Chagall prese un svolta involontaria. Allo scoppio della Prima Guerra mondiale si trovava per una visita a casa e le circostanze lo costrinsero a trascorrere i successivi otto anni in Russia. La mostra comprende una selezione rappresentativa di opere di questo periodo di rapido sviluppo artistico, realizzate in un periodo storico di grandi sconvolgimenti politici e personali.

A Vitebsk l'artista era entrato in una fase di intensa ricerca dell'anima come numerosi dipinti e opere su carta attestano. Uno dei punti di forza degli anni russi di Chagall è il gruppo di cosiddetti "quattro grandi rabbini", di cui tre nella collezione Im Obersteg. Create in rapida successione tra il 1914 e il 1915, queste opere non sono mai state mostrate fino ad ora come un ensemble completo. Mostrano una sintesi delle potenti emozioni suscitate dall'esperienza individuale e dalla ricerca di nuove soluzioni formali. I disegni d'inchiostro Le départ pour la guerre (1914) e altre opere riflettono un fatto decisivo di vita negli anni dopo il ritorno dell'artista in Russia: le operazioni militari che hanno influenzato anche la sua città natale.

Tra le opere del periodo russo ci sono numerosi autoritratti, raffigurazioni della vita ebraica e, infine, progetti per l'organizzazione delle celebrazione per il primo anniversario della Rivoluzione d'Ottobre che Chagall organizzò in quanto commissario per arti e direttore della scuola d'arte di Vitebsk nel 1918.

 

MOSTRE