Breve viaggio nella storia dell'arte sulle tracce delle sirene.

Il fascino ambivalente delle figlie del mare, esseri prodigiosi e simbolici, espressione di feroci entità ancenstrali o delle più nobili aspirazioni dell'anima. 

Note ai più come carismatiche fanciulle acquatiche, protagoniste di miti e leggende di antichissima origine, le sirene appartengono ad una grande famiglia di misteriose creature dalle fattezze ibride, per metà umane e per metà animali, che per millenni hanno popolato l'immaginario degli uomini incarnandone paure o desideri.

Dalle divinità acquatiche adorate dai Sumeri (Zagan o Dagan) e nell'antico Egitto (Nun e Naunet) ai culti ancestrali della Dea Madre nell'Europa Neolitica, dagli esseri antropomorfici con la metà inferiore del corpo simile a quella di un pesce dell'olimpo indiano e del Sud Est asiatico (Matsyāṅganà e Suvannamaccha) al “pesce umano” del folklore nipponico (detto Ningyo), dal gaudente Tritone, figlio del Dio greco del mare, alle Sirene di Ulisse, metà donne e metà uccelli, il cui canto ammaliatore era per gli antichi Greci simbolo di sapienza e conoscenza, il mito di misteriosi esseri ibridi abitanti dell'acqua accomuna tutti i popoli del pianeta.

In Occidente la descrizione delle sirene come esseri malvagi e pericolosi risale al Medioevo, probabilmente originata dalla contaminazione tra la tradizione greco-romana del Mediterraneo e le leggende celtiche e nordiche arrivate insieme ai barbari invasori dell'impero. Le nuove sirene dai lunghi capelli e dalle lunghe code si radicarono saldamente nell’immaginario collettivo, assumendo nei secoli aspetti e simbologie sempre mutevoli, ma portando sempre con sé un'immancancabile carica di irresistibile carisma e inaudita bellezza.
 

FOTO


Sirene o dell'eterno incanto

William Henry Margetson (1860 - 1940), A Little Sea Maiden, Il dipinto fu probabilmente ispirato dal libro Den lille havfrue (La piccola fanciulla di mare / La Sirenetta) di Hans Christian Anderson, pubblicato per la prima volta nel 1837, che narra la storia della figlia del Re Marino che per poter sposare un principe mortale ed ottenere un'anima, vendette la sua meravigliosa voce ad una strega in cambio della trasformazione della sua coda di pesce in un paio di gambe.
William Henry Margetson (1860 - 1940), A Little Sea Maiden, Il dipinto fu probabilmente ispirato dal libro Den lille havfrue (La piccola fanciulla di mare / La Sirenetta) di Hans Christian Anderson, pubblicato per la prima volta nel 1837, che narra la storia della figlia del Re Marino che per poter sposare un principe mortale ed ottenere un'anima, vendette la sua meravigliosa voce ad una strega in cambio della trasformazione della sua coda di pesce in un paio di gambe.
   
 
  • William Henry Margetson (1860 - 1940), A Little Sea Maiden, Il dipinto fu probabilmente ispirato dal libro Den lille havfrue (La piccola fanciulla di mare / La Sirenetta) di Hans Christian Anderson, pubblicato per la prima volta nel 1837, che narra la storia della figlia del Re Marino che per poter sposare un principe mortale ed ottenere un'anima, vendette la sua meravigliosa voce ad una strega in cambio della trasformazione della sua coda di pesce in un paio di gambe.
  • Charles Edouard Boutibonne, Sirene giocano nel mare, 1883
  • Knut Ekwall (1843 - 1912), The Fisherman and The Siren, Olio su tela
  • Frederic Leighton, The Fisherman and the Syren, 1858 | L'artista inglese Frederic Leighton, ispirato dal poema di Goethe, rappresenta in questo straordinario dipinto la seduzione fatale di un pescatore da parte di una micidiale sirena. Nell'era vittoriana, molti artisti furono affascinati dalle creature mitiche per metà donne e per metà pesce.
  • Le Sirene e Odisseo, Stámnos attico a figure rosse rinvenuto a Vulci, V secolo a.C., Londra, British Museum | La prima apparizione delle Sirene in letteratura risale all'Odissea di Omero, che narra dell'incontro di Odisseo con le mitiche creature dal canto ammaliatore, legato all'albero della sua nave per non caderne preda. Per gli antichi Greci il canto delle Sirene, raffigurate al tempo come esseri ornitomorfi, simboleggiava sapienza e conoscenza.
  • Rilievo sumero raffigurante Zagan, Dio dell’abbondanza e della fertilità, Circa III millennio a.C., Parigi, Louvre | Il mito di misteriosi esseri ibridi abitanti delle acque accomuna tutti i popoli del pianeta, il divino uomo-pesce dei Sumeri, Dagan o Oannes, in ebraico Dagon, adorato dai Fenici, divenne il leggendario Poseidone dei Greci e dei Romani
  • Targa con Sirena bicaudata, Palazzetto in Via dei Rossi, Siena | foto: Sailko (Opera propria) via Wikimedia Creative Commons | La sirena a due code di epoca medievale scolpita in moltissimi luoghi di culto e non solo, risale ad una simbologia millenaria legata all'antichissimo Culto della Dea Madre diffuso nell’Europa Neolitica oltre che ai più recenti culti di alcune divinità egizie come Api e Bastet.
  • Illustrazione di anonimo, 1805, Waseda University Theatre Museum | Rappresentazione di un enorme Ningyo che sarebbe stato catturato nella Baia di Toyama e che secondo il testo di accompagnamento avrebbe misurato ben 10.6 metri di lunghezza.
  • Suvannamaccha, figlia di Tosakanth, citata nelle versioni cambogiane e tailandesi dell'opera epica orientale Ramayana, che racconta le vicende della guerra tra Rama e Ravana con il suo esercito di scimmie, Ramakien Mural, Wat Phra Sri Rattana Satsadaram, Bangkok | Foto: Photo Dharma from Sadao, Thailand
  • Concerto acquatico (Nettuno colpisce una roccia con il suo tridente trasformandola in un cavallo), Miniatura tratta dal Livre des échecs amoureux moralisés, XV secolo, Parigi, Bibliothèque Nationale de France
  • Julius Hübner (1806 - 1882), Die schöne Melusine (La bella Melusina), 1844 | Nella tradizione medievale le melusine sono fate dell'acqua, con la coda di pesce o di serpente, destinate a sposare un cavaliere a condizione di non esserne mai viste nel loro vero sembiante. Infrangere il tabù della melusina, simbolo dell'autorità e della ricchezza cavalleresca, avrebbe condotto il cavaliere alla rovina e condannare la fata a restare per sempre un ibrido.
  • Gustav Wertheimer (1847 - 1902), Il bacio della Sirena, 1882, Indianapolis Museum of Art
  • Edward Armitage (1817 - 1896), The Siren, 1888, Olio su tela, Leeds Art Gallery
  • Giulio Aristide Sartorio (1860 - 1932), La Sirena, 1893 circa, Olio su tela, 58 x 129 cm, Torino, GAM - Galleria d'arte moderna e contemporanea
  • Max Klinger (1857 - 1920), Il bacio della sirena, 1895
  • John W. Waterhouse, Sirena, 1900, Olio su tela, Londra, Royal Academy of Arts
  • Charles Haslewood Shannon RA (1863 - 1937), Il pescatore e la sirena, 1901-1903
  • Herbert James Draper (1863 - 1920), Ulisse e le Sirene, 1909 circa, Olio su tela, 177 x 213.5 cm, Kingston upon Hull, Ferens Art Gallery | Nell'immaginario ottocentesco le antiche Sirene dei Greci avevano ormai da tempo assunto le caratteristiche sembianze di bellissime fanciulle abitanti del mare, il cui canto irresistibile costituiva per gli uomini un fatale richiamo erotico.
  • John Collier (1850 - 1934), The Land Baby, 1909, Olio su tela, Londra, Royal Academy | Nel dipinto di John Collier, genero del discepolo britannico di Darwin, Thomas Huxley, in cui una sirena osserva con stupore una bambina nuda sulla spiaggia avvicinarsi all'acqua, si intravvede un singolare connubio tra fiaba e teorie evoluzionistiche.
  • La Sirenetta ed il principe, Illustrazione di Bertall (1820-1882)
  • La statua della Sirenetta si Edvard Eriksen,1913, Bronzo, H 125 cm, Ingresso del porto di Copenaghen | Foto: TripNotice.com via Flickr | Tra i simboli più famosi nel mondo della città di Copenaghenla statua di Edvard Eriksen raffigura la protagonista di una della celeberrima fiaba omonima di Hans Christian Andersen
   

COMMENTI

VEDI ANCHE


Dal Neogene a Marzia Migliora: Lo Spettro di Malthus foto | Gallarate | Museo MA*GA | Dal 10 ottobre al 13 dicembre 2020 Dal Neogene a Marzia Migliora: Lo Spettro di Malthus Il viaggio personale di dell'artista contemporanea nelle antiche miniere di sale della Sicilia.   Cinque mostre da non perdere in autunno - Italia 2020 foto | Mostre imperdibili nell'autunno 2020 Cinque mostre da non perdere in autunno - Italia 2020 Le mostre da segnare in agenda per un autunno all'insegna della grande arte.   La Rivoluzione siamo noi. Collezionismo italiano contemporaneo foto | XNL Piacenza Contemporanea / Galleria Ricci Oddi | Dal 26 settembre 2020 al 10 gennaio 2021 La Rivoluzione siamo noi. Collezionismo italiano contemporaneo Al Centro XNL di Piacenza cinquant'anni di collezionismo italiano raccontano il tempo presente.   Il fascino dannato di Modigliani foto | Al cinema | 12, 13, 14 ottobre 2020 Il fascino dannato di Modigliani Il cinema onora con un docu-film esclusivo uno tra i più grandi artisti del XX secolo nel centenario dalla morte.   Il carosello onirico di Paolo Ventura foto | Torino | CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia | Dal 17 settembre all'8 dicembre 2020 Il carosello onirico di Paolo Ventura In mostra a Torino l'universo fiabesco e surreale del poliedrico artista milanese.   La rinascita dell'Agnello Mistico foto | Gand | MSK - Museum of Fine Arts | Dal 1° febbraio al 30 aprile 2020 La rinascita dell'Agnello Mistico L’Agnello Mistico di Van Eyck prima e dopo il restauro, tra capolavori del primo Rinascimento italiano e opere successive ispirate al Polittico.   La Scapigliatura: Avanguardia ante litteram foto | Lecco | Palazzo delle Paure 17 | Dal settembre 2020 al 10 gennaio 2021 La Scapigliatura: Avanguardia ante litteram In mostra a Lecco le opere dei cosiddetti scapigliati, figli della bohème italiana.   Back to Nature: a Villa Borghese visioni di una nuova armonia cosmica foto | Roma | Villa Borghese| Dal 15 settembre al 13 dicembre 2020 Back to Nature: a Villa Borghese visioni di una nuova armonia cosmica L'arte contemporanea si immerge nella natura invitando tutti a partecipare alla creazione di una futura sintonia universale.   Corrispondenze sul filo del contemporaneo: Caravaggio, Burri, Pasolini foto | Rovereto | Mart | Dal 10 ottobre al 9 dicembre 2020 Corrispondenze sul filo del contemporaneo: Caravaggio, Burri, Pasolini Epoche lontane tra loro si confrontano al Mart, che propone nuove chiavi di lettura dell’arte italiana, alla ricerca delle connessioni tra la storia, i grandi classici e i linguaggi del XX secolo.   Shepard Fairey + Sten Lex. Tra dissenso e rinascita foto | Roma | Galleria d'Arte Moderna | Dal 17 settembre al 22 novembre 2020 Shepard Fairey + Sten Lex. Tra dissenso e rinascita Oltre i confini dell'arte: incontri a Romarama, il programma di eventi culturali promosso da Roma Capitale.Shepard Fairey. 3 decades of dissent + Sten Lex. Rinascita   L’ultimo romantico foto | Parma | Fondazione Magnani-Rocca | Dal 12 settembre al 13 dicembre 2020 L’ultimo romantico Parma Capitale Italiana della Cultura 2020 dedica una grande mostra in tributo a Luigi Magnani, tra i più eminenti uomini di cultura del suo tempo.   Una notte al Louvre con Leonardo da Vinci foto | Una notte al Louvre. Leonardo da Vinci Al cinema 21 - 22 - 23 settembre 2020 Una notte al Louvre con Leonardo da Vinci Arriva nelle sale il film che svela i segreti della mostra parigina che ha celebrato i 500 anni dalla morte di Leonardo.