Between Heaven and Earth. Discover The Last Supper by Bouts

Dieric Bouts (1415 circa - 1475), Ultima Cena, Dettaglio, 1464-1467, Lovanio, Collegiata di San Pietro (Sint-Pieterskerk)

DAL 07/03/2020 AL 07/03/2023

Lovanio

LUOGO: Lovanio - Grote Markt 1 | Museo Museum Leuven - Saint Peter’s Church

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +32 16 27 29 35

SITO UFFICIALE: https://www.mleuven.be/en/between-heaven-and-earth-discover-last-supper-bouts

COMUNICATO STAMPA:

L'appena restaurata Chiesa di San Pietro fa da cornice ad un'esperienza che tocca tutti i sensi, permettendo di immergersi nell'affascinante storia di questa chiesa gotica e riscoprire i suoi tesori d'arte: opere straordinarie di Maestri fiamminghi nel loro contesto autentico. Mixed Reality dà vita all'L'Ultima Cena di Dieric Bouts e consente di scoprire la vibrante Lovanio del passato e del presente.

Il progetto
Dal 7 marzo 2020 in poi la Chiesa di San Pietro a Lovanio sarà il nuovo punto di riferimento per gli amanti dell'arte e del patrimonio. M Lovanio è pronto a guidarti attraverso l'affascinante storia di questa magnifica chiesa - un punto culminante dell'architettura gotica del Brabante - e per aiutare il pubblico a rinnovare la propria conoscenza dei suoi tesori d'arte: una collezione unica di capolavori fiamminghi ancora nella loro posizione originale. Questi tesori saranno presto protagonisti di un'esperienza potente e innovativa che sarà possibile condividere grazie a strumenti digitali unici.

Le migliori opere e le loro storie
Opere come L'Ultima Cena e Il Martirio di Sant'Erasmo di Dieric Bouts, tra i più preziosi pezzi in assoluto della pittura fiamminga, da non perdere durante una visita a Lovanio.

Ma anche l'Edelheeretriptiek e la Croce Trionfale di Jan Borman, l'imponente Torre del Sacramento, la Tomba di Hendrik I e la Cappella di 'Fiere Margriet' hanno un posto nella totale esperienza che M Leuven ha in serbo per i visitatori. Mondi incredibili prendono vita per scoprire le storie dietro la Chiesa, i suoi tesori artistici e la vivace città che li ospita.

Dieric Bouts
Dieric Bouts (circa 1410-1475), al pari di Jan Van Eyck o Rogier Van der Weyden, fu uno dei primitivi fiamminghi più importanti. Di origini olandesi, si stabilì a Lovanio, dove si sposò nel 1448 e vi rimase fino alla morte. Ha dipinto L'ultima Cena e Il Martirio di Sant'Erasmo, due dei suoi capolavori iconici, a Lovanio, dove le opere sono ancora visibili nella loro ambientazione storica.

Altri capolavori dell'artista si sono diffusi nel corso dei secoli nei principali musei di tutto il mondo. Sebbene non fosse ancora ampiamente conosciuto all'epoca, il significato storico-artistico de L'ultima Cena è così grande che l'opera è divenuta un must assoluto per gli amanti dell'arte internazionale.

Le scene religiose che Bouts presenta in un ambiente realistico e terreno sollevano letteralmente i confini tra cielo e terra. In questo senso, Bouts è forse l'artista più esemplare della tradizione del 15° secolo che è alla ricerca di una nuova interpretazione dell'essere umano. Ha studiato le possibilità del realismo e la rappresentazione del mondo reale, in modo che lo spettatore potesse entrare meglio in sintonia con il messaggio che l'immagine doveva trasmettere.

Bouts era il pittore della città di Lovanio quando la città subì un gigantesco rinnovamento urbano. È proprio per questo motivo che è un artista essenziale per lo sviluppo dell'arte rinascimentale in una città umanistica come Lovanio in quel periodo.

luogo