Musei Vaticani

Musei Vaticani, Roma, Il Cortile della Pigna con la Sfera di Arnaldo Pomodoro | Foto: Lalupa

 

INDIRIZZO: Roma, Viale Vaticano

SITO E-TICKER: https://biglietteriamusei.vatican.va/musei/tickets/do?weblang=it&do

EMAIL: info.mv@scv.va

TELEFONO: +39 06 69884676

EMAIL PRENOTAZIONI: tours.musei@scv.va

APERTURA: Lun - Sab 9 - 18 (ultimo ingresso h 16) | Ogni ultima Dom del mese 9 - 14 (ultimo ingresso h 12.30) | Per aperture straordinarie e maggiori informazioni consultare il sito ufficiale

COSTO: Intero € 17 | Ridotto € 8
Il biglietto d'ingresso ai Musei Vaticani dà diritto alla visita dei Musei Vaticani e Cappella Sistina per il solo giorno di emissione.
I settori dei Musei Vaticani chiusi al pubblico possono essere visitati su richiesta.

SITO WEB: http://www.museivaticani.va/2_IT/pages/MV_Home.html

TRASPORTI: Dalla Stazione Termini
Metro Linea A direzione Battistini, fermate: Ottaviano-Musei Vaticani; Cipro (per entrambe 10 minuti a piedi). 
Dall'Aeroporto Leonardo da Vinci (Fiumicino)
Treno Leonardo Express fino alla Stazione Termini e da qui seguire le stesse indicazioni per la metro Linea A.  
Dall'Aeroporto di Ciampino
Pullman Terravision fino alla Stazione Termini e da qui seguire le stesse indicazioni per la metro Linea A. La corsa in taxi da entrambi gli aeroporti impiega all'incirca 40 minuti.
Metro
Linea A fermate: Ottaviano-S.Pietro-Musei Vaticani; Cipro (per entrambe 10 minuti a piedi).
Bus (fermate)
49, di fronte all'ingresso dei Musei 
32, 81, 982, Piazza del Risorgimento (capolinea) (5 minuti a piedi)
492, 990, Via Leone IV / Via degli Scipioni (5 minuti a piedi). 
Tram
19, Piazza del Risorgimento (5 minuti a piedi). 
Taxi
Stazione taxi, Viale Vaticano (di fronte ingresso Musei Vaticani).
Automobile
Parcheggi a pagamento in Viale Vaticano e zone limitrofe. 

DURATA VISITA: 90

DESCRIZIONE:

Sono l’insieme dei musei costituiti dalle collezioni papali.
Questi i principali: Pinacoteca, Museo Gregoriano Profano, Museo Pio Cristiano, Museo Gregoriano Egizio, Museo Chiaramonti, Museo Pio Clementino, Museo Gregoriano Etrusco, Galleria delle Carte Geografiche, Stanze di Raffaello, Cappella Sistina.

L’allestimento iniziò nel Rinascimento nel Cortile ottagono, in quello del Belvedere e nella casina di Pio IV nei Giardini Vaticani, e dopo la dispersione nell’età della Controriforma, le collezioni furono risistemate e ampliate nel ‘700 e nell’800, soprattutto grazie a Pio VII che creò il Museo Chiaramonti, erigendo il Braccio Nuovo che attraversa orizzontalmente il Cortile del Belvedere.

CAPOLAVORI

DA NON PERDERE


FOTO